giovedì 10 aprile 2014

Notizia bomba o fuoco d'artificio? Germano Meletti non ha dubbi e lo scrive.



NOTIZIA BOMBA SI ABBATTE SULLA CAMPAGNA ELETTORALE: NON E' DATO SAPERE LA QUANTITA' E L'ENTITA' DEI DANNI PROVOCATI: SI TRATTA DELLE DIMISSIONI  DEGLI ASSESSORI DELLA LEGA NORD

Sembrava ormai viaggiare tutto tranquillo verso il 25 maggio, la classica quiete dopo la tempesta, dove ormai i quadri dei candidati e delle alleanze erano praticamente tracciati. 
Invece no: un fulmine a ciel sereno scuote gli ambienti della giunta e del consiglio comunale, modificando le attuali posizioni e sopratutto scombussolando i programmi di molti per le elezioni. 
Cosa è successo? 
Si sono dimessi gli assessori in quota Lega Nord, portando così gli esponenti del "Carroccio" ad ingrossare le file dell'opposizione, che si sono talmente ingrossate da essere diventata maggioranza, relegando in un ruolo minoritario i soli esponenti della Lista Cantini ed i "transfughi" del Popolo delle Libertà che abbandonarono i "berluscones" in favore di Cantini ed i suoi.

Ormai il destino della giunta è segnato, anche se restano uno o al massimo due consigli comunali, nell'ambito dei quali si sarebbe dovuto votare il bilancio, che a questo punto non passerà non potendo può contare sull'appoggio della Lega, quindi ci si attendono le dimissioni dell'attuale governo fidentino.

Adesso andiamo a vedere quali nuovi fronti si aprono per le prossime elezioni. Avrei dovuto fare un pezzo ormai di "quasi consuntivo" sugli schieramenti e sui candidati, ma questo accadimento ci riporta in una fase un po' più confusionaria rispetto a ciò che si era raggiunto. 

In primis rimane ben salda la posizione di Andrea Massari per il PD, che si avvarrà dell'appoggio di una lista civica guidata da, udite udite, Benvenuto Uni . 

Anche Angela Amoruso viaggia ormai spedita verso lidi tranquilli, forte anche dell'ormai pervenuto OK dalla direzione nazionale della lista Movimento 5 Stelle, sarà lei quindi il candidato sindaco ufficiale in rappresentanza dei seguaci di Beppe Grillo, che però potrebbe perdere consensi tra gli elettori viste le scintille che si stanno sprigionando tra l'ex comico e il sindaco di Parma Federico Pizzarotti.

Passiamo poi a Francesca Gambarini: anche la sua posizione è assodata, sarà lei il candidato sindaco di Forza Italia, appoggiata da Fratelli d'Italia, dalla lista Identità e Valori, alla cui testa c'è l'ex assessore Lina Callegari; visto quello che sta succedendo non è difficile prevedere che il gruppo di alleati della Gambarini si avvarrà anche dell'appoggio della Lega Nord. 
Sempre in chiave Francesca Gambarini rimane da definire la posizione degli alfaniani del Nuovo Centro Destra, al suo interno qualcuno si "turerà il naso", ma sembra proprio che la maggioranza del partito sia per dare un appoggio a Francesca Gambarini, cosa che potrebbe avvenire con una propria lista di candidati o attraverso l'inserimento di un paio di propri rappresentanti nella lista di Forza Italia.

Tutto qui? Assolutamente no! Andiamo a parlare di Fidenza Oggi per Domani: i lavori per la presentazione di un candidato sindaco e di un elenco di propri candidati è andato avanti, anche se a fasi alterne, si era ormai arrivati alla conclusione di presentarsi con un proprio candidato appoggiato solo dalla propria lista di sedici aspiranti consiglieri, in caso di non raggiungimento dell'obiettivo era pronto un possibile "piano B": la lista avrebbe appoggiato il candidato sindaco dell'attuale maggioranza, ormai ex, individuato in Gabriele Rigoni. 

Gli ultimi accadimenti invece danno pochi sbocchi alle, seppur minime, possibilità di vittoria finale, quindi Gabriele Rigoni accetterà ancora di correre per e con chi ha governato negli ultimi cinque anni? 
A questo punto vado io ad ipotizzare un "piano B". Potrebbe succedere che all'interno di Fidenza Oggi per Domani, che potrebbe anche cambiare nome a questo punto, si spinga per la candidatura già prospettata di Marco Cavallini, nome che potrebbe trovare tutti d'accordo all'interno del movimento, ma che potrebbe anche essere sostituito con un altro nome. 
Non del tutto da escludere l'ipotesi che, seppur già dichiarato ufficialmente candidato della fino a ieri maggioranza, Gabriele Rigoni possa tornare "alle origini", ponendosi a capo della lista Fidenza Oggi per Domani dalla quale era partito, magari per cercare un appoggio della ex lista Cantini e transfughi PDL, che passerebbe così in subordine all'interno della da me ipotizzata coalizione.

Ultima tessera del mosaico da mettere al suo posto è quella della sinistra (Sinistra Ecologìa e Libertà, cioè i seguaci di Nichi Vendola ed eventuali alleati), da varie parti viene ipotizzato in un proprio candidato sindaco, al di fuori di ogni alleanza, identificabile in Franco Nardella.

A questo punto potrebbero essere sei i possibili candidati sindaci, una cifra da record, ma le sorprese sono finite o ce ne attende ancora qualcuna? 
Ancora una volta "ai posteriori l'ardua sentenza".
                               Germano Meletti




14 commenti:

  1. Ok, ma la notizia bomba quale sarebbe??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Germano Meletti10 aprile 2014 21:22

      Se non si vede la notizia bomba nelle dimissioni che sarà costretta a dare una giunta quando era già in dirittura d'arrivo (ricordo che mancano solo 45 giorni alle elezioni e l'attuale consiglio verrebbe sciolto qualche giorno prima) vuol dire che o non se ne capisce niente di politica amministrativa o si vuole furbeggiare o la bomba se la è fatta appena prima di mandare il commento il suo anonimo autore, che rispetterei comunque se avesse messo un nome.

      Elimina
  2. Anonimo, è quella che i legisti si sono ritirati, come i panni di lana di una volta, se li mettevi in acqua troppo calda. Da non politico, mi viene veramente la nausea, nel vedere che, tranne per qualcuno, viene messo in scena un balletto, vergognoso ed indecoroso, tra salti della quaglia e giochino dei quattro cantoni, pur di accaparrarsi un seggiolino su cui posare le chiappe, ben remunerato, attaccandosi, come sanguisughe o remore, al carro di qualche vincitore. Io propongo la fondazione di una lista "Meglio un ovino oggi che tanti gallinacci domani". Di tutto divine voglia, come una donna incinta, meno che di andare a votare il sindaco di Fidenza. Non vedo un candidato per cui valga la pena recarsi in una sezione, entrare in cabina e fare uno sgorbio sul suo nome, su un pezzo di carta straccia.

    RispondiElimina
  3. Chi da e chi töš, g'ha la bìssa intèl cör.

    RispondiElimina
  4. La situazione da te descritta corrisponde al quadro attuale, fatta eccezione per l' "ultima tessera del mosaico" del tutto errata: é tal Andrea Pellegrini, e non Franco Nardella, a tentare di organizzare una lista sponsorizzata da Sinistra Ecologia e Libertà e Comunisti Italiani (Fellini), in appoggio anche questa a Massari . Certamente non è finita, altre sorprese sono dietro l'angolo;continua a cercare, tienici informati .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Germano Meletti15 aprile 2014 13:28

      Oggi, dopo cinque giorni, ti posso dire che avevo visto giusto io. Ma sai che in previsione di queste elezioni mi va di culo? Pensa fino ad oggi le ho azzeccate tutte

      Elimina
  5. Ti ringrazio per la stima ma Don Chisciotte si ritira ... il gruppo Fidenza Oggi per Domani, dove io purtroppo sono entrato tardi è finito ma rappresenta sicuramente la parte più bella e pulita di Fidenza.
    Da qui è uscito candidato sindaco Gabriele Rigoni, che probabilmente non vincerà ma che ha guadagnato da parte mia una grandissima stima e sarà sicuramente la persona per cui tiferò ... è più forte di me tengo sempre per i perdenti. Per il resto perdita di tempo e di energia ma una discreta visione del mondo fidentino da cui ricavo alcuni nuovi amici ma anche un pò di disgusto per personaggi venduti e corrotti che giocano con le persone per bene incantandole con falsi valori davanti a interessi personali ignobili. Liste civetta e altre grosse delusioni umane. Me ne esco a testa alta e auguro a Fidenza un bel futuro! :-) ... certo di persone con me ce n'erano tante e a quelle qualche consiglio elettorale lo darò soprattutto sul "chi non votare"! Ciao Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Germano Meletti11 aprile 2014 13:04

      Carissimo Marco, sono (veramente!!!) dispiaciuto della tua assenza dalla prossima competizione elettorale, anche perchè sono d'accordo con te in tutto, compresa la partenza, non ci siamo incontrati, ma anch'io sono stato molto "coccolato" da Fidenza Oggi per Domani, partecipando anche a diverse riunioni, tanto da propormi anche la candidatura a sindaco, ruolo troppo grande per la mia portata, anche perchè in una lista di "seconda fascia" (inteso come ipotetico numero di voti cui può aspirare) ci si ritroverebbe a prendere, se va bene, un seggio, per cui io "pivellino" mi troverei solo a scontrarmi con i "mostri sacri" della politica locale. A questo punto ho scelto la candidatura in Forza Italia, anche se come indipendente, non per voglia di potere ma su "gentile richiesta" della maggioranza dei miei compaesani. Ciao Marco, anche se non la pensiamo nello stesso modo, con le persone intelligenti e di buona volontà ci si confronta sempre volentieri.

      Elimina
  6. Grazie Marco per questo intervento, il primo che sento che non sia viziato da "dico e non dico". Una boccata di ossigeno dopo le miserie di questi giorni.

    RispondiElimina
  7. Marcaval parla di "personaggi venduti e corrotti"; se ha le prove denunci nelle sedi competenti, altrimenti anche lui gioca ".... con le persone per bene incantandole ...". Fidenza ha bisogno di altro, la politica del sospetto non paga!

    RispondiElimina
  8. Gentile Marco, condivido pienamente la sua analisi e le sue considerazioni. A tal proposito le cito testualmente un interessante passaggio di Lina Callegari apparso sulla Gazzetta di Parma del 1° Novembre 2013
    “Questa vicenda (il riferimento è all’ispezione del MEF) ha neutralizzato e messo una pietra tombale su tutta la classe politica del passato, nessuno ne esce indenne. Fidenza ha bisogno di essere amministrata ed ha bisogno che ciò venga fatto da una classe dirigente che non neghi il ruolo della politica”.
    Adesso la domanda mi sorge ovvia e spontanea; essendo la Callegari stata lei stessa dal 2004 al 2012, saltando un pò di qua e un po di la, a pieno titolo parte di quella classe politica sulla quale oggi pone una pietra tombale e dalla quale nessuno dovrebbe uscirne indenne, perchè oggi si ripresenta con una sua lista?
    Come dice lei nel suo intervento, anche in questo caso ho la netta sensazione che si "predichi bene e poi si razzoli molto male"

    RispondiElimina
  9. A volte ritornano, come citava il titolo di questo cult-movie. Io, al contrario della Callegari, sono convinto che non solo Fidenza, ma tutta la nazione italica, avrebbe il bisogno assoluto di una classe dirigente del tutto sganciata dalla politica, la quale, tramite certi suoi infami componenti, ci ha ridotto sul lastrico. E' necessario negare totalmente il ruolo della politica e dei politici, specie quelli di lungo corso. Essi, da millenni, predicano male e peggio razzolano.

    RispondiElimina
  10. Non caro coraggioso anonimo ... quando parlo qui di personaggi venduti e corrotti sto parlando di "non persone" che si presentano sotto bandiere vergini diverse da quelle cui appartengono senza alcuna verginità. E questi non si possono denunciare ma solo cancellare dalla propria vita sperando che gli elettori intelligenti se ne accorgano prima di concedergli fiducia. Per il resto la mia vita e le mie battaglie (che non perderò certo tempo a raccontare ad un anonimo personaggio nascosto dietro ad un monitor) parlano da sole per me e per la mia onestà sia intellettuale che economica.

    RispondiElimina
  11. Germano Meletti11 aprile 2014 20:23

    Data la stima che ho per Marco, largamente confermata da questa precisa e chiara risposta, che condivido totalmente, aggiungo che sono sì tanti i politici che si sono comportati non correttamente e che lo fanno ancora oggi, ma questo non vuole dire che la cosa valga per tutti. Quale interesse può avere un consigliere comunale di opposizione, che non gestisce proprio nulla, se non il compenso di circa 20 (Venti) euro per ogni consiglio comunale? Proprio per questo voglio citare Lina Callegari che, non lo nego e già lo ho scritto in altra parte del blog, ho avuto screzi su divergenze d'opinione. Ebbene, Lina Callegari subentrò come prima dei non eletti nelle file della Margherita, a sostegno dell'allora maggioranza, nel periodo di governo della giunta Cerri. Si defilò poi dalla maggioranza, passando con l'opposizione di centrodestra. Ricevette un consistente numero di consensi nelle elezioni di cinque anni fa, questo le schiuse le porte per essere nominata Assessore alla cultura. Strada facendo subentrarono divergenze con la guida del Comune e lei si dimise (o venne allontanata, non ricordo con precisione). A questo punto mi sembra fortemente riduttivo criticare Lina Callegari solo per simpatia o superficialmente per divergenze con la giunta oggi a fine mandato, del resto la stessa cosa è successa ad un totale di otto assessori (su cinque assessorati), cifra da Guiness dei Primati.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi