domenica 29 marzo 2015

Disunione terre verdiane “ritorno al futuro”

In concomitanza con la visita di Giorgia Meloni a Fidenza Fratelli d'Italia ci fa pervenire una foto corredata da un comunicato stampa che riportiamo nella sua maschia integralità.
Parlando di Unione Terre Verdiane non possiamo essere insensibili al grido di dolore da qualsiasi parte provenga. Non siamo noi infatti muniti di un orecchio destro e di uno sinistro o, meglio di occhio destro e di uno sinistro per mirare al centro?



Unione terre verdiane “ ritorno al futuro”

Unione Terre Verdiane nasce nel 2006 con l’intento di sfruttare al meglio alcuni servizi intercomunali, sicurezza, welfare, pianificazione del territorio, servizi pubblici locali. “..inizialmente aveva l'intento di realizzare obiettivi a garanzia del mantenimento di servizi, investimenti strategici delle risorse economiche e più in generale di valorizzare la competitività economica del territorio.”, tutto ciò, forse, quando UTV faceva cassa con i fuorilegge autovelox..
A quasi 10 anni dalla sua nascita è evidente il fallimento di questo ente, la cui funzionalità e finalità sfugge ai cittadini. 
Emblematico a tal riguardo è l'ultimo bando pubblicato dall'Unione, con scadenza il 31 marzo prossimo, e testualmente volto alla "promozione della massima conoscenza dell’esistenza e delle modalità di fruizione dei servizi erogati dall'Unione alla collettività di riferimento, attraverso i più diffusi canali di comunicazione, nonché un’adeguata promozione del territorio"...come a dire, parafrasando, che si è ben a conoscenza del fatto che nessuno abbia capito a cosa servano le Terre Verdiane! e per di più, alla modica cifra, a danno dei cittadini, offerta al professionista eventualmente incaricato, di € 19.800,00 annui, al netto degli oneri contributivi e fiscali di legge. Questo è il motivo per cui pretendiamo un ritorno ai comuni.
E' un inutile baraccone, che funge da:
a) poltronificio
b) bacino di voti e collettore di clientela ( posti di lavoro farlocchi )
c) doppione di servizi già erogati (vedi informatica)
d) sperpero delle casse dei contribuenti: il canone di adesione, data la congiuntura storica, è decisamente fuori mercato . Riteniamo che con quella cifra si potrebbe benissimo gestire in loco la sicurezza.
GIA NEL 2013 IL CODACONS DENUNCIAVA CHE GLI INNUMEREVOLI ENTI INUTILI CI COSTAVANO 10 MILIARDI ALL'ANNO . OGNUNO FACCIA LA SUA PARTE, COMINCIAMO CON QUELLI A NOI VICINI CHE BEN CONOSCIAMO, RIDUCIAMO I COSTI DELLA POLITICA CHIUDIAMO QUESTA COSTOSA INUTILE SANGUISUGA.
In beffa, si potrebbe dire che i padri fondatori potevano quantomeno registrare il nome.. Almeno adesso verrebbero corrisposte le “royalties” da parte di alcune enoteche.


Gaetana Russo Portavoce Comunale Salsomaggiore Terme
Domenico Muollo Portavoce Comunale Fidenza

2 commenti:

  1. Franco Bifani30 marzo 2015 12:18

    A' Ggiorgia, quanto se' caruccia, ahò, te possino…Saluto con affetto la cara Gaetana, detta Tania, Russo, 20 anni fa una delle mie alunne più mature d intelligenti della mitica IIIG. Mimmo, ma perché ti ostini a vestirti sempre da testimone dello sposo, o della sposa? Comunque, se fossero stati al governo di Fidenza-Borgo i Fratelli d'Italia, al posto dell'UTV avremmo avuto una formazione omologa, magari più simile, nelle divise, alla MVSN, ma con gli stessi difetti. . Eia, eia, va' mò là, eia, eia, vado là!

    RispondiElimina
  2. Germano Meletti5 aprile 2015 15:42

    Concordo pienamente su questa disamina sull'Unione Terre Verdiane, un carrozzone fortemente indebitato e senza nessun tornaconto per i cittadini, solo per i politici di una certa parte, che sono quelli che l'hanno voluto, distribuito e regalato a "clienti" più o meno bisognosi. Il Comune di Fidenza mi risulta sia indebitato con il "carrozzone" per 9 milioni di euro (cinque annualità da 1 milione 800 mila euro), il tutto comunque da verificare ma non lontano sicuramente dalla realtà, divenendo così il comune più indebitato di tutti quelli facenti parte dell'Unione. Quasi tutti i comuni sono indebitati (meno Soragna?) e nessuno supera Fidenza sia come anni scoperti che come cifra in assoluto. Ogni comune paga proporzionalmente al numero di abitanti e all'estensione (per confronto con Fidenza, il comune di Roccabianca spende poco più di 300 mila euro l'anno). Riporto una battuta giù fatta su facebook: Andrea Massari, presidente dell'Unione Terre Verdiane sembra sia incazzato nero con Andrea Massari, sindaco di Fidenza e che gli abbia intimato l'out out per rientrare del debito contratto, pena l'espulsione dall'Unione Terre Verdiane. Staremo a vedere gli sviluppi

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi