martedì 30 agosto 2016

Emma Gramatica, Nullo Musini e Luca Pollastri


Tra i "sospesi" cioè le cose approvate e non fatte, troviamo la proposta di delibera discussa in Consiglio Comunale nel novembre 2015 relativa alla mozione di Rete Civica, presentata da Luca Pollastri, avente per oggetto "intitolazione di una via di Fidenza a Emma Gramatica".

Nella discussione consiliare è emerso qualche scampolo d'ignoranza negli interventi di alcuni consiglieri.
Per uscire dall'impasse il Presidente suggerisce un emendamento: quello di dedicare ad Emma una targa da mettere in teatro anziché una via cittadina. La proposta così emendata viene approvata all'unanimità con la sola eccezione del consigliere del Movimento 5 Stelle che si astiene. Vedi sotto la trascrizione del verbale della discussione in CC.


Nel maggio scorso il Consigliere Luca Pollastri ha l'opportunità di far visita alla tomba di Emma Gramatica, questo il suo breve resoconto corredato da un buon numero di fotografie:
"Buongiorno, sono al cimitero di S. Miniato a Signa. È fuori dal paese sopra un colle da cui c'è una vista bellissima sulle colline toscane. Emma Gramatica è sepolta qui insieme alla sorella Irma e ai genitori. A parte un vaso di ciclamini (freschi), un mazzo di fiori (finti) e una bella foto delle due sorelle, la tomba è lasciata all'incuria. La via davanti al cimitero è stata dedicata a loro. Volevo deporre un fiore sulla tomba ma l'unico fiorista davanti al cimitero solo per oggi pomeriggio è chiuso. Peccato...."

Ora è venuto il momento di procedere a quanto deliberato realizzando la targa, che suggerisco bronzea evitando il freddo marmo.
Pochi dubbi sul motto da apporre, una volta scartato l'omaggio verbale di Anatole France nel 1895 a Palermo che si esprimeva così, invitandola a sedersi sulla sua automobile senza preoccuparsi di essere troppo ingombrante sul sedile:
"Venez, mademoiselle, venez, Vous êtes comme les anges, qui n'ont pas de derrière!"  

meglio rifarsi al cantore locale della grande attrice, Nullo Musini, che nel 1953 scrisse di lei in occasione di una sua esibizione al Teatro Magnani, 

 "... tutto lo sforzo della sua esistenza fu teso ad un unico fine: quello di tradurre sulla scena la realtà della vita, innalzando il teatro di prosa al più alto e puro significato d'arte."
Ricordiamo che il nostro concittadino omaggiò Emma Gramatica di una sua caricatura nel lontano 1907, il disegno è conservato nella Sala delle Caricature del Museo Bucardo, il Museo Teatrale della SIAE.


Dal Verbale del Consiglio Comunale del 4/11/2015

Punto 6 Mozione protocollo n. 25277 avente ad oggetto: “Proposta di intitolazione di una via di Fidenza a Emma Gramatica”.
Il consigliere Pollastri Luca dà lettura della Mozione n. 25277.
Interviene il consigliere Rastelli Davide precisando che Emma Gramatica è nata a Fidenza per caso. Sulla bravura si va in fiducia. Deve aver fatto qualcosa a Fidenza per Fidenza.
Il consigliere Pollastri Luca precisa che forse prima di un episodio personale non conosceva Emma Gramatica. Si è informato e ha saputo che ha fatto molte cose buone.
Il consigliere Rigoni chiede che decisioni prese in Consiglio vengano poi riferite in merito alle esecuzioni. Si potrebbe parlarne prima.
Il consigliere Comerci dice che la salma non è a Fidenza. Non la ritiene consona alla situazione. Non c'è traccia a Fidenza del suo passaggio. E' contrario.
Il consigliere Amoruso mantiene la linea come in altre occasioni con altre proposte. Resta coerente. Si astiene.
Il Presidente del Consiglio propone di fare una targa da mettere in teatro. Il gruppo consiliare Rete Civica è d'accordo. Il gruppo consiliare Partito Democratico è d'accordo.
Il Presidente del Consiglio propone un emendamento alla mozione “.......una targa commemorativa presso il Teatro Magnani di Fidenza, città sua natale”
Il Presidente del Consiglio sottopone a votazione la mozione emendata
Astenuti: Amoruso
Favorevoli: Rigoni, Pollastri, Comerci, Gambarini, maggioranza, sindaco
Contrari: Nessuno
La mozione emendata viene approvata.


Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi