lunedì 8 febbraio 2016

Giovanni per zio Vittorio (Chiapponi)


Fidenza riserva annualmente un intero mese alla valorizzazione del dialetto borghigiano. Il "Mese del dialetto" è dedicato a Vittorio Chiapponi, vernacolista, poeta e scrittore ed anche apprezzato tecnico comunale. 
Un riconoscimento quindi alla memoria di una persona, Vittorio Chiapponi che premia il suo amore per la città, per le sue tradizioni e per la sua storia, per i suoi quartieri e persino per sua acqua. 
Ricordiamo il suo contributo tecnico alla costruzione dell'acquedotto civico e al salvataggio della torre dell'acqua (Vascon) dalla ritorsione dell'occupante straniero in ritirata nel 1945. 
Lui stesso racconterà questa storia nel libro "I sinquant'ani del Vascon" 

Autore di molti articoli e libri, insieme a Nino Denti, don Temistocle Corradi, Rino Montanari ed Ettore Ponzi, ci regalò tanti ricordi della città e dei suoi abitanti. 
Testo prezioso il suo "Parlär burgzàn", che lui stesso definisce una raccolta di "Parole e frasi del dialetto di S. Donnino - Fidenza catturate per i posteri". 
Il volume fa parte della collana Quaderni Fidentini e oltre a Vittorio alla sua realizzazione hanno contribuito Temistocle Corradi e, per la copertina, Rino Montanari. 

Nel filmato, un po' tribolato nelle immagini e nel suono, troviamo Giovanni Chiapponi, nipote di Vittorio, che l'anno scorso, in occasione della prima edizione del Mesa del Dialetto, ricorda il caro illustre zio.



2 commenti:

  1. Grazie, Ambrogio!
    Anche a nome di Gianvittorio e di tutta la borghigianità chiapponiana....
    EVVIVA VITÓRI!!!
    Giuanén...

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi