lunedì 11 gennaio 2016

"Pinocchio: una fiaba per accogliere": un progetto di promozione della solidarietà e dell’accoglienza familiare.


Il progetto (biennale), finanziato dalla Provincia di Parma attraverso il Coordinamento Affido provinciale e dalle risorse del Centro per le Famiglie, si inserisce in una cornice di promozione della solidarietà e dell’accoglienza familiare.
E’ stato realizzato e  curato, per Fidenza, dal Servizio sociale ASP, dal Centro per le famiglie Asp in collaborazione con l’Associazione Affido AXA e dall'equipe affido distrettuale.

Ci siamo occupati di questa iniziativa visitando nell’ottobre dell’anno scorso la mostra “Pinocchio. Una fiaba per accogliere”. Ora siamo in grado di pubblicare l'esito di un altro segmento del progetto, che si concluderà a maggio con uno spettacolo messo in scena dai ragazzi che stanno partecipando all'iniziativa, e che ha coinvolto anche i genitori.


"Pinocchio: una fiaba per accogliere" 
Un percorso laboratoriale per genitori 
"È stata un'esperienza piacevole, un ritaglio di tempo per pensare a noi come persone, diverse fra noi e al contempo uguali". 
È la voce di un genitore che ha partecipato al percorso laboratoriale “Pinocchio: una fiaba per accogliere” organizzato dal Centro per le Famiglie Asp Distretto di Fidenza, che si è concluso nel corso del mese di dicembre u.s. 
Il laboratorio ha visto coinvolti i genitori degli alunni delle classi 3A e 3B della scuola primaria De Amicis, la classe 2A della scuola secondaria di primo grado Zani e la sezione arancione della scuola dell'infanzia Don Milani di Fidenza, che stanno partecipando al progetto "Pinocchio va a scuola", promosso dal Coordinamento Provinciale Affido, dall'Equipe Affido del Distretto di Fidenza e dal Centro per le Famiglie Asp Distretto di Fidenza. 
Il progetto si inserisce nelle attività della promozione dell'affido e dell'affiancamento famigliare. 
Al laboratorio hanno partecipato anche alcuni genitori della classe 3A della Scuola Zani, che hanno condiviso con interesse l'esperienza, anche se gli alunni non erano direttamente coinvolti nel progetto. 
Obiettivo del laboratorio è stato coinvolgere anche i genitori rispetto al tema dell'accoglienza e della solidarietà fra famiglie.



Nelle tre serate, genitori partecipi e positivi hanno condiviso la loro esperienza di genitorialità, lavorando in gruppo sul riconoscimento dei propri bisogni e la consapevolezza delle proprie risorse. 
Hanno incontrato ed ascoltato un'esperienza di accoglienza fatta da una coppia del territorio. Gli incontri sono stati progettati e facilitati dalle Dr.ssa S. Stecconi e Dr.ssa R. Callegari, psicopedagogiste del Centro. 
Proprio perché i genitori sono stati i protagonisti del percorso, i veri esperti per sé ed i propri figli, lasciamo a loro i commenti. 
"Nell'originalità di ognuno si è percepita la stessa difficoltà nel vivere in una società di tanti e soli: problemi, insicurezze e difficoltà che ci accomunano....Speriamo che questa esperienza possa ripetersi e diventare un punto di riferimento, di mutuo aiuto, di crescita..."  
"....Pinocchio è come i nostri figli, amato da un papà tenero e desideroso di paternità, felice di vederlo vivere e crescere anche nei momenti di sofferenza e di crisi....Lasciare la presa è un attimo, crollerebbe così tutta la trama costruita insieme...per fortuna al tuo fianco puoi trovare qualcuno pronto ad aiutarti, a sorreggerti. Condivisione, accoglienza, ascolto, pazienza, tempo, sdrammatizzare, gioia, consapevolezza: tre serate di riflessione costruttiva..."  
"Fa bene mettersi in discussione, fa bene ascoltare e sinceramente nonostante l'ora tarda... in quelle due ore mi sono rilassata" 
Il "gruppo Pinocchio", così si sono definiti i genitori, ha chiuso l'ultima serata augurandosi altre occasioni di incontro e di condivisione. 
Un proverbio africano dice "Se vuoi andare veloce cammina da solo, se vuoi andare lontano cammina insieme a qualcuno". Ciò è molto vero, soprattutto se stai praticando la difficile ed emozionante arte del genitore. 

Centro ASP per le famiglie del Distretto

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi