lunedì 12 dicembre 2016

L'assessore conferma: il nuovo canile è stato costruito in terreno di proprietà di terzi.


Si è fatta attendere una settimana la risposta dell'Assessore Giancarlo Castellani al nostro articolo di venerdì 2 dicembre 2016: Il Parco Urbano è in vendita? Che ne sarà del Nuovo Canile?.

L'articolo denunciava che il nuovo canile, inizialmente iniziativa dell'Unione Terre Verdiane ma poi realizzato dal solo Comune di Fidenza, è stato costruito su terreni altrui e che, essendo il proprietario del terreno nel frattempo sottoposto alla procedura di Amministrazione Controllata, il terreno oggi è all'asta pubblica.
Nell'articolo della Gazzetta di Parma che riprende la risposta dell'assessore si ha la conferma di tutto questo e si indica la via per uscire dall'impasse o, come si diceva prima del 1791, dal "cul-de-sac".
Ecco come descrive Castellani, che ringraziamo, la situazione:


Riconosce quindi Castellani l'importanza di questo "blog" nel panorama dell'informazione a Fidenza, ma soprattutto, nell'indicare la soluzione, da uno spaccato del come in questo paese la "politica" detta le regole indipendentemente dalle norme di buona amministrazione.
La soluzione così come descritta dall'assessore presuppone una gestione anomala dell'asta per la vendita del terreno, già avevamo evidenziato come negli elaborati d'asta il canile non appare nella pianta del terreno.



2 commenti:

  1. Dalla risposta dell'Assessore nascono delle perplessità e dubbi : Il Comune di Fidenza era ed è Socio nella Soprip, non si poteva quindi acquisire l'area prima che fallisse e prima di costruirci il canile? Un'area a verde pubblico e servizi, perché dobbiamo pagarla 15 euri al metro e non molto meno ? Ultimo ma non come importanza: come può essere "gestita" un ' asta quando è aperta a tutti? In bilancio era già stata prevista una spesa di 280.000 euro quindi per la cittadinanza è un COSTO non piccolo.

    RispondiElimina
  2. perchè non avete sentito le risposte del vicesindaco..sul caso
    ahahahhah

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi