mercoledì 25 novembre 2015

Maggioranza compatta in CC il 23 novembre 2015

Immagine di repertorio
Un beneficio dichiarato di Euro 132.000 che servirà al pareggio di bilancio dell'anno corrente e poi un beneficio dichiarato di euro 188.000 per gli anni successivi da utilizzare per investimenti sempre sperando che non nevichi, in questo caso i risparmi spariranno. Se poi non nevicasse sparirebbero comunque.

In contropartita i debiti verranno spalmati su un maggior numero d'anni con l'ultima rata nel 2040, in definitiva sarà la prossima generazione a pagare i debiti degli antenati. Il pensiero unico imperante dice: e chi se ne frega! 
Questo il risultato di una accesa seduta del Consiglio Comunale lunedì 23 novembre 2015, non lontano da noi anzi proprio qui a Fidenza, smart city avanzata e dronata.
Alla delibera hanno lavorato in tanti, tecnici, volontari, inservienti politici ed amministratori ed alla fine votata per alzata di mano da una compatta maggioranza, così compatta che più compatta non si può.

Sull'altro punto riguardante l'ennesimo assestamento di bilancio (difficile per gli umani non chiedersi perché vengano sempre approvati bilanci dissestati). Fondamentale tuttavia per deliberare su un argomento come questo è avere in mano il parere dei Revisori dei Conti, in fin dei conti li paghiamo per questo.
No! Il parere non è allegato agli atti distribuiti ai consiglieri, appare all'ultimo momento quasi fosse stato strappato con la forza agli attenti revisori.
La minoranza non ci sta e abbandona l'aula al momento del voto.
Alla fine la delibera verrà approvata "da una compatta maggioranza, così compatta che più compatta non si può".

Queste le reazioni della minoranza di Rete Civica Fidenza
"Il sindaco propone al consiglio un assestamento di bilancio senza mettere a disposizione il parere dei revisori.... cosa contiene quella relazione per non essere stata messa a disposizione dei consiglieri prima del consiglio comunale?Non avremmo votato comunque una delibera che pensiamo sia foriera di RESPONSABILITA' ERARIALI, ma non essere stati messi in condizione di leggere il parere dei revisori ci ha fatto decidere, insieme alla altre forze di minoranza, DI NON PARTECIPARE AL VOTO"
Sulla stessa linea gli altri gruppi consiliari di minoranza: Forza Italia e Movimento 5 Stelle.

Altre immagini di refettorio
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio


2 commenti:

  1. Ci risiamo con "l'indisposizione" delle carte da sottoporre ai Consiglieri di Minoranza! Urmäi l'é dvintè un vìssi e, i vìssi, j'en dür da cävèr.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi