venerdì 6 dicembre 2013

"Cosa serve all'Italia? Un Lord Protettore o semplicemente un protettore." di Germano Meletti


NIENTE DI NUOVO ALLA LUCE DEL SOLE!!!
Dal 1653 al 2013 sono passati ben 360 anni, ma in sostanza cosa è cambiato?



Oliver Cromwell (Huntingdon, 25 aprile 1599Londra, 3 settembre 1658) è stato un condottiero e politico inglese. Dopo essere stato alla testa delle forze che abbatterono temporaneamente la monarchia inglese, instaurando la repubblica del Commonwealth of England, governò Inghilterra, Scozia e Irlanda con il titolo di Lord Protettore, dal 16 dicembre 1653 fino alla morte, avvenuta probabilmente a causa di malaria. Dopo la sepoltura la sua salma fu riesumata e sottoposta al rituale dell'esecuzione postuma.(da Wikipedia)


                                                   Germano Meletti




2 commenti:

  1. Cromwell era un talebano, pazzo furioso, stragista, per fortuna morì presto, forse in seguito alle maledizioni delle migliaia di compatrioti inglesi ed irlandesi morti ammazzati.

    RispondiElimina
  2. Germano Meletti6 dicembre 2013 17:11

    Non avevo mai sentito parlare di costui, mi ha colpito quel suo "discorso ai parlamentari". Visto il commento di Franco Bifani ho pensato di informarmi di più ed il primo passaggio è giocoforza su Wikipedia, dove ho letto tutta la storia di questo personaggio. Alla fine, naturalmente secondo Wikipedia, ne esce un'immagine ben diversa da quella dipinta da Franco Bifani, dove le dicerie sul suo conto, sopratutto in Irlanda, sono arrivate consistenti, non è così in altri territori che lo hanno visto tenace e valente, oltre che eroico, condottiero. Addirittura Wikipedia inizia il pezzo della sua storia che lo lega all'Irlanda con la seguente frase: "Fino a che punto volesse spingersi Cromwell nelle represioni è argomento controverso.". In ogni caso ciò che mi ha colpito, oltre che tema portante della conversazione da me intavolata, è il chiaro discorso ai parlamentari, innegabilmente ancora d'attualità oggi dopo 360 anni. E fra altri 360 anni diranno ancora le stesse cose?

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi