lunedì 6 giugno 2016

Vertenza SMA: Primavera Fidentina è con i lavoratori


Primavera Fidentina è con i lavoratori dei supermercati di Fidenza e Salsomaggiore

  | 0 commenti
La crisi economica, checché se ne dica a livello governativo, continua a preoccupare. Il commercio è una categoria molto bersagliata e lo sanno bene i lavoratori dei supermercati SMA di Fidenza e di Salsomaggiore che alla fine del mese vedranno la chiusura dei loro esercizi.

Per tutti loro è stata una vera e propria doccia fredda giunta del tutto inaspettata.
Nei due supermercati vi lavorano complessivamente 38 dipendenti, per la maggior parte donne.
La proprietà non parla di licenziamenti ma si limita a dire che ci saranno dei trasferimenti.  Questo, però, ci sembra un modo per nascondere la verità: le condizioni ci dicono  che siamo in presenza di veri e propri licenziamenti perché quasi sicuramente i lavoratori non sceglieranno di trasferirsi in Lombardia.
Stiamo parlando per lo più di donne, di madri con figli in età scolare,  con contratti di lavoro part time, con salari bassi e orari di lavoro proibitivi.
Va, inoltre, detto che la proprietà non ha espresso alcuna intenzione di agevolare i trasferimenti prevedendo rimborsi viaggio o aiuti per vitto e alloggio.
Come sedi del trasferimento si parla di Milano e di Busto Arsizio, località scomode da raggiungere per le dipendenti salsesi e fidentine.
Il prossimo 11 giugno verrà aperto in Provincia un tavolo di crisi sulla chiusura di questi due supermercati. Ci auguriamo che vengano trovate valide proposte anche se temiamo che gli strumenti a disposizione siano piuttosto scarsi.
Il nostro gruppo seguirà gli sviluppi della trattativa ed esprime la massima solidarietà ai lavoratori
                                                Giovanna Galli

1 commento:

  1. Franco Bifani7 giugno 2016 10:06

    Ho visto che ci sono, sul territorio parmense, nel Piacentino, nel Cemonese, parecchi supermarket di questa catena. Non sarebbe possibile reinserire almeno alcuni di questi lavoratori in una di queste strutture, invece di spedirli nell'Alta Lombardia?

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi