mercoledì 15 maggio 2013

Il M5S contro "i bei silenzi"


Il Movimento 5 Stelle nella sua espressione fidentina da tempo, ormai sono anni, affronta in riunioni aperte ai cittadini i temi locali di salvaguardia del territorio, urbanistica, bilancio, sociale ed altro. Tutto ciò oggi converge verso la predisposizione di un programma da sottoporre poi ai cittadini. Un'impegno quindi che necessità di preparazione ma anche di conoscenze. Con il documento sotto riportato come immagine pubblichiamo la lettera aperta preparata dal Movimento che evidenzia le difficoltà che artificialmente vengono poste alla loro ricerca da una burocrazia che sembrerebbe dallo scritto stesso abituata alla passività dei cittadini ed arroccata su se stessa. 

Nota: alle ultime elezioni politiche il M5S ha ottenuto a Fidenza oltre quattromila quattrocento voti che corrispondono al 28%, e fanno del M5S il secondo partito immediatamente dopo il Partito Democratico (4.880 voti).



2 commenti:

  1. Io non ho votato M5S, ma ritengo che,il 28% degli elettori fidentini che lo hanno appoggiato, abbia diritto di trovarsi le porte aperte come gli altri. Ammesso che anche gli altri, le trovino sempre aperte o abbiano paggetti che gliele spalanchino. Credo che, anche in politica, si debba bussare parecchie volte prima di sentirsi dire "Avanti!" "Siguitè a ciuchèr a l'üss" potrebbe essere uno slogan appropriato.

    RispondiElimina
  2. Claretta, encore une fois, pochi giorni orsono, ho sperimentato, sulla mia delicatissima epidermide, liscia e vellutata, come quella del culino santo di un infante, che, solo per il fatto di essere un impiegatino\a, al di là del divisorio di vetro. ogni cittadino italiano idiota -ossia il 99% dei nostri compaesani- diventa arrogane, altezzoso, supponente. Pochi cm. tra noi e loro fanno una differenza incolmabile,scavano uno iato enorme, di anni-luce di spazio-tempo.Ti puoi immaginare, poi, se si tratta di osare l'incontro con un politico, sebbene esso sia stato da noi collocato ad occupare un comodo scranno per il suo beato sederino. Come entri, ammesso e non concesso che accada, ti senti divenire piccino, ti impappini; il politico ti guarda sempre dall'alto al basso, come avesse il mondo in gran dispitto, alla Farinata degli Uberti. E spesso, se non hai qualche cappone con te, come fece Renzo con il dottor Azzeccagarbugli, ti fanno trovare presto l'uscio del ritorno a casina tua, scornato ed umiliato. Parola del Signore, amen!

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi