giovedì 28 luglio 2016

In Consiglio Comunale una raffica di "ratifiche", tra queste anche un ipermercato


Il Consiglio Comunale non va in ferie, anche se, viste le assenze nell'ultimo Consiglio Comunale e anche in precedenza, i Consiglieri non ci rinunciano. 
Molto più comodo ormai utilizzare i comunicati stampa che impegnarsi in CC. Ma vediamo questo ODG apparentemente molto nutrito.
All'inizio le consuete comunicazioni, interrogazioni ed interpellanze, quindi un paio di varianti al PRG riguardanti l'olio Speroni e il piano delle cooperative per i Gigliati e per il commercio. 
E' quest'ultimo il pezzo forte del CC:
Un grande supermercato di 4500 MQ sarà la porta orientale cittadina, non una porta di accesso come si pensava all'inizio, qui si parcheggia, si compra e si va via. Del progetto iniziale (vedi sotto) rimane "il tombinamento del Cavo Bionda" e gli edifici civili già realizzati.
Rete Civica interpreta graficamente le timide perplessità dei cittadini
In arrivo oltre all'ipermercato altre costruzioni civili a rimpolpare un patrimonio immobiliare ultrasaturo e svalutato. Non difficile prevedere le conseguenze sul commercio cittadino, un centro commerciale di medie dimensioni a San Faustino ha già chiuso altri seguiranno. 

Sistemati i Gigliati la seduta continuerà con l'Assessore Maria Pia Bariggi ed i suoi sei punti di cui cinque riguardano i servizi scolastici. Al punto 8 dell'ODG troviamo la convenzione per le prossime due stagioni di prosa. 
I tre punti che chiudono l'ODG sono altrettante ratifiche.


ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO COMUNALE DEL
1 AGOSTO 2016 ALLE ORE 18.00 E ORE 21.00 

1) Comunicazioni del Presidente del Consiglio. 



2) Comunicazioni del Sindaco e della Giunta. 

3) Interrogazioni e Interpellanze. 

4) Mozione presentata il 20 luglio 2016 dal gruppo consiliare di Forza Italia avente ad oggetto: vendita alloggi coop. Di Vittorio. (Rel atore consigliere Gambarini); 

5) PRG. Variante ai sensi del DPR 160/2010 e s.m.i. per ampliamento "Oleificio Speroni" in località Santa Margherita. Approvazione. (Relatore assessore Castellani); 

6) PRG. Variante al piano urbanistico attuativo (PUA) di iniziativa privata "I Gigliati". Approvazione e disposizioni conseguenti. (Relatore assessore Castellani); 

7) Aggiornamento convenzione con la coop. "Il Seme" per scuola di Castione M.si. Approvazione. (Relatore Assessore Bariggi); 

8) Convenzione fra il Comune di Fidenza e l'associazione Teatrale Emilia Romagna (ATER) per la programmazione del teatro comunale per le stagioni teatrali di prosa 2016/2017 e 2017/2018. (Relatore assessore Bariggi); 

9) Recepimento ISEE per definizione rette scolastiche. Approvazione. (Relatore assessore Bariggi); 

10) Modifiche ed integrazioni ai regolamenti '"Servizi educativi per la prima infanzia" (approvato con deliberazione consiliare n. 27/2002 e ss.mm.ii.) e "Servizi scolastici ed extrascolastici" (approvato con deliberazione consiliare n. 257/2013 e ss.mm.ii.) a seguito dell'applicazione dell'ISEE alle tariffe dei servizi educativi 0­3 ed extrascolastici. (Relatore assessore Bariggi); 

11) Modifica ed integrazioni al regolamento “Servizi scolastici ed extrascolastici” (approvato con deliberazione consiliare n. 257/2013 e ss.mm.ii.) ed abrogazione del Regolamento “Servizio di mensa scolastica. Regolamento per l'attribuzione della retta, per la prenotazione ed il pagamento dei pasti somministrati agli alunni” (approvato con deliberazione di Consiglio n. 37 del 04/09/2012 e ss.mm.ii). (Relatore assessore Bariggi);

12) Modificazione della deliberazione di Consiglio comunale n. 19 del 21/03/2016 avente ad oggetto “appalto del servizio di refezione scolastica. Linee di indirizzo”. (relatore assessore Bariggi); 

13) Ratifica della delibera di Giunta Comunale n. 127 dell'8 giugno 2016 “lavori di ripristino strada Tabiano superiore. Variazione di bilancio e di peg art. 175, comma 4, d.lgs. n. 267/2000. (Relatore assessore Malvisi); 

14) Ratifica della delibera di Giunta Comunale n. 129 del 15 giugno 2016 “lavori di adeguamento e riqualificazione dell'impianto sportivo Ballotta. Variazione di bilancio e di peg art. 175, comma 4, d.lgs. n. 267/2000. (Relatore assessore Malvisi); 

15) Valore industriale residuo (vir) degli impianti di distribuzione del gas naturale nel comune di Fidenza al 31 dicembre 2015 ai sensi del d.m. 07 aprile 2014. (Relatore Sindaco).

DOCUMENTAZIONE

"I GIGLIATI": ENTRANO NEL VIVO I LAVORI DELLA FUTURA PORTA DELLA CITTA' VERSO PARMA

Procedono speditamente gli interventi per la realizzazione dell'area che doterà Fidenza di un grande Parco Urbano
img--i-gigliati-entrano-nel-vivo-i-lavori-della-futura-porta-della-cittÀ-verso-parma


Fidenza, 31 luglio 2008 - Proseguono secondo programmi, i lavori di attuazione del Piano Urbanistico Attuativo I Gigliati. 

Il Piano si sviluppa su un'area estesa 224.284 mq (22,5 ettari) con destinazioni principali ricettiva e commerciale terziaria direzionale. È ammessa la destinazione residenziale nella parte posta più vicina al sistema del verde sportivo e pubblico del quartiere delle Azalee. 

Le aree previste a cessione ammontano a complessivi mq 121.776 - di cui 86.000 mq a verde pubblico sistemato a parco - e ad aree attrezzate nelle due principali aree di cessione poste lungo il Rovacchia (circa 7 ettari) e tra la zona commerciale e larea residenziale (più di 1,5 ettari). A queste si aggiungono le aree a uso pubblico poste tra l'albergo-residence e la piattaforma commerciale, in parte occupati da specchi dacqua, che caratterizzano il nuovo fronte per chi attraversa Fidenza lungo via XXIV Maggio. 

«L'intervento dei Gigliati rappresenta il completamento della porta della città verso Parma e la riqualificazione di un'area esclusa per lunghi anni dai processi di trasformazione urbana, anche dopo la dismissione della funzione produttiva della fornace. Il Parco Urbano avrà il ruolo strategico di raccordo tra la città, Coduro e San Lazzaro. Con la realizzazione dei percorsi ciclopedonali e delle aree verdi previste dal progetto, si aggiunge un ulteriore tassello al sistema di parchi e percorsi ciclopedonali che collega i vari quartieri di Fidenza», ha detto il sindaco Giuseppe Cerri. 
"E uno degli interventi più rilevanti immaginati, disegnati e progettati in questi anni e destinato a incidere in modo profondo sul miglioramento e lo sviluppo della città, sempre più capitale e punto di riferimento di un territorio ampio. Una sfida che l'Amministrazione, assieme ai soggetti privati, ha lanciato per uno sviluppo che porti ricadute a tutta la città"
 ha detto il vicesindaco e assessore all'Urbanistica, Paolo Antonini.

Ricordo, ad esempio, che il recente intervento che ha portato alla pedonalizzazione di via Gramsci e al rifacimento del Parco Matteotti è stato realizzato a carico dei soggetti attuatori di questa area». 

Attualmente sono in avanzata fase di realizzazione le Opere di Urbanizzazione che prevedono la realizzazione di tutti i sottoservizi necessari all'urbanizzazione dell'area: illuminazione pubblica, viabilità pubblica, percorsi pedonali e ciclabili, parcheggi pubblici, cabine Enel, sistema del verde pubblico. Sono inoltre previsti il tombinamento del Cavo Bionda, lo spostamento del tratto di Gasdotto Snam interferente con la realizzazione del PUA, la regimentazione e sistemazione idraulica del torrente Rovacchia a monte e a valle del ponte di via XXIV Maggio. 

Linsieme degli interventi comportano una spesa di 5,3 milioni di euro, sostenuta dai soggetti attuatori. 
La fase attuale vede, ad oggi, la completa realizzazione in collaborazione con San Donnino Multiservizi srl, di tutte le reti di sottoservizi (fognature, acqua, gas, fibre ottiche, predisposizioni illuminazione pubblica, Enel, Telecom) e la realizzazione, ormai estesa a tutto il comparto, delle fondazioni stradali. 

Sono stati inoltre rilasciati i titoli abilitativi relativi ai primi interventi residenziali, tra cui tutti quelli destinati a edilizia convenzionata con prezzi di acquisto più contenuti, per un numero di alloggi convenzionati superiore a 90 unità. In particolare, in 6 alloggi di edilizia convenzionata sono state previste tecniche e materiali a carattere sperimentale, al fine di ottenere la certificazione di classe A, prevista dal protocollo di Ecoabita. L'intervento, a carattere sperimentale, sarà oggetto di monitoraggio nel tempo, che consentirà una lettura del risparmio energetico effettivamente realizzato. Di fatto questo intervento ha anticipato l'entrata in vigore delle disposizioni regionali sull'abitare sostenibile entrato in vigore lo scorso 1 luglio 2008 e l'ulteriore evoluzione delle politiche comunali in tal senso previste nella progettazione del nuovo quartiere Europa. 

Tratto specifico delle urbanizzazioni in corso di realizzazione è poi lo sviluppo dei percorsi ciclabili; in tal senso è già in fase di realizzazione lo scatolare in cemento armato che costituirà il nuovo manufatto entro cui scorrerà il Cavo Bionda e sulla cui soletta si realizzerà la pista ciclabile che collega via XXIV Maggio con via La Bionda, collegandosi inoltre con la pista proveniente dal quartiere Le Azalee. Perpendicolarmente a questo percorso, in direzione est-ovest, è previsto il ponte pedonale-ciclabile sul Rovacchia, che consentirà a tutta la zona residenziale di Coduro di raggiungere attraverso il Parco Urbano il sistema dei giardini posti nella periferia sud della città, senza percorrere o attraversare la ex via Emilia. Per dare l'idea di quanto l'attenzione alla mobilità sostenibile e alle utenze deboli è al centro della progettazione del nuovo quartiere, a lavori ultimati la città si troverà 2,5 km di pista ciclabile in sede propria nuovi e in grado di integrarsi e di fare sistema con i percorsi già esistenti. 

I percorsi pedonali ciclabili si sviluppano in un sistema di aree verdi di cui è parte caratterizzante la realizzazione del grande Parco Urbano, che metterà a disposizione della città di Fidenza un'area verde di circa 70mila mq, posta lungo il corso del Rovacchia. 
"Presenteremo il progetto definitivo del Parco Urbano in autunno e vorremmo ultimarlo entro la primavera 2009. Con il parco dei Gigliati la città, già oggi ricca di verde, si dota di uno spazio di dimensioni non paragonabili con il sistema dei giardini che caratterizzano la città ha concluso il vicesindaco Antonini - Il parco, che manterrà anche forti caratteristiche naturalistiche, è posto a conclusione di un sistema di aree verdi che dal quartiere Luce, attraverso la nuova area Aeronautica, il Parcobaleno, lormai ultimata riqualificazione del parco De Gasperi, il parco della Pace, il giardino Rabaiotti e le aree verdi del quartiere Le Azalee, attraversa tutto il sistema urbano e rappresenta la ricucitura attraverso il verde, dei quartieri residenziali posti al di là dell ex via Emilia". 
  


11 commenti:

  1. Prima di pensare a nuove offerte commerciali, a nessuno viene in mente di fare statistiche sugli afflussi e sulle vendite nei supermercati tra passato e presente? Nessuno si è accorto che le casse restano in parte chiuse? Che non ci sono più le code di un tempo? I cittadini hanno tutti gli stessi diritti compresi quelli del centro, perché non ristabilire i servizi e non rivitalizzare il centro storico?

    RispondiElimina
  2. Cambia poco rispetto alla politica del passato :consumo di suolo,tanti metri cubi di cemento, creazione di ipermercato inutile quando gli esistenti sono già in eccesso con relativi licenziamenti. E per ultimo : spostamento dei supermercati sempre più lontano dal centro-città, tanto per dare una mano a chi è anziano o ha problemi a muoversi.

    RispondiElimina
  3. Condivido tutto, BASTA CENTRI COMMERCIALI, a Fidenza c'è una saturazione incredibile. Io ci lavoro nei supermercati non serve a nulla continuare a costruire del nuovo: ma scusate una ristrutturazione con modifiche della coop già esistente?! E' in una posizione splendida, va comunque detto che poi i prezzi della coop non calerebbero in ogni caso... A qualcuno di questi direttori verrà mai in mente che è il servizio che fa la differenza???? C'era già qualcuno che aveva chiesto in consiglio fin da subito LO STOP A NUOVI CENTRI COMMERCIALI, il PD ha bocciato la mozione...

    RispondiElimina
  4. Certo che anche i consiglieri comunali che "obtorto collo" voteranno a comando come dei burattini, o meglio delle marionette, non proveranno un pò di vergogna ad approvare un simile scempio? Ma un pò di amor proprio verso la loro città proprio non l'avranno? Che schifo, sarà bene poi rendere di dominio pubblico i nomi e i cognomi di questi signori e signore, perchè anche in futuro la responsabilità sarà solo loro.

    RispondiElimina
  5. silvana gnecchi29 luglio 2016 00:43

    Mi domando:1)i piccoli negozi ed i piccoli supermercati fanno un enorme fatica a rimanere attivi e qui il PD pensa a dare l'ok ad un mega progetto? Ma non si rende conto di come va l'economia e di quali scenari futuri si prospettano????2)altro impatto ambientale con colate di cemento ed occupazione suolo, che andrebbe adibito SOLO a verde e ciclabile:questo e'abbattere l'inquinamento? Quale futuro?ed il sindaco deve tutelare la salute dei cittadini???..3)e non dimentichiamo che alle porte di Parma si e'gia'ventilato del progetto di costruzione nell'area ex salvarani, di un mega mega centro commerciale:A CHI CONVIENE TUTTO CIO'????? Buon senso per favore

    RispondiElimina
  6. Quindi, un obiettivo di questa e di altre amministrazioni locali è di fare supermercati sempre più grandi, senza considerare se ne esistono già altri. Più grandi e più lontani dalle città, con parcheggi enormi, perchè l'automobile è il mezzo principale per raggiungerli. Si crea in questo modo un maggior traffico automobilistico e maggiore inquinamento e si penalizzano le persone anziane ,e non, che non possono usare questi mezzi di trasporto. A qualcuno conviene in senso economico, ma non alla maggioranza dei cittadini.

    RispondiElimina
  7. una cosa assurda un opera da megalomane come lo stesso quartiere gigliati

    RispondiElimina
  8. Bravo PD, fai veramente pena. Uno schifo, ma i commercianti non dimenticheranno alla svelta questo inutile mostro

    RispondiElimina
  9. Se costruiscono un grande centro commerciale, distruggeranno una delle pochissime aree verdi rimaste a Fidenza. Dato che molto probabilmente andrà cosi, significa che purtroppo l'Amministrazione ha capito poco delle necessità attuali dei cittadini e dimostra una grande miopia nella valutazione delle necessità future. Sul discorso ambiente, poi, dimostra di essere perfettamente in linea con quello che si è fatto negli ultimi 30 anni : un consumo sfrenato del terreno,bene naturale limitato e prezioso,senza obiettivi di lungo termine , ma immediati, di soddisfare interessi economici di gruppi ristretti.

    RispondiElimina
  10. Il quartiere Gigliati, mai nato fino ad oggi (per fortuna), è stato progettato e approvato nell'"epoca d'oro" della grande cementificazione della città di Fidenza,
    Poi per motivi inspiegabili gran parte dei progetti faraonici cementizi non sono stati realizzati, ma nel tempo questo "quartiere" ha mantenuto il ruolo di contenitore di nefandezze, ne è la prova l'attuale progetto di mega-centro commerciale, una specie di moderno tempio della cementificazione.

    RispondiElimina
  11. Come solito, alla faccia della tanto decantata e democratica sinistra, se ne fregano del parere dei cittadini e sicuramente daranno la colpa dello scempio alle amministrazioni passate, dimenticando che le amministrazioni precedenti, a parte la penultima, erano sempre le solite, con la solita gente che ancora oggi popola il comune e che continua, imperterrita, ad imboccare la sfavillante via cementifera.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi