sabato 10 ottobre 2015

Viaggio nel regno dei disonesti


Fenotipo politico

De Gasperi, in un discorso tenuto a Milano, il 23-4-1949, aveva detto: “Politica vuol dire realizzare.” Per me, lui ed Einaudi sono stati gli ultimi uomini politici onesti del Secondo Dopoguerra, preceduti solo da Cavour e Giolitti, pur tra i loro numerosi difetti. In seguito, la nostra politica si è allineata ad una frase di Napoleone III: “La politique n'as pas d'entrailles”. Lo diceva uno che aveva un palmo di pelo sullo stomaco e sul cuore.

Da Alcide De Gasperi a ....
Le lettere e i commenti correlati, sul comportamento dei nostri parlamentari, mi hanno spinto a formulare queste mie opinioni in merito.
Premetto subito che io non amo la politica ed i politici, che io considero, in gran parte, solo dei lestofanti, tanto per usare un eufemismo. Non stimo le persone cronicamente insensibili e nemiche acerrime della verità, per una necessità, che pare funzionale alla loro mansione.
La politica, come aveva coraggiosamente disvelato il Machiavelli, è avulsa costituzionalmente dall'etica, è il regno dei disonesti con il prossimo e con se stessi; per entrarvi con speranza di successo, è necessario lasciar da parte la cultura e la moralità e qualsiasi preparazione specifica per la carica ricoperta, se non quella di essere estremamente abili nello stornare l'attenzione dei cittadini-sudditi da ciò che li riguarda direttamente, ossia la cosa pubblica. 
Le parole dei politici sono sempre vuote di contenuto, come loro stessi. Nel migliore dei casi, sono intercambiabili, valide per ogni spazio e tempo. Renzi vale Berlusconi e Verdini, Vendola Bersani e D'Alema, Salvini è pari ad Alfano, Boschi e Lorenzini raccontano frottole tanto quanto gli angioletti e le verginelle del M5S.

Nel corso della sua visita negli USA, nel 1960, Kruscev asserì: “Gli uomini politici sono uguali dappertutto. Promettono di costruire un ponte dove non c'è un fiume”. E Shakespeare: “A politician, one that would circumvent God”. L'impegno principale dei nostri politici è quello di saltare al volo sul carro del padrone del momento.
Personalmente, non ho mai conosciuto un solo politico, anche solo a livello di consigliere o assessore comunale, che non fosse invischiato, nolente o volente, in compromessi vergognosi.
.... a Matteo Salvini
Ed è anche perciò che evito accuratamente di unirmi alle discussioni che riempiono i vari blog, dove, pur con le migliori intenzioni di questo mondo, si azzuffano e si dilaniano autori e commentatori di lettere, bacchettando questo governante, incensandone un altro, auspicando la rovinosa caduto di Tizio o il trionfo luminoso di Caio.
Quando mi trovo alla presenza di un politico, anche di cabotaggio e di calibro minimi, avverto sempre una sensazione di rigetto e di ripugnanza e cerco di tenermene lungi. So bene che non dice mai la verità, ma ripete slogans, triti e ritriti, confezionati dai soliti venerabili saggi del partito di appartenenza.
Franco Bifani



6 commenti:

  1. Suggerirei anche Sandro Pertini, fra gli ultimi politici onesti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandro Pertini, però, era di uno sgruso che mi infastidiva. E non mi posso dimenticare che uno dei suoi primi atti, come Presidente della Repubblica, fu quello di concedere la grazia ad un assassino come Mario Toffanin, Capitan Giacca, partigiano venduto ai titini, sterminatore di altri partigiani su a Porzùs, tra cui lo zio di Francesco De Gregori, e zelante procuratore di vittime italiane per le foibe, a Trieste e dintorni, ai compagni di merende slavi. Mi piacerebbe tanto conoscere le motivazioni di questo gesto deprecabile; mi basta per rendermi odioso questo personaggio, peraltro accettabile, in altri settori.

      Elimina
  2. Pur rispettando le convinzioni di Bifani e condividendone alcuni aspetti, non vorrei mai che nei nostri giovanissimi, si radicasse l'idea che la politica sia una cosa tanto lorda. Io, ho conosciuto assessori e consiglieri onesti e motivati; di contro, conosco molte persone, cosidette "semplici", condurre una vita fatta di doppiezze, di malcelate avidità e di salti sul carro delle persone più in vista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clary, i personaggi che tu citi ad esempio, vengono di solito bruciati dai colleghi e compagni di partito, perché, con la loro onestà, danno un fastidio insopportabile ai politicanti d mestiere. Non penso che siano andati più in là di qualche anno in carica e della funzione di consigliere ed assessore.

      Elimina
  3. Più chiaro di così!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Cabassa Andrea11 ottobre 2015 11:37

    difficile non dare ragione a Bifani, per la mia breve esperienza non parlo di "essere bruciati" ma di impossibilità di portare avanti idee semplici, le risposte sono sempre state le solite, "ragioni da artigiano mentre la pubblica amministrazione è diversa", "sarebbe bello ma non si può", "la legge lo impedisce", e tante altre complicazioni burocratiche come solo in questo paese esistono.
    capisci allora che il politico al potere non può ragionare di testa sua ma deve rendere conto a chi lo ha eletto, e non parlo dei semplici cittadini ma di chi smuove la massa dei voti e controlla il controllabile.
    per esempio lo dimostra come non vengano pubblicati i nostri articoli sulla gazza.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi