domenica 15 settembre 2013

Resteremo sempre bomboloni: "considerato che", "considerato inoltre"

L'area Bomboloni non ancora ex
L'Ordine del Giorno del Consiglio comunale del 17 settembre prevede al punto 12 di assumere delibera in merito a:
= Prg. Individuazione di una nuova scheda di progetto riferita all'area “Ex Bomboloni” (art. 23 NTA. Piano particolareggiato di iniziativa privata (PUA) denominato “Gli Olmi due”. Osservazioni formulate dalla provincia di Parma. Controdeduzioni. (relatore Sindaco) =

I Bomboloni spruzzati di neve
Ritornano quindi in Consiglio Comunale i Bomboloni accompagnati stavolta dagli Olmi, un binomio che può apparire strano, ma che si comprende se si tiene conto che: il primo indica un'area in via di urbanizzazione, il secondo una iniziativa edilizia. 
La necessità di ribadire vecchie delibere nasce da una delibera, stavolta della Giunta Provinciale", che riprende alcuni temi della minoranza consiliare ed aggiunge del suo. 
Come sempre è il solito ping-pong burocratico che porta all'allungamento dei tempi e dei costi e che per i cittadini e gli investitori in genere crea solo incertezze.


Veduta aerea dell'intera area

Ma vediamo la delibera 321/2013 con cui "L’anno duemilatredici, addi’ undici del mese di Luglio alle ore 15:30" la Giunta della Provincia di Parma, ha assunto la seguente decisione:

A voti unanimi e palesi
DELIBERA
di esprimere, sulla Variante parziale al P.R.G. del Comune di Fidenza relativa all'area “ex Bomboloni” e al conseguente Piano particolareggiato “Gli Olmi 2” adottati con deliberazione di cc n. 76 del 28.11.2012, le osservazioni di cui al precedente CONSIDERATO, ai sensi dell’art. 15 della l.r. 47/78 modificata;
di disporre che, in riferimento alle indicazioni dell’art.12 del D.Lgs n. 4 del 16/01/2008, la Variante al PRG, ex art.15, L.R. 47/78, in oggetto non debba essere assoggettata a procedura di VAS per le considerazioni espresse nel precedente “CONSIDERATO INOLTRE”;

Sotto riproduciamo per vostra comodità il CONSIDERATO ed il CONSIDERATO INOLTRE sottolineando quei passaggi che riteniamo fondamentali. 

CONSIDERATO che sulla variante in esame si ritiene di formulare le seguenti osservazioni:
1. si esprimono perplessità sulla Variante urbanistica con riferimento alla riduzione delle dotazioni territoriali rispetto al PRG vigente, in rapporto anche all'obbiettivo del PRU di incremento e potenziamento degli spazi e dei servizi dell’adiacente Polo scolastico;
2. Inoltre l’edificazione nel comparto di 55 nuove unità immobiliari appare in parziale contrasto con l’obbiettivo del PRU di “ricucitura e completamento del tessuto residenziale esistente nell'ambito via Trieste – Via Guareschi, anche attraverso una trasformazione dell’area di proprietà comunale “Ex bomboloni” con l’effettiva realizzazione di nuove dotazioni territoriali pubbliche e di interesse pubblico oggi limitate ad aree semplicemente classificate e mai attuate”;
3. In merito all'edilizia residenziale sociale, il cui incremento è fra gli obbiettivi del PRU, si evidenzia che la quota da prevedere deve essere indicata nella specifica scheda normativa 3.9 del PRG (Area ex Bomboloni);
4. Si evidenzia altresì l’esigenza di una tabella esplicativa che dimostri analiticamente l’utilizzo, nelle diverse varianti effettuate al PRG, della quota del 6% del dimensionamento residenziale consentito dalla proceduta ex art. 15 della L.R. 47/78 mod.;
5. Si evidenzia pertanto la necessità, con particolare riferimento ai punti 1) e 2) di ridurre la superficie destinata a residenziale con conseguente rielaborazione del Pua;

CONSIDERATO INOLTRE:
che ARPA, con nota PgPr.2013.7207 del 12.06.2013, ha espresso parere favorevole in merito agli aspetti ambientali della variante al PRG e del relativo PUA di iniziativa privata denominato “Olmi Due”, ritenendo non necessario procedere a VAS e valutando positivamente le nuove soluzioni proposte, in sede di controdeduzioni alle osservazioni, in merito alle reti tecnologiche, considerate in linea e rispondenti alle normative vigenti, ed alle prescrizioni di piano finalizzate al risparmio e tutela della risorsa idrica;
che AUSL, con nota Prot. n. 46956 del 10.06.2013, ha espresso, per quanto di competenza, parere favorevole in merito alle proposte di piano avanzate;
che, alla luce di quanto sopra, nonché valutati i contenuti del Rapporto Preliminare per la Verifica di Assoggettabilità a VAS presentato, verificata l’assenza di impatti significativi sulle principali matrici ambientali per cui non siano stati definiti specifici interventi di mitigazione\compensazione, si ritiene di poter escludere le proposte di piano da approfondimenti in materia di VAS così come previsto dall'art. 12 del D.Lgs. 04/08 e dalla L.R. 9/08;
che in ragione delle analisi svolte, si ritiene di poter esprimere parere favorevole in merito alla compatibilità delle proposte di piano in oggetto con gli aspetti geologici e sismici del territorio, fermo restando gli approfondimenti necessari in fase esecutiva degli interventi ai sensi della LR. 19/2008 e DM 14 gennaio 2008;

Via Guareschi 10 Hic sunt Bomboloni
Altri articoli 

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi