martedì 24 aprile 2012

Splendori e miserie cittadine: la Rocca

Nessun commento:
Chiudeva la Rocca la piazza verso nord e la pianura e parimenti chiudeva la città  da questa  parte fin quando la ferrovia dette nuovi limiti al centro abitato.
Ma cos'era la Rocca per Fidenza? Chi è nato prima di noi l'ha conosciuta e amata; ciò non ha evitato che altri non l'amasse e, alla fine, la distrusse. Forse perché non era nato qui, forse perché la riteneva inutile simbolo del passato da dimenticare, forse per altro inconfessato motivo.

sabato 21 aprile 2012

Il 25 aprile a Fidenza

Nessun commento:


Con la deposizione delle corone ai cippi dei caduti prendono il via il 24 aprile le celebrazioni del 67 anniversario della "Liberazione" che si concluderanno il giorno dopo, mercoledì 25 aprile. Sotto potrete trovare il comunicato ufficiale del Comune. Fare un quadro, perlomeno numerico, circa l'effettiva partecipazione dei fidentini alla "lotta di Liberazione" negli anni che vanno dal settembre 1943 all'aprile 1945 è oggi possibile anche grazie al lavoro di schedatura, svolto contemporaneamente in ogni provincia dell'Emilia Romagna, che ha prodotto un elenco regionale completo con notizie anagrafiche ed informazioni relative alla partecipazione dei singoli. Lo studio è stato curato dalla ricercatrice Margherita Becchetti. Dalla raccolta e analisi di queste informazioni si è poi concretizzato un volume  di giovani ricercatori, Luciano Casali e Alberto Preti, entrambi docenti di storia contemporanea presso l'Università di Bologna, intitolato "Identikit della Resistenza. I partigiani dell'Emilia Romagna" (casa editrice Clueb, 2011), presentato a Parma mercoledì 18 aprile al Circolo MatriaOff di Borgo S. Silvestro. I dati complessivi del parmense sono illustrati nell'articolo on-line di "la Repubblica Parma".

venerdì 20 aprile 2012

"Corte del recupero": mancano i soldi o il progetto?

Nessun commento:


Non par vero all'opposizione vicina e lontana di poter cavalcare quello che un gruppo di castionesi ha contestato all'amministrazione. Veramente i castionesi i documenti li hanno più che letti, compulsati, annotando contraddizioni, refusi e carenze.

giovedì 19 aprile 2012

67mo anniversario della Battaglia di Fornovo

2 commenti:


I combattimenti che vanno sotto il nome di “Sacca di Fornovo” sono senza dubbio l’episodio militare di maggior rilievo delle giornate 24-30 aprile 1945 nella nostra provincia.
Al termine della sacca concorsero in misura decisiva la truppe del Corpo di Spedizione Brasiliano (F.E.B) comandate dal Mar. Mascarenhas des Moraes. I combattimenti che si svolsero dal 26 al 30 aprile si conclusero con la resa di tutte le forze chiuse nella sacca . Rimandiamo al resoconto del Mar. Mascarenhas i momenti di queste operazioni e della loro conclusione.

mercoledì 18 aprile 2012

Piazza Duomo, la piazza alla ricerca di se stessa.

Nessun commento:

Per i fidentini ed i visitatori c'è solo la facciata del duomo in questa piazza che nei secoli ha conteso a quella del comune la prima posizione in fatto di importanza. I cambiamenti nella viabilità cittadina, inevitabili con l'avvento dell'automobile, hanno finito per marginalizzarla, la scelta urbanistica di isolare il duomo, relegandolo a monumento, ha creato "zone brutte", inguardabili, l'invecchiamento di edifici e persone hanno fatto il resto. La  piazza ha tuttavia conservato la sua pianta triangolare irregolare anche se è stata malamente manomessa verso piazza Grandi. Da una decina di anni davanti alla cattedrale gravano le impalcature del costruendo nuovo palazzo che prenderà il posto dell'ex Palazzo Bellotti demolito. 

lunedì 16 aprile 2012

Il mostro che si è mangiato il distributore

2 commenti:
Perfetto esempio di architettura razionale del ventennio il distributore
è stato demolito per lasciar posto ad un "ecomostro" .

Sono ormai passati dieci anni da quando la follia urbanistica di Fidenza ha preso di mira quest'angolo della città. Risalgono infatti al  2002 le delibere che, dando attuazione agli immancabili accordi presi in altre e più riservate stanze, il Consiglio Comunale ha dato via libera al saccheggio dell'area, strategicamente importante dal punto di vista urbanistico, denominata ex-Esso.

domenica 15 aprile 2012

Quartiere Europa: imputato alzatevi! Anzi, stai al tuo posto

Nessun commento:

Il filmato di pochi secondi sintetizza le due o tre ore del dibattito consiliare che aveva per oggetto l'affossamento del progetto iniziale del quartiere Europa, concepito da amministratori e tecnici ambiziosi ed, oggi, verrebbe da dire  impreparati. Nel filmato oltre alle espressioni facciali si vede come e da chi l'emendamento finale, utile a rabbonire l'opposizione, è stata corretto e validato e quindi inserito nella delibera. Di fatto con questa correzione si è stabilito che il Consiglio Comunale avrebbe avuto un'altra occasione per tornare sull'argomento entro il 2013, prima del bando per la ricerca di gestore della centrale di teleriscaldamento. 

sabato 14 aprile 2012

Oltre la ferrovia: realizzazioni, progetti e amenità varie

Nessun commento:


Lasciata la fontana di Tedeschi e sceso dalla scalinata di Porcelllini al verde m'infilo nel tunnel e ne esco dall'altra parte. Girando a sinistra mi trovo nell'area dove fervono i lavori per la nuova viabilità. Tempo pochi mesi e l'ormai annoso problema di raggiungere lo svincolo intermedio della tangenziale sarà risolto.  
Un ulteriore tassello si aggiunge alla viabilità cittadina creata e ricreata di volta in volta senza un piano complessivo per cui, ad errore, si ripara con altro errore, per poi ricominciare. L'urbanistica non è  per gli architetti e nemmeno per i politici, figurarsi quando le due figure si confondono.
Aiutiamoci ora con le immagini.

domenica 8 aprile 2012

Fidenza e la Via Francigena: occasione mancata o addirittura persa?

Nessun commento:

"Sulla via Francigena, bellissimo borgo antico e stupenda cattedrale." così il "Canale di noemi90021" propone un video dedicato alla nostra città su You Tube. Coglie Noemi l'essenziale dei monumenti cittadini guardabili ancorché trascuri il Teatro Magnani, forse per motivi logistici forse per il fatto che con la Via Francigena il teatro ha poco a che fare. Assente anche la Chiesa di San Michele, oggi sconsacrata, praticamente privatizzata e isolata dal suo contesto urbano e limitrofa ad un giardinetto un po' triste. 

sabato 7 aprile 2012

Il decalogo per la tutela del patrimonio storico e artistico

Nessun commento:

Con Calamandrei potremmo dire che anche l’articolo 9 della Costituzione è un articolo polemico: “la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. Anzi, forse esso appare ancor più polemico oggi di quanto non avrebbe potuto apparire allo stesso Calamandrei, il quale scriveva nel 1955. E questo non solo perché oggi è evidente che la Repubblica, di fatto, non promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca, e non tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico. L’articolo 9 oggi appare polemico addirittura strutturalmente: giacché – nel senso comune, ma anche nella consapevolezza della stragrande maggioranza dei cosiddetti operatori dei ‘beni culturali’ - i due commi che lo compongono sembrano non avere più nulla in comune. Cosa c’entrano, infatti, la cultura, o addirittura la ricerca, con il patrimonio, meglio noto come il “petrolio d’Italia”? E si badi – lo si dice con parole dell’allora (2003) capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi – che “la stessa connessione tra i due commi dell’articolo 9 è un tratto peculiare: sviluppo, ricerca, cultura, patrimonio formano un tutto inscindibile”.

martedì 3 aprile 2012

L'area ex-Panini condominiata

1 commento:
Vista notturna angolo Via Gramsci - Viale Vittoria

Totalmente nuovo l'aspetto che verrà ad assumere questo luogo di Fidenza ridotto ad area spoglia da circa quattro anni dopo l'abbattimento del Palazzo o Villa Panini d'inizio novecento.  Le difficoltà del settore edile potevano far pensare ad un ulteriore protrarsi nel tempo dell'utilizzo dell'area, evenienza questa che avrebbe penalizzato il centro ormai assai debole di appetibili insediamenti abitativi.