mercoledì 9 aprile 2014

Il fascino della politica


"Cambiare Fidenza, adesso si può" è questo il motto con in quale Francesca Gambarini e Lina Callegari si presentano unite nel web e nella campagna elettorale che avrà il suo epilogo il 25 maggio o, eventualmente, nel successivo ballottaggio. Sul web il motto ha dato vita ad una pagina che così si presenta "Questa pagina è il diario della campagna elettorale di due donne coraggiose, Francesca e Lina, innamorate della politica, che vogliono cambiare Fidenza". 
Foto: Inizia un'avventura. Questa pagina vuole essere il diario della campagna elettorale di due donne coraggiose, Francesca e Lina, innamorate della politica, che vogliono cambiare Fidenza. Ma il cambiamento richiede coraggio, il coraggio di ritornare ad assere orgogliosi di vivere in una città saccheggiata ed offesa, provando a cancellare decenni di brutture e malgoverno. 
Ritornando, anche, alla politica e al servizio della collettività. Francesca e Lina credono in questi valori. E tu?Più in dettaglio abbiamo questa dichiarazione che termina con un interrogativo: "Inizia un'avventura. Questa pagina vuole essere il diario della campagna elettorale di due donne coraggiose, Francesca e Lina, innamorate della politica, che vogliono cambiare Fidenza. Ma il cambiamento richiede coraggio, il coraggio di ritornare ad assere orgogliosi di vivere in una città saccheggiata ed offesa, provando a cancellare decenni di brutture e malgoverno. 
Ritornando, anche, alla politica e al servizio della collettività. Francesca e Lina credono in questi valori. E tu?"

Un breve tour fotografico accompagna il tutto, la piazza ed il palazzo comunale fanno da sfondo ed uno strappo a Vicolo Antini documentano una salda unione che le intemperie della politica faranno fatica a spezzare, almeno fino al 25 maggio, poi si sa, la politica non educa alla fedeltà. Questo forse è proprio il suo fascino. 

Intanto si hanno le prime adesioni. La prima è quella dell'amico Germano Meletti che puntuale porta avanti la sua Castione e lancia un appello: "prima di partire: ricordatevi di Castione Marchesi e della sua storia, potrebbe essere il trampolino di lancio per il turismo a Fidenza, andate a vedervi la storia sul mio profilo facebook. Francesca è d'accordo e me lo ha già confermato da tempo, ma anche Lina è d'accordo?".




4 commenti:

  1. Meletti sveglia, quando si tratta di raccattare qualche voto tutti sono d'accordo con lei. Tuttavia mi tolga una curiosità; quando "Lina" era assessore alla Cultura e Turismo come mai non si è spesa in tal senso se, a suo dire, sono anni che propone questo tema ai vari amministratori che si sono susseguiti? O a loro non ne aveva mai parlato prima?
    Infine una considerazione per Ambrogio
    La sequenza delle foto sono per caso un sottile messaggio subliminale? Le due eleganti signore iniziano davanti al Palazzo comunale, poi si allontanano dal palazzo percorrendo un vicolo deserto per finire in mezzo alla campagna in compagnia del Sindaco (però di Castione)...come a dire che dentro il palazzo sanno non entreranno per finire mestamente nell'oblio della periferia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una lettura di questo tipo anche se suggestiva non era nelle mie intenzioni.

      Elimina
    2. Germano Meletti9 aprile 2014 23:24

      Io non so, signor Anonimo, quanto lei mi conosca. Sappia comunque che quando lei parla con me parla sicuramente con una persona onesta e da persona onesta le rispondo. Non posso negare che mi scontrai con Lina Callegari nel suo pur breve periodo di assessorato ed è per questo che, testimone Francesca Gambarini, ho chiesto un incontro per valutare una unione di intenti su quello che riguarda Castione ed i miei progetti in merito, progetti tra l'altro già "sposati" dalla stessa Francesca. Inoltre la lista Identità e Valori, con Lina Callegari capolista, sarà solo una lista d'appoggio a Forza Italia, quindi potrebbe anche essere che in certi punti non la pensino come me, in ogni caso io sono questo: quell'onesto cittadino in cerca di visibilità per il proprio paese, da sempre a vocazione turistica e che mai se ne è accorto nessuno. Un'ultima cosa: il mio progetto su Castione, se attuato, porterà sicuramente enormi benefici anche al turismo per Fidenza, rivalutando lo stesso duomo, l'unico elemento di Fidenza degno di essere classificato "ad interesse turistico" e, sinceramente, non vorrei più vedermi spacciare le baracche di via Bacchini ad interesse turistico, è un enorme flop inventato da non si sa chi e non si sa per quale motivo, appigli storici si potevano trovare molto più facilmente a Castione. Grazie per la domanda e spero di essere stato esauriente.

      Elimina
  2. Franco Bifani9 aprile 2014 16:36

    Lina, Franci, ma perché mai si può cambiare Fidenza solo ora e non prima? Mi piacerà tanto leggere il vostro diario di ragazze di campagna -elettorale,-; la vostra passeggiata verso Castione rappresenta un ritorno bucolico alla natura dei campi e dei prati: Et in Arcadia ego! Qui s'inizia l'avventura delle signore Bonaventura, long live proud Lina and Franci. Voi vi siete innamorate del sor Politica, speriamo che vi rimanga fedele, voi promettete di non cornificarlo, però. Anch'io credo nei valori, specie in quelli aurei, argentei e bollati.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi