venerdì 26 giugno 2015

Il recesso unilaterale dall’Unione Terre Verdiane


Questa sera il Consiglio Comunale sarà chiamato ad approvare il recesso unilaterale dall’Unione Terre Verdiane ai sensi dell’art. 7 dello Statuto con effetto dal 1° gennaio 2017.
Un atto dovuto che segue alla decisione unanime dei Comuni parte dell'Unione, decisione sollecitata da tempo dall'opposizione consiliare fidentina. 

Ma alla fine quale sarà la decisione delle tre forze di minoranza visto che la maggioranza da sola non basta occorrendo un quorum qualificato?
La dichiarazione di Francesca Gambarini, che riporto integralmente sotto, non lascia dubbi e la delibera non dovrebbe avere intoppi e si eviterà la manfrina delle tre votazioni entro il 30 giugno.  

"A Salso‬ e a Soragna‬ non passa in Consiglio comunale il recesso dall'Unione Terre Verdiane‬. Dovranno rivotare. Domani si vota a ‪‎Fidenza‬. Forza Italia sostiene da sempre l'inutilità di questo carrozzone mangiasoldi. Nel 2009 vincemmo le elezioni promettendo di uscirne. Nel 2012 abbandonammo la maggioranza anche perché la promessa di uscire da Terre Verdiane non fu mantenuta. Domani con la stessa coerenza di questi anni voteremo a favore del recesso. Questa è una sconfitta politica del Pd, che ha voluto, sostenuto e mantenuto questo baraccone. Ciò non toglie che non condividiamo il metodo schizofrenico con cui si è arrivati a questa decisione, senza un vero dibattito su quello che accadrà in futuro. La priorità è la tutela dei dipendenti. Vigileremo perché non si creino altri carrozzoni inutili. Ora ci dicano: quanto è costato ai fidentini mantenere l'Unione Terre Verdiane??"


Riguardo al comportamento di Rete Civica Fidenza e del Movimento 5 Stelle possiamo dire poco.
La posizione di Rete Civica che potrebbe prevalere è quella di non presenziare, vista l'incertezza totale sui costi di questo frettoloso recesso che nessuno ha stimato in precedenza e la totale incertezza sul personale dell'Unione.

6 commenti:

  1. Praticamente un voto al buio. Bravi, si vota senza nemmeno sapere cosa costerà ai cittadini tutto questo. Complimenti a chi tirerà su la mano in particolare al PD, vero artefice di questo fallimento politico

    RispondiElimina
  2. La panoramica della foto del corridoio che porta alla Sala Consiliare, con porte ai fianchi, se debitamente illuminata con luci livide e violacee, sarebbe l'ideale per un film di Dario Argento

    RispondiElimina
  3. Da stasera Massari più che un Sindaco è un'anatra zoppa. Sulle Terre Verdiane è stato mollato dal segretario capogruppo Gallicani assente in consiglio, scaricato malamente da Tosi che ha letto un intervento dai toni durissimi e molto chiaro, praticamente si è ritrovato a fare la figura del Paguro Bernardo verde dal nervoso. Fortunato che in soccorso è arrivata Forza Italia che con la Gambarini (ma chi l'ha consiglata?) ha commesso un errore di opportunità politica clamoroso rimanendo in aula e votando a favore. Fosse uscita avrebbe potuto poi eventualnente votare a favore lunedì prossimo, ma nel frattempo il PD avrebbe trascorso un caldo weekend dove sarebbero volati stracci.
    Pare che comunque già stasera nel PD qualche straccio sia già in volo...

    RispondiElimina
  4. Si un grave errore per Forza Italia fare da sponda a Massari e il PD. Dopo le durissime parole di Tosi, che ha detto che votava stasera ma non avrebbe più votato così, e vista l'assenza del segretario capogruppo PD Gallicani sarebbe stato interessante, oltre che politicamente intelligente, aspettare lunedì per vedere cosa sarebbe successo in casa PD.
    Peccato si è persa una bella occasione per fare politica seriamente e con un minimo di strategia, d'altra parte non è da tutti essere dotati di intelligenza politica

    RispondiElimina
  5. Non si comprende perché forza italia non abbia approfittato della situazione per fare quello che qualsiasi minoranza seria avrebbe fatto ovunque: mettere in difficoltà la maggioranza specie dopo l attacco dello stesso Tosi e l assenza di Gallicani. ..
    perché. ..?

    RispondiElimina
  6. Se Forza Italia ha votato insieme al PD ci sarà sicuramente qualche preciso motivo di interesse oscuro ai normali cittadini. Non dimentichiamo che il PSC deve ancora essere approvato e tra Fidenza e Salso c'e ancora tantissima terra vergine da gestire...

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi