domenica 17 aprile 2016

Villa Panini andata e ritorno: il nuovo palazzo

 

Difficile riprendere senza il "disturbo" del verde degli alberi del Parco della Rimembranze, il nuovo palazzo che ha preso il posto di Villa Panini nell'area delimitata da Via Gramsci e da Viale della Vittoria. Già oggi, a lavori ancora da ultimare, si può vedere la moderna architettura del nuovo complesso e valutarne l'ingombro. Niente più ricorda la palazzina che oggi avrebbe compiuto cent'anni se non fosse stata appunto demolita nell'estate del 2008.



Per chi vuol ripercorrere quei momenti rimandiamo alla pagina "Villa Panini, cronaca di un'estate" oppure alla lettura dei post originali di allora su questo stesso blog.

Difficile comunque vedere nella nuova struttura il mantenimento di quanto, Sovrintendenza e Comune di Fidenza, avevano frettolosamente promesso per scaricare la tensione che si era venuta a creare a seguito della demolizione del vecchio edificio.
Ne richiamiamo alcune così come pubblicate sulla stampa locale 
"Le decorazioni recuperate, così come quelle rimaste integre - secondo il documento siglato dal soprintendente Luciano Serchia - dovranno essere inserite nel progetto architettonico previsto per quell'area.
E' presto tuttavia per conoscere la sorte delle aree che - secondo quanto emerso dai primi incontri tra Soprintendenza, Comune e ditta impegnata nei lavori - saranno sottoposte a tutela indiretta comprendendo la fascia dei villini del primo '900 che si affacciano su viale Vittoria e parco delle Rimembranze. A questo riguardo, il vicesindaco Paolo Antonini sottolinea il "proficuo rapporto avuto con la Soprintendenza".
"Un rapporto di collaborazione - ha proseguito - che abbiamo sempre alimentato e che manterremo anche in futuro in vista della ricostruzione su via Gramsci, perché la nuova struttura possa inserirsi nella peculiarità dell'area"."

In questa foto del 23 settembre 2008 vediamo il "trasferimento"
dei decori del palazzo recuperati tra le macerie.

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi