lunedì 12 giugno 2017

Le Regione promuove il progetto “L’Äcädemia del Rùmäl”

Sono 15 i progetti vincitori del bando per la valorizzazione dei dialetti in Emilia-Romagna: nell'elenco anche due iniziative dal parmense, una dalla città e una da Fidenza frutto dell'impegno di Claretta Ferrarini che ricordiamo è membro del Comitato Scientifico regionale per la salvaguardia dei dialetti.

Mappa dei dialetti dell'Italia settentrionale
I finanziamenti sono stati offerti dalla Regione Emilia-Romagna attraverso l’Istituto per i Beni culturali, che aveva promosso un avviso per la presentazione di progetti in materia di salvaguardia e valorizzazione del dialetto. 
Hanno partecipato 48 diverse realtà, fra le quali sono stati selezionati i vincitori.
Un contributo di 4.200 euro è stato assegnato al Comune di Fidenza per il progetto “L’Äcädemia del Rùmäl” e un contributo di 4.500 euro al Comune di Parma per il progetto “Il dialetto a teatro”, che mira alla valorizzazione del fondo “Italo Clerici”.
L'IBC, ai sensi della L.R. 16/2014 “SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DEI DIALETTI DELL'EMILIA-ROMAGNA” – Piano 2017, aveva promosso un avviso per la presentazione di progetti in materia di salvaguardia e valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna.
Sono  pervenuti complessivamente 48 progetti da parte di altrettanti soggetti proponenti. Nell'allegato i 15 progetti vincitori con l'indicazione del contributo assegnato.
Graduatoria progetti vincitori
Segnalato da "Anonimo di Borgo"
Azioni 

2 commenti:

  1. Brava sig. ra maestra Claretta, sai farti valere anche in quel di Bologna, solitamente avaro di concessioni di contributi verso l'Emilia Occidentale,
    visto che rappresenti più che degnamente le provincia di Parma e Piacenza, visto il risultato.
    l'Anonimo di Borgo.

    RispondiElimina
  2. Il progetto annovera, in sè, alcuni incontri didattici con i docenti delle Scuole fidentine, al fine di renderli sensibili nei confronti del dialetto il quale, se ben parlato, ben scritto e bene indagato, è fonte di grande cultura grammaticale, storica, antropologica e sociologica.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi