domenica 19 luglio 2015

Ri...fare l'Italia partendo da destra e da ... Fidenza

Da Francesca Gambarini, consigliere comunale di minoranza, riceviamo e volentieri pubblichiamo questo messaggio. Francesca oggi si propone politicamente in una formazione dal nome politicamente vecchio, ma a quanto pare dalla foto nuova nei volti e, dallo scritto, con la voglia del nuovo in politica. 
Non sono certo io a dare un parere politico visto che politico non sono, quel che posso invece dire è che scrollarsi un po' dal complesso paesano dell'obelisco non può che giovare a chi, come la Francesca con i suoi 37 anni dichiarati, vuol far politica . 
Ultima annotazione: anche alle rotatorie di Massari si accede da destra.

Con la voglia di fare... l'Italia

Sabato 18 luglio ho partecipato, ad Ameglia, al convegno “Con la voglia di fare… l’Italia”, promosso da Alessandro Cattaneo per parlare del centrodestra e del suo futuro. Ecco il testo del mio intervento:

Ringrazio Alessandro per l’opportunità, non consueta, che ci viene data per confrontarci e stabilire un comune terreno di lavoro. Tutti noi abbiamo voglia di fare l’Italia!


E’ ora di dare un futuro concreto alla nostra voglia di cambiare questo paese. Che o cambia o muore. Come? Ripartendo dalla coerenza di chi ha lavorato e lavora ogni giorno sul territorio, perchè ha degli ideali e vuole mantenere impegni presi ad ogni livello con gli elettori. E dalla credibilità di chi sa quali sono i problemi delle persone e di chi si impegna per cercare di risolverli. Serve partire dal basso. Si deve fare tesoro di chi ogni giorno sul territorio non ha paura di essere contro corrente per dare voce alle necessità delle persone, impegnandosi per dare una risposta vera e concreta. In alcune regioni – e vi parlo ora della mia esperienza di consigliere comunale in un paese dell’Emilia Romagna – è molto difficile. Bisogna scontrarsi quotidianamente con un muro di pregiudizi verso chi non è di sinistra. E con una sinistra che boccia qualsiasi idea di buon senso venga da noi. Esempi? Nel mio comune ho proposto di istituire voucher lavoro per i disoccupati e di esentare dalla Tari per tre anni le nuove aziende. In risposta ho ricevuto un secco no. Le recenti elezioni regionali ci hanno proposto due modelli: quello di un centrodestra che vince e convince e quello di un centrodestra spaccato o appiattito su posizioni estreme che parlano alla pancia della gente, ma non risolvono i problemi dei cittadini e delle nostre imprese.  La Liguria è l’esempio di un progetto serio, credibile e convincente. Un progetto fatto prima di tutto di idee e proposte per la gente e per il territorio. Attorno si sono riuniti partiti e movimenti guidati da un candidato moderato. Un modello per il centro destra che vuole vincere.  E naturalmente credo che Giovanni Toti sia consapevole che oggi tutti noi guardiamo alla sua esperienza con grande speranza.

La mia è, però, un’esperienza diversa. Quella dell’Emilia Romagna, regione da sempre rossa. Confido che con la nostra tenacia, la nostra passione, la convinzione di essere dalla parte giusta e con il vostro aiuto di riuscire un giorno a creare quella alternanza che solo in Emilia Romagna, non c’è mai stata. Salvo alcune esperienze locali, come Parma, Piacenza e Bologna, messe a dura prova o dalla magistratura o da un sistema di potere chiuso su sé stesso.

Le ultime elezioni regionali in Emilia Romagna sono andate malissimo ma i dirigenti di partito non se ne sono resi conto. Spero lo facciano in fretta perché tante sono le scadenze alle porte. Confortata dalla presenza di tanti amici, tanti amministratori locali, o da chi come Deborah Bergamini o come Alessandro Cattaneo non mi hanno mai fatto mancare sostegno e amicizia,  io proseguo la mia battaglia. Sono loro che mi danno la forza di continuare un lavoro capillare, che mi fa stare vicino ai miei concittadini per ascoltare i problemi. Continuo consapevole che questa passione, in una realtà difficile come quella in cui vivo, può essere in alcune occasioni anche molto pericolosa per chi come me gestisce un’impresa e non vive di politica .

Faccio mia  un’affermazione fatta dal neo presidente della regione Liguria Giovanni Toti che credo debba essere per noi un punto di riferimento: “E’ un piccolissimo passo ma anche il più lungo dei cammini comincia con piccolo passo”.
Io vi ringrazio per aver avuto la pazienza di ascoltarmi, spero ci siano altre occasioni come questa che ci danno – a me personalmente molta – la carica di andare avanti perchè abbiamo voglia di fare l’Italia e so che insieme ce la potremo fare!
Francesca Gambarini

A margine del convegno "Con la voglia di fare l'Italia", sono stata intervista da Radio Forza Italia. Qui puoi ascoltare le mie dichiarazioni.
Qui, invece, l'intervista rilasciata a Modernizzare l'Italia.


Concedere ai profughi un visto umanitario darebbe loro la possibilità di circolare per l'Europa. A mio avviso una buona soluzione. 

4 commenti:

  1. Gabriele Rigoni20 luglio 2015 00:37

    Diciamo per precisione che l esenzione tari x è3 anni fu un idea di rete civica accolta anche da forza italia e 5 stelle..ma le prestiamo volentieri l idea...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, in consiglio abbiamo appoggiato la vostra proposta, ma avendolo proposto anche noi in campagna elettorale possiamo dire che la pensiamo tutti così tranne il Pd!! ;-)
      Francesca

      Elimina
    2. cabassa andrea20 luglio 2015 21:42

      tranquilli che appena capiranno che può portare voti la fanno propria anche quelli del pd, renzi docet.......

      Elimina
  2. Già 154 anni fa, Massimo Taparelli, marchese d'Azeglio, aveva riconosciuto che si era fatta l'Italia, ma rimanevano da fare gli italiani; Mussolini aveva decretato che governare gli italiani non era solo dificlile, ma inutile. Da allora, nessuno più si è interessato a portare avanti la coesione nazionale, per cui noi italiani rimaniamo divisi in clan e tribù, in una congerie di popoli, mai nazione, tanto meno uno Stato. Se Franci Gambarini riuscisse a tenere uniti perlomeno i 26mila abitanti di Borgo e delle frazioni limitrofe, le si dovrebbe innalzare un monumento crisoelefantino, perlomeno. Ma ci sarebbero subito i detrattori della Sinistra, rossa o rosea sbiadita, che le darebbero della fascistoide, e dovrebbe tenere a bada mafie locali e potere clericale. Dovrebbe possedere i super-poteri dei Magnifici Quattro.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi