venerdì 21 aprile 2017

72° anniversario della Liberazione


Nel 72° anniversario della Liberazione l’ANPI di Fidenza, insieme alla Giunta comunale (presenti, oltre al sindaco Andrea Massari, anche gli assessori Bariggi, Bonatti e Malvisi), ha presentato il programma di iniziative che anche quest’anno accompagneranno la memoria del 25 aprile.
Nell’introduzione il presidente Cristiano Squarza ha sottolineato che “proprio il dovere della memoria ci spinge ancora oggi a onorare le vittime della barbarie nazifascista con visite didattiche sui luoghi del massacro di gente inerme: di recente al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau, il 10 maggio prossimo al sacrario di Marzabotto e al parco di Monte Sole. 

Il 23 aprile alle 21 verrà presentato presso il circolo Arci-Taun il libro di Livio Crescenzi “Processo Eichmann”. 

Il 24 aprile due delegazioni si recheranno davanti ai monumenti della Resistenza e dei Caduti a Cefalonia e Corfù per deporre corone di alloro.

Il 25 aprile, con inizio alle ore 10, celebrazione eucaristica presso la chiesa di San Pietro seguita dal corteo e dalla cerimonia commemorativa con una novità: la sfilata degli automezzi storici militari a cura dell’associazione Rover Joe.
Alle 11,45 orazioni ufficiali in piazza Garibaldi e rievocazione storica a cura degli studenti degli istituti cittadini: al termine consegna delle pergamene ai partigiani ancora viventi. 
In serata alle 21, presso l’ex macello, proiezione del film “Germania anno zero” (1948) di Roberto Rossellini, dove un ragazzino che si aggira tra le macerie di Berlino, devastata dai bombardamenti e dalla miseria, diventa l’emblema della perdita di ogni speranza. 

Il 5 maggio, sempre presso l’ex-macello, alle ore 10 “La poesia di Eliot in Apocalypse now”, viaggio letterario condotto dal poeta ed editore Massimo Scrignòli che terrà un incontro dedicato al rapporto tra cinema/poesia e arte, con un inusuale viaggio all'interno del film Apocalypse Now di F.F. Coppola, alla ricerca della presenza delle tracce della poesia di Eliot (e non solo).


Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi