venerdì 10 aprile 2015

70° Anniversario della Resistenza e della Liberazione

La sezione fidentina dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (Anpi) ha elaborato un  ricco programma di iniziative per la ricorrenza del 70° anniversario della Liberazione che cade appunto in questo mese di aprile 2015.
Già è in corso il cartellone del cineforum di cui abbiano dato notizia e che si concluderà il 25 aprile con la proiezione del film "Roma Città Aperta" e prosegue domani con la proiezione, presso il Centro Giovanile di Via Mazzini, del film "L'Agnese va a morire" di Giuliano Montaldo.

Da giovedì 16 aprile si entrerà nel vivo degli appuntamenti come precisato in dettaglio nel programma


25 APRILE SEMPRE
Programma delle iniziative
  • Giovedì 16 Aprile, "Una Nuova Resistenza", serata letteraria con Gabriella Manelli e Fausto Maria Pico. In collaborazione con Gli Amici Della Vecchia Talpa.
  • Venerdì 17 Aprile, "Tutela della democrazia contro l'attivismo politico-culturale del neofascismo", conferenza con Luciano Guerzoni, Paola Varesi e Cinzia Venturoli. In collaborazione con CGIL Fidenza.
  • Sabato 18 Aprile,  Proiezione  del film "Achtung Banditi"
  • 20 - 25 Aprile, Mostra Fotografica "Sulle Orme dei Partigiani". In collaborazione con Le Giraffe, Marco Cavallini, Museo di Mormorola.
  • 23 Aprile, Visita guidata al Museo Cervi e al Museo di Sasso. In collaborazione con Centro studi movimenti - Parma.
  • 25 Aprile, "A Pranzo con i Partigiani", "Note Resistenti", proiezione del film Roma Città Aperta
  • 26 Aprile, "Aperitivo Partigiano". In collaborazione con ARCI TAUN.   

6 commenti:

  1. Intanto, perchè non pubblicare le foto dei cippi dei partigiani caduti nei dintorni della nostra Città, sarebbe un modo più coerente per ricordare chi ha dato la vita per questi risultati.

    RispondiElimina
  2. Anonimi fidentini, io sono convinto che i risultati cui intendevano arrivare i caduti della Resistenza fossero ben diversi e molto migliori di quelli che abbiamo sotto gli occhi, oggi. Se potessero rinascere, rimarrebbero delusi e d amareggiati, considerando che avevano dato la vita per migliorare il nostro Paese.

    RispondiElimina
  3. L'intento degli Anonimi era proprio quello di provocare la riflessione su quanto ha espresso in modo succinto, ma molto chiaro il prof. Bifani. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè, non si era capito?

      Elimina
  4. Alle volte, quando vedo partecipare, alle commemorazioni del 25 aprile, i vecchi partigiani, mi chiedo che cosa mai passi nella loro mente, considerando per quali risultati hanno combattuto,un tempo, su in montagna o nei GAP e SAP, rischiando sempre le loro giovani vite.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi