venerdì 6 maggio 2016

Il teatro Magnani riparte dietro le quinte


Interessante questa iniziativa dell'assessorato che propone il teatro da un punto di vista insolito. 
Ci spiega tutto il vicesindaco con delega alla Cultura, Alessia Gruzza con questo comunicato ripreso dal sito web del Comune di Fidenza. Non ci resta che mostrare qualche mia immagine scattata tempo.
 



IL TEATRO NASCOSTO SI APRE AL PUBBLICO. 
LO SVELA MARCO NICOLO' RICCOMINI

Il progetto sarà presentato venerdì 13 maggio alle ore 11.00 al Foyer del Teatro Magnani

images-2012-marco-riccomini-257x300.jpg

Fidenza, 4 maggio 2016 – “Sarà un percorso inusuale e affascinante che con stupore porterà lo spettatore alla scoperta di un 'teatro nascosto', che eccezionalmente sarà svelato per la prima volta al pubblico in modalità insolite e coinvolgenti”.
Con queste parole il vicesindaco con delega alla Cultura, Alessia Gruzza, annuncia il progetto di valorizzazione del Teatro Magnani - ideato e progettato dallo Staff dell'Assessorato, in collaborazione con Marco Nicolò Riccomini, direttore del Dipartimento Dipinti Antichi della Christie’s Italia, tra gli esperti d’arte più conosciuti a livello nazionale – che presenterà insieme a Marco Nicolò Riccomini venerdì 13 maggio alle ore 11.00 al Foyer del Teatro Magnani.
Teatro nascosto - continua il vicesindaco Gruzza – non è solo il nome della rassegna di eventi che proporremo ma il suo contenuto: sarà infatti un percorso che condurrà il pubblico in spazi del teatro, di norma nascosti e non visitabili, ma vissuti dagli addetti ai lavori nel corso degli oltre 100 anni di vita del teatro e che, proprio per questo, sono diventati custodi di storia e ricordi e in quanto tali luoghi d'arte da riscoprire con performance teatrali e musicali inusuali”.
La conferenza stampa, che si preannuncia un piccolo evento, “sarà aperta a tutto il pubblico affezionato al Teatro Magnani – conclude il vicesindaco – e sarà il punto di partenza di un viaggio di scoperta e valorizzazione del teatro municipale, luogo simbolo per eccellenza della progettazione e programmazione culturale cittadina, con l'obiettivo che di farlo conosce a un pubblico sempre maggiore, con modalità che possano incuriosire e quindi avvicinare anche un potenziale target di cittadini che ancora non ha vissuto la bellezza del nostro teatro”.

1 commento:

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi