domenica 15 gennaio 2012

Un nuovo modo di abitare


La dove il quartiere Europa già si spinge ad occupare l'ultima striscia di pianura oltre la quale il terreno ormai è collina un nuovo edificio disturba il nostro guardare. Grazie alle nuove tecnologie nello spazi di pochi giorni ha raggiunto le proporzioni delle altre tradizionali costruzioni con le quali condivide il quartiere ma, a quanto sembra, non la centrale di cogenerazione anzi ne decreta il superamento ancor prima che la centrale entri in funzione. 
Ma vediamo meglio che cos'è la nuova struttura che già si presenta in modo del tutto particolare. E' un condominio con tipologia a ballatoio (tipo Milano) con delle parti "sociali comuni" dove 12 o 13 famiglie condivideranno delle attività insieme. Dovrebbe essere un condominio autonomo a basso impatto con fotovoltaico ed impianto autonomo geotermico. 
Sistemata appena oltre ai confini del Quartiere Europa la nuova struttura è ancora semicoperta dalle piante lungo il rivo  e a sua volta copre il panorama collinare delle costruzioni precedenti del quartiere in attesa di esserne a sua volta privato 
Il sistema costruttivo adottato è all'avanguardia tecnologica, una "struttura pluripiano prefabbricata con un montaggio “tutto a secco”, ma con le caratteristiche prestazionali di una struttura spaziale iperstatica." in poche parole un Sistema Pluripiano Iperstatico come nell'immagine sottonotata. 

Il SISTEMA PLURIPIANO IPERSTATICO 
abbina la rapidità di esecuzione di un montaggio tipico delle strutture prefabbricate "a secco", con il risultato di una struttura iperstatica. Migliori prestazioni antisismiche, sia in relazione alla capacità dissipativa dell' azione sismica per la duttilità delle unioni, sia per la minore deformabilità dei telai. Caratteristiche delle finiture che possono spaziare sia da quelle più tradizionali a quelle tipiche del settore. Maggior grado di sicurezza della struttura nel suo complesso. 
Immagine di repertorio di una fase costruttiva

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi