giovedì 9 luglio 2015

"Per par pum" il valzer arboreo estivo di Spiazza Fidenza

L’ex assessore del Comune di Fidenza e socio fondatore di Rete Civica Fidenza Daniele Aiello nota un uso improprio e strumentale della "trasparenza" comunale ed un ritorno ai tempi del blog "Piazza Fidenza".
Denuncia Daniele l'uso improprio del materiale fotografico utilizzato sul sito istituzionale, in questo caso si potrebbe anche parlare di "Spiazza Fidenza", ma leggiamo ci sono altri punti d'interesse.

images-2012-pianta_morta_3-300x225.jpg
Il taglio che ha commosso i fidentini
Comunicato uso improprio comunicazione istituzionale
Comune di Fidenza

Da persona che ha avuto l’onore e l’onere di amministrare la città e nello specifico di avere la responsabilità anche della comunicazione istituzionale, mi rattrista e sorprende notare che canali pubblici di comunicazione, come il sito istituzionale del nostro comune e la newsletter, vengano usati “impropriamente” da chi attualmente amministra oggi Fidenza.
E’ già successo più volte negli ultimi mesi ma nel comunicato uscito sul giornale online dello scorso 30 giugno (dal titolo: "LE PIANTE PERICOLOSE VANNO TAGLIATE PER PROTEGGERE I CITTADINI. PROVVEDIMENTI CONTRO CHI HA BLOCCATO IL CANTIERE"), credo si sia toccato il fondo. Tralasciando i contenuti da “falso ideologico” (l’articolo contiene immagini di piante diverse da quelle citate nel testo), un assessore che attacca sul sito istituzionale esponenti della minoranza con toni offensivi e minacciosi non si era mai visto negli ultimi 70 anni! Dàbon!
L’attuale amministrazione, utilizza spesso il sito istituzionale come se fosse il sito di propaganda dello stesso PD Fidentino o per chi ricordasse ancora, il blog di parte Piazza Fidenza!
La comunicazione istituzionale non ha nulla a che vedere con la polemica politica tra persone o partiti, tantomeno con le offese agli avversari! Alcune norme in materia come la legge 150/2000 parlano chiaro:

Le attività di informazione e di comunicazione sono, in particolare, finalizzate a:
a) illustrare e favorire la conoscenza delle disposizioni normative, al fine di facilitarne l'applicazione;
b) illustrare le attività delle istituzioni e il loro funzionamento;
c) favorire l'accesso ai servizi pubblici, promuovendone la conoscenza;
d) promuovere conoscenze allargate e approfondite su temi di rilevante interesse pubblico e sociale;
e) favorire processi interni di semplificazione delle procedure e di modernizzazione degli apparati nonché la conoscenza dell'avvio e del percorso dei procedimenti amministrativi;
f) promuovere l'immagine delle amministrazioni, nonché quella dell'Italia, in Europa e nel mondo, conferendo conoscenza e visibilità ad eventi d'importanza locale, regionale, nazionale ed internazionale.”
Inoltre ricordo che i giornalisti sono vincolati al rispetto della deontologia fissata per legge e sono sottoposti alla vigilanza del loro Consiglio dell’Ordine. Non solo devono essere corretti ma devono anche apparire corretti. L’Ufficio stampa di un Ente pubblico va configurato come una fonte credibile, che mira a rafforzare "il rapporto di fiducia tra la stampa e i lettori" in questo caso i Cittadini.

Questa situazione non si può più accettare, abbiamo il dovere di chiedere l’intervento delle autorità competenti.

L’Ex assessore del Comune di Fidenza e socio fondatore di Rete Civica Fidenza

Daniele Aiello

Dal sito del Comune:
le immagini che ci hanno tolto il sonno
images-2012-pianta_morta_2-300x225.jpg
L'albero con impianto fetale secco
images-2012-pianta_morta-225x300.jpg
Aggiungi didascalia

12 commenti:

  1. Com è che non vengono pubblicate le foto dei ceppi relativi ai cedri di via Antelami? Tutti sanno ormai che erano piante sane e non vi è giustificazione alcuna al loro taglio sconsiderato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che anche il ceppo del tiglio di via primo maggio, la via dell'asilo girotondo dove vanno i nostri figli, era perfettamente sano? Ti ricordi cosa successe?? a novebre mi pare.. cadde da sola... ceppo sanissimo... radici un pò meno... meno si sa più si parla... parole parole parole....

      Elimina
    2. Allora con un dubbio tale, tagliamo tutte le piante che ci sono per Fidenza, perché anche se sane nel tronco, "potrebbero" avere radici non sane! Sradichiamo Fidenza. Bene , bravo , bis! O forse ci sono metodi più trasparenti ? Tipo : non pavimentiamo attorno alle piante con asfalto im permeabile, così "bevono " tranquille; perché non immettiamo dei tubi corrugati con fori quando vengono posate, così riusciamo a dar da bere anche alla radice ..... Buonsenso, solo Buonsenso

      Elimina
    3. Mi aspettavo questa risposta, sei scontato ed inutile

      Elimina
  2. gabriele rigoni9 luglio 2015 17:16

    intervengo io essendo abbastanza a conoscenza..
    esatto..bisognerebbe sapere e non fidarsi della propaganda...un cedro atlantico è ben diverso da un comune tiglio..sia come morfologia che come valore; il valore commerciale di un cedro di quella stazza è di circa 10.000 euro cadauno.
    Lle radici di questi cedri possono essere ancora investigate dato che sono sottoterra ma non presentavano problemi specifici a detta di parecchi esperti intervistati all'uopo, con nome cognome e pedigree di primordine peraltro.
    Inoltre appunto, il tiglio tra i tanti…è caduto, solo soletto e gli altri li han lasciati lì, ancora oggi se lo confermi anche tu...giusto?
    domanda da 100 punti: come mai non hanno tagliato tutti i tigli o perlomeno come mai non li hanno studiati ed investigati tutti visto che addirittura uno è caduto improvvisamente ed il pericolo è reale?
    Perchè dunque investigare sulla vita di cedri atlantici che non presentavano problemi visibili..., come possono bene testimoniare tutti residenti nella zona?!
    Perché poi tagliarli addirittura tutti??!!quando secondo la stessa perizia che noi contestiamo decisamente, due si sarebbero dovuti salvare??!!
    Ecco parlare senza sapere è meglio non farlo, sapendo si può parlare, anzi si deve, nell'interesse comune di tutti i cittadini e non del particolare.
    Stiamo ancora approfondendo comunque…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi il comune ha ricavato € 10.000 x 10 ben 100.000 euro? Bel colpo!

      Elimina
  3. Il comune ha solo speso soldi per tagliare i cedri, mentre invece sarebbe interessante sapere che fine ha fatto tutta quella legna si pregio...magari il "bel colpo" l'hanno fatto altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorresti dire che forse la cooperativa emc2 onlus si è arricchita di quella bella somma?

      Elimina
    2. una legna pregiatisssima... paragonabile al ciliegio

      Elimina
  4. ma pensate sempre male.....................

    RispondiElimina
  5. Gabriele Rigoni10 luglio 2015 12:37

    la spesa stanziata per i tagli è di circa 13.000 euro
    poi vanno ripiantate le piante e si spenderà certamente di più...tra costo piante e lavoro della coop...
    la valutazione a pianta è stimata da tecnici specializzati finchè non ci danno gli atti relativi non sapremo come sia stato valutato il legno ceduto/smaltito e appunto se l'hanno dato come smaltimento...il valore sarà pochissimo se non negativo...bisogna vedere ma avrebbero già dovuto risponderci per legge, invece ancora oggi non abbiamo in mano i dati richiesti...

    RispondiElimina
  6. cabassa andrea12 luglio 2015 09:03

    abbi pazienza non disperare, appena passa la calura svanirà la condensa che offusca la trasparenza della casa di vetro............

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi