mercoledì 8 luglio 2015

Momenti di panico alla rotatoria delle Carzole

Il Sindaco Andrea Massari accompagnato dagli assessori Davide Malvisi e Fabio Bonatti e all'architetto Alberto Gilioli si è recato in cantiere, ma, ad un certo momento, la consultazione delle carte ed anche la ricerca di riferimenti urbanistici hanno dato l'impressione ai presenti di non essere nel luogo giusto  Dopo non pochi minuti di vero panico l'arcano si è felicemente risolto, ci si è infatti accorti che le carte prodotte riferivano alla rotonda in fondo a Via Gramsci. Una corsa negli uffici di Piazza Garibaldi ha risolto il problema. Libero adattamento da “La città ha ripreso a correre”, commedia in tre atti  ed un quarto.
Ma non lasciamoci distogliere dalla realtà dei fatti così ben narrati dai protagonisti in un comunicato stampa. Annoto che quest'ultimo in un aspetto concorda con quanto riportato nella didascalia della foto: "la città ha ripreso a correre". 

Prima tuttavia di leggere il comunicato stampa alcune annotazioni, l'opportunità ce la da l'amico Angelo Orzi che pubblica alcune foto molto belle, queste: 
1944
1948
Le foto si prestano a varie considerazioni ma qui interessa segnalare la presenza in ambedue di una striscia bianca che taglia le due foto orizzontalmente in due metà, la strada ad un certo punto incontra la ferrovia, il quel punto vediamo la casa del custode del passaggio a livello (casa natale tra l'altro di Filippo Naldi - vedi nota in calce), per proseguire poi sino in via Marconi per entrarvi cinquanta metri prima della nuova rotatoria che, appunto perché nuova allora non c'era, lapalissiano.
Era ed avrebbe potuto essere il passaggio alternativo al centro storico. Il tutto è stato sacrificato da una programmazione urbana che non ha mai guardato molto avanti. L'espansione della Vetraria verso est (unica possibile) ha fatto il resto e della lunga striscia bianca rimane un moncone oltre la ferrovia che porta il nome di Felice Cavallotti. 

Ritorniamo ora al presente senza attardarci oltre visto che la città ha ripreso a correre, non vorremmo che lo facesse ancora senza i suoi cittadini visto che la corsa precedente è finita nelle Torri della Stazione.

Il comunicato del Comune

Partiti a San Michele Campagna i lavori di fronte al casello dell'A1.
Sopralluogo del Sindaco Massari con gli assessori Malvisi e Bonatti.
Il primo cittadino: “La città ha ripreso a correre”

Fidenza, 7 luglio 2015 - Arrivato a fine giugno l'ok del Ministero della Infrastrutture e Trasporti, sono iniziati immediatamente i lavori per la realizzazione della nuova rotatoria in località San Michele Campagna, di fronte al casello dell'autostrada.
“Una delle porte di accesso principali a Fidenza cambia in meglio, diventando più sicura per gli automobilisti e più funzionale per le imprese adiacenti al Fidenza Village. E' un'opera che procede parallelamente ai cantieri delle rotatorie di via Martiri delle Carzole e di via Gramsci, a ridosso del centro. Tutte e tre rappresentano una riqualificazione viabilistica e urbana necessaria per una città efficiente e moderna. Fidenza ha ripreso a correre, lo voglio dire, liberando cantieri che complessivamente cubano quasi 1,5 milioni di euro”.

Il Sindaco Andrea Massari commenta così l'intervento, nel corso di un sopralluogo compiuto stamane sul cantiere, insieme agli assessori Davide Malvisi (Lavori Pubblici), Fabio Bonatti (Attività produttive) e all'architetto Alberto Gilioli (Dirigente dei Servizi Tecnici comunali).

Infrastruttura di valore economico pari a 478.000 euro realizzata dall'impresa fidentina Chiesa Costruzioni, la rotatoria sarà conclusa entro la fine di agosto ed è completamente a carico dei privati, come opera di urbanizzazione prevista da una specifica scheda di riqualificazione. La nuova rotatoria lavorerà “in ticket” con la rotatoria già oggi esistente, regolando un meccanismo di scambi veicolari tra la strada provinciale 12 e la viabilità di accesso al comparto urbano.

“Effetti positivi sulla circolazione saranno evidenti da subito – spiega l'assessore Malvisi –, perché la nuova rotatoria è stata progettata in modo tale da ridurre i punti di conflitto e la velocità di percorrenza. Allo stesso modo si abbassano anche i tempi di attesa ai rami. La brutta immagine che fino a ieri dava l'area di intervento da vecchi guard rail, segnaletica vecchia e rami dismessi, sarà sostituita da un grande prato verde con alberature ed arbusti, la cui cura è affidata ai privati che si insediano nell'area”.

“Concentrando i lavori durante l'estate, abbiamo abbattuto il disagio per i cittadini e per le attività produttive, col vantaggio, inoltre, che a chi arriverà a Fidenza per la Gran Fiera di San Donnino potremo offrire un restyling davvero importante”, osserva l'assessore Bonatti.

Nota: di Filippo Naldi suggerisco il profilo che Indro Montanelli tracciò su Corriere, ma molti altri illustri e meno lustri personaggi arricchirono la sua vita avventurosa prima e dopo la sua fuga dall'albergo Aquila Romana, credo. Ne potremo riparlare.

9 commenti:

  1. Anche in questo caso il loro contributo è consistito nella conferenza stampa. Di enorme rilievo, caso unico in Italia, la novità di effettuare i lavori stradali in estate. Fidenza sempre più Smart.

    RispondiElimina
  2. Ma l impresa Chiesa nn era la stessa in procedura concorsuale...e spesso presente tra i vincitori di appalti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cabassa andrea12 luglio 2015 09:17

      vogliamo parlare dell'unieco che amplia l'ospedale ???
      dove troveranno i soldi per realizzare l'opera vista la situazione finanziaria non certo florida

      Elimina
    2. Semplice ex Consigliere, la finanziamo Noi come le Torri, pagandogli nel corso degli anni, sia il lavoro sia le rate . Con un costo finale (per Noi) doppio rispetto a quanto è il reale valore.

      Elimina
  3. Di fatto la nuova rotatoria mini , tipo un "pelo incarnato" come forma, interrompe la Strada Provinciale 12 dal Ponte di Ragazzola alla Tangenziale di Fidenza, lasciando la precedenza a chi andrà a prendere un caffè nel nuovo locale. E' prevalente l'interesse pubblico? Alla faccia dei tanti proclami che avrebbero riordinato le attività presenti quando hanno fatto la grande rotatoria dell'autostrada.

    RispondiElimina
  4. Si ultimamente e stranamente lavora molto a Fidenza...

    RispondiElimina
  5. Franco Bifani9 luglio 2015 11:25

    Ma allora, qui a Fidenza, sono proprio tutti dei Chiesaioli, in Giunta! Potenza del clero...

    RispondiElimina
  6. Scusate ma delle osservazioni del PSC non si sa più niente? Evviva...come ascoltano i cittadini...Sono troppo impegnati a studiare le piante malate?
    Saluti

    RispondiElimina
  7. provate a fare un giro nella strada per Soragna e dalla rotatoria della città del freddo ritornare verso Fidenza. Provate a fare , dietro ad un bilico la mini nuova rotatoria e vedrete come un mezzo pesante l'affronta (io l'ho provata) . Questa sarebbe il vanto degli Amministratori? Questa darebbe il Nuovo ingresso alla città? CHE TRISTEZZA, UN TOPOLINO VENUTO MALE CHE DIVENTA UNA ELEFANTESSA . Ma sanno quello che dicono?

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi