mercoledì 23 luglio 2014

L'appello per la pace firmato dai consiglieri Rigoni e Pollastri


L'appello per la pace, firmato dai consiglieri Rigoni e Pollastri e presentato in Consiglio Comunale, è ripreso dal settimanale diocesano "il Risveglio" di questa settimana. Il settimanale riporta anche un comunicato della "Associazione pro Terra Sancta" che qui proponiamo:


Offri il tuo contributo per il dialogo e la pace

Mentre si cerca un accordo per fermare i bombardamenti su Gaza e verso Israele, le organizzazioni umanitarie presenti hanno predisposto campi di accoglienza per i feriti e per le famiglie senza più un alloggio.
Se la vita nella Striscia prima dello scoppio delle ostilità era difficile, ora è diventata insopportabile.
Chiusi in una prigione a cielo aperto gli abitanti di Gaza hanno visto distruggere in pochi giorni gran parte delle strutture che lavorano con i giovani, con le famiglie ma anche con gli anziani e i disabili.
Strutture che in questi anni hanno dato un filo di speranza e hanno aiutato diverse famiglie a credere in un futuro migliore per i loro figli. 
Realtà laiche e religiose che stanno cercando di insegnare come anche con il dialogo si possa raggiungere una soluzione. A Gaza City l’Associazione pro Terra Sancta sostiene da anni la comunità cristiana in un progetto a favore di bambini da 0 a 11 anni e di adolescenti con varie forme di disabilità; sostiene l’attività scolastica e organizza campi estivi in collaborazione con il parroco padre Jorge Hernandez.
Proprio lui ha scritto una lettera di appello, di cui è stato diffuso il testo integrale. L’Associazione pro Terra Sancta sostiene questo appello. Non abbandoniamo la popolazione. Aiutare gli abitanti di questo lembo di terra affacciato sul Mar Mediterraneo vuol dire non perder la speranza che si possa raggiungere una giusta soluzione al conflitto attraverso i negoziati.
Con una piccola cifra possiamo far arrivare cibo, medicine, abiti alla popolazione.
Associazione pro Terra Sancta

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi