martedì 18 marzo 2014

"Lasciamoci così senza rancor" lettera aperta di Germano Meletti



LETTERA APERTA ALL'ASSESSORE AIELLO


Gentile assessore Aiello, l'ultima volta che ci siamo "incontrati" sul blog www.fidenza-luoghi.blogspot fu in occasione del passaggio della Maratona delle Terre Verdiane, in quell'occasione in cui lei mi disse che sono rancoroso. 
Ripeto il concetto: non c'è nessun rancore discutere perché non ci si trova d'accordo su qualcosa, a meno che non si sia prevenuti e la si butti su quel tono nell'impossibilità di difendersi con argomentazioni valide. 
Oggi io ritorno all'attacco e lo faccio nel nome del mio paese, Castione Marchesi, che troppe volte avete trascurato, per la verità la malattia è altamente contagiosa in quanto anche dalle giunte precedenti mai abbiamo avuto un occhio di riguardo per tenere in vita questa frazione ricca di storia, anzi il riguardo c'è stato 
per caricarci il fardello sulle spalle per farci affondare, ripeto: non è vostra esclusiva, ma una cosa che si trascina da anni. 

Oggi sono andato al cimitero, naturalmente quello ci Castione , a portare un po' di fiori, i primi che in questo anticipo di primavera mi ha regalato il mio giardino e li ho deposti sulle tombe dei miei genitori e dei miei nonni. Sa cosa è successo? 
Apro il rubinetto e non esce una goccia d'acqua. Ritorno a casa e porto con me tre bottiglie di acqua per permettere ai fiori di non essicare subito; non è successo nulla, sono ritornato al cimitero ed ho completato in maniera normale la mia operazione. 

Siccome ci sono persone che vengono a visitare i loro cari qui deposti anche da lontano, come avrebbero potuto fare una volta accortisi  del contrattempo? 
Di certo non potevano metterli in un vaso senz'acqua. 

Ho notato anche che sono tantissime le tombe e/o loculi ad avere davanti fiori finti, i miei genitori mai hanno portato fiori non veri ai loro cari e così voglio che succeda anche nei loro confronti, credo sia un sacrosanto diritto.

Ma questo è rancoroso? 
O è un voler dire all'Amministrazione Comunale ciò che c'è di carente sul territorio? 
Sia ben chiaro, nessuno pretende i miracoli, ma il rispetto sì, non prendiamoci in giro Assessore Aiello, non parliamo di rancore, cerchiamo di mettere a posto le cose e le informazioni dei cittadini, non prendiamole per puntigli, se così fosse l'avrei detto prima, ho aspettato solo adesso perchè pensavo che i rubinetti fossero stati chiusi per evitare gelate, ma mai è stato esposto avviso alcuno (la stessa cosa che è successa a Fidenza), in più qui non c'è nessun fiorista che permette di prendere l'acqua dal suo rubinetto anche se i fiori sono stati acquistati da un'altra parte. 

Penso che fare questo non sia una questione di bilancio ed eventualmente nel bilancio hanno pieno diritto di entrarci anche le frazioni. 
Distinti saluti,

                                                     Germano Meletti

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi