mercoledì 20 gennaio 2016

Vertenza Bormioli: le Istituzioni prendano le distanze dai sindacati

Buon giorno. Apprendiamo che i lavoratori Sicobas Bormioli hanno dato la loro disponibilità alla ripresa delle trattative, ora tocca alle Istituzione, Comune di Fidenza in primis, smettano di giocare con finti presepi e fare i chierichetti è il momento di  assumersi quella responsabilità che i Sindacati non hanno saputo gestire la vertenza. E chiaro?

Il messaggio che arriva dalle opposizioni consiliari è altrettanto chiaro
Ultima ora: I LAVORATORI SICOBAS BORMIOLI DISPONIBILI A RIPRENDERE LE TRATTATIVE

Rete Civica Fidenza insieme a Forza Italia e Movimento 5 Stelle abbiamo ottenuto la disponibilità dei Cobas a riprendere un tavolo di trattativa e lo abbiamo comunicato nella apposita riunione dei capigruppo tenutasi ieri sera 19 gennaio.
Crediamo che sia compito delle istituzioni cercare di risolvere i problemi di ordine pubblico, di sicurezza e di rispetto del lavoro di tutti coloro che subiscono i disagi per le manifestazioni di protesta in atto ormai fin dal 20 dicembre.
Si doveva prevenire quanto accaduto e questa non è certo responsabilità nostra, i nomi e cognomi ci sono certamente.
Abbiamo pubblicato nei post precedenti sia gli accordi siglati dai confederali che le rimostranze dei cobas che ne prendono distanza, i temi sono sul tavolo, bisogna chiarire i dettagli riprendendo le trattative.
I picchetti sarebbero sospesi per il tempo di svolgimento delle trattative secondo quanto dichiarato dai Cobas.
Ci pare un'occasione da non perdere ora tocca all'amministrazione convocare urgentemente le controparti interessate con tempi urgenti.

5 commenti:

  1. Bravi i Consiglieri Comunali che hanno chiesto l'intervento del Sindaco.
    Mi permetto di rilevare che a mia memoria, non si è mai visto a Fidenza l'intervento delle forze di polizia per sgomberare un picchetto di lavoratori e mi auguro che non abbia più succedere.
    Il dialogo e la tolleranza è sempre stato un distintivo di civiltà di cui noi fidentini ne siamo sempre stati fieri e orgogliosi.
    Mi permetto di suggerire di chiedere alla dirigenza della Bormioli il piano aziendale per lo sviluppo dell'azienda a tutela dell'occupazione, dopo che ha ottenuto tutte le agevolazioni urbanistiche richieste al nostro comune per i suoi giusti interessi aziendali.
    Auguro dialogo e comprensione alle controparti, buon lavoro al Sindaco per il superamento delle controversie a tutela delle famiglie dei lavoratori.
    l'Anonimo di Borgo.

    RispondiElimina
  2. Ringrazio l anonimo del borgo che mi pare abbia capito e centrato lo spirito del nostro intervento pur nelle nostre piccole possibilità.

    RispondiElimina
  3. Eppure nel palazzo sembra che qualcuno si sia irritato e infastidito...Comunque sia un plauso va alle minoranze consiliari che, compatibilmente con le loro possibilità, si sono interessate in prima persona della questione che, non va dimenticato, non è per niente bella e usuale per una città come Fidenza. In più se si considera l'importanza della Bormioli per l'occupazione l'ovale e il suo indotto.

    RispondiElimina
  4. Ma...mi sorge un dubbio: i manager Bormioli che si sono occupati della questione non sapevano a cosa andavano incontro? Possibile compiere scelte così divisorie e non conoscere il danno potenziale che si creerebbe alla propria azienda? Poi certamente i sindacati fanno una battaglia tutta loro ma la partita mi pare viziata fin dall inizio...

    RispondiElimina
  5. Cabassa Andrea22 gennaio 2016 20:34

    non ho seguito personalmente la vicenda ma un paio di dipendenti della bormioli mi dicono che chi ora protesta non aveva accettato l'accordo sottoscritto a suo tempo dalle altre organizzazioni sindacali.
    sembra anche che, come scrive il sindaco sulla gazza, molti vengano da fuori.
    questo blocco delle attività porta al rischio per gli altri 600 dipendenti che hanno aderito alle proposte.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi