giovedì 21 gennaio 2016

Piazza Duomo o Piazza dei Miracoli.

La torre medioevale, casa Cremonini e il Vescovado
 introducono alla meraviglia di Piazza Duomo.
Gabriele Rigoni e Luca Pollastri presenteranno nel Consiglio Comunale del 25 gennaio una Mozione chiedendo l'impegno di Giunta e Sindaco alla tutela della piazza prospiciente la Cattedrale di Fidenza. 
La mozione è inserita al punto 7 dell'ordine del giorno
La discussione forse potrà darci utili indicazione anche in merito all'iniziativa in corso per il riconoscimento del nostro Duomo da parte dell'UNESCO.
Qui sotto il testo integrale della Mozione.

OGGETTO: Salvaguardia di Piazza Duomo

Premesso che piazza Duomo non è solo una delle più importanti piazze medioevali ma anche un luogo con una vocazione religiosa molto definita, segnata dal rapporto straordinario tra la Cattedrale e la città;
Premesso che in campagna elettorale l'allora candidato Andrea Massari, oggi Sindaco di Fidenza, lanciava l'idea di inserire la nostra Cattedrale nel patrimonio dei beni con protezione Unesco e dichiarava: "Fidenza è una città dalle risorse straordinarie che può e deve aprirsi al mondo. Per questo ci prendiamo l’impegno di iniziare subito, se saremo eletti, l’iter per l’inserimento della Cattedrale nel patrimonio dell’umanità tutelato dall’Unesco, coinvolgendo tutte le Istituzioni a cominciare dal Ministero del Turismo.";

Riscontrato che anche Amedeo Tosi, oggi Presidente del Consiglio Comunale, si trovava d'accordo con la proposta “….. questa è la strada da seguire. Proprio partendo dalla Cattedrale e quindi dalle origini della città e del territorio, Fidenza riprende quel rango che la storia le ha sempre assegnato. Il rango di città europea e al tempo stesso fortemente inserita nella tradizione religiosa e culturale italiana. Da secoli qui ci sono una Cattedrale, una Diocesi, una comunità che intorno alle reliquie di San Donnino hanno scritto la storia e costruito il futuro di Fidenza”;

Riscontrato l’interessamento del Ministero dei Beni culturali anche se l’iter procedurale non è
ancora iniziato e ad oggi all' Unesco non c'è una pratica aperta;

Considerato che la Cattedrale è collocata in un contesto urbano “assediato”, specialmente nel fine settimana, dal rumore, dalla sporcizia, dai bivacchi e dal parcheggio selvaggio, problematiche che mettono a rischio i monumenti e che nelle zone limitrofe si organizzano capannelli di vario genere con bevute di alcolici in grandi quantità, con assembramenti di difficile identificazione, che danno un senso di insicurezza ai cittadini oltre che disturbarne la quiete notturna e il decoro urbano della zona;

Ritenuto che piazza Duomo è un patrimonio che noi abbiamo il dovere di tutelare, valorizzare, proteggere e che non abbiamo il diritto di svilire con episodi la cui natura poco ha a che fare con la sua storia e il cui svolgimento metterebbe fatalmente in pericolo i suoi monumenti;
Ritenuto inoltre che la Cattedrale e il palazzo Vescovile debbano godere di una “tutela
speciale”, in particolar modo anche in vista della candidatura della stessa all’UNESCO, e che in eguale modo deve essere rispettata la convivenza civile con i cittadini della zona;

Considerato che tutto questo potrebbe essere ottenuto senza precludere l’attività degli esercizi commerciali della zona, regolamentando diversamente l’utilizzo del suolo pubblico e
intervenendo nel caso del non rispetto dei regolamenti;

Data la preminente rilevanza della piazza e del patrimonio storico, architettonico, artistico, culturale e religioso che essa racchiude e che ne fanno il simbolo attorno al quale si riconosce l’identità cittadina e territoriale, punto di riferimento di importantissime manifestazioni di carattere religioso, storico-rievocativo, musicale ecc., nonché meta di notevoli flussi turistici, 

si impegna il Sindaco
a fare in modo che siano rispettati i valori immateriali e materiali di questa parte di Fidenza e a mantenere il decoro e il rispetto dovuto a questo luogo di culto e di conseguenza
• a definire un regolamento specifico per la salvaguardia di piazza Duomo;
• ad emettere un’ordinanza finalizzata a mantenerne il decoro che preveda sanzioni per gli inadempienti;
• a valutare se chiudere o meno il sagrato della Cattedrale per evitare soste selvagge in prossimità dello stesso ;
• a prevedere che per tutte le manifestazioni rispetto alle quali il Comune/Curia non sono direttamente interessati o coinvolti, venga acquisito un parere, peraltro non vincolante, da parte della Curia Vescovile, in ossequio a rapporti istituzionale nei confronti di Enti importanti per la nostra città.
Gruppo Consiliare di Minoranza Comune di Fidenza
Consiglieri Rigoni Gabriele e Pollastri Luca
Fidenza, 10 dicembre 2015

Recenti episodi consiglierebbero di sottoporre
a test alcoolico i pellegrini nelle ore notturne



2 commenti:

  1. Concordo in toto, speriamo che al più presto qualcuno faccia seguire i fatti alle tante promesse. Viaggio spesso e devo constatare che le parti storiche ed artistiche di Fidenza versano in un grave stato di trascuratezza, mai riscontrato in altri luoghi. Voglio solo nominare i più celebri: convento dei Gesuiti, Duomo, Palazzo Arzaghi, Villa Conforti vicino alla nuova rotonda Salso-Piacenza-Tabiano, senza dimenticare la Stazione ferroviaria e il disastro perpetrato nel suo piazzale.

    RispondiElimina
  2. daniela stecconi22 gennaio 2016 15:01

    non sono d’accordo con mezza parola di questa mozione. ma meno male che c’è qualcuno, in questa piazza duomo che fino a 20 anni fa era davvero in un degrado totale, pur non essendoci esseri umani a frequentarla. il degrado non dipende dal traffico umano nella piazza: le piazze sono nate proprio per favorirlo, per farne luogo di incontro. e adesso le proposte sono: chiudere il sagrato??? si acuisce in questo modo il progressivo svuotamento del centro storico, che si trasforma in un fermo immagine da cartolina. soste selvagge? ma cosa sono, queste soste selvagge...ragazzi che chiacchierano bevendo una birra davanti al bar? o la tipa che si appoggia al leone? se pensate che la cura del territorio consista nello svuotare le piazze, nel regolamentarne l’accesso o addirittura chiuderlo...ne farete un luogo morto. che va bene giusto per i turisti, ma senza vita propria. un cuore che non pulsa più.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi