lunedì 4 agosto 2014

Tares Tari e Tares, ovvero, il gioco delle tre carte

Da Gabriele Rigoni, consigliere capogruppo della minoranza civica, riceviamo questo comunicato stampa su tariffe TARI:

TARI: IL GIOCO DELLE TRE CARTE, DA TARES A TARI/TASI - NESSUN BENEFICIO PER I FIDENTINI DALLA RIDUZIONE DEI COSTI DI SMALTIMENTO.
CON LE NUOVE TARIFFE PAGANO DI PIU’ LE FAMIGLIE E SONO STATE CANCELLATE LE ESENZIONI PER AGRICOLTORI, ALLEVATORI E TUTTE LE SCUOLE PRIVATE E PARITARIE

Entro la fine del 2014 la verità sarà chiara a tutti, ma noi preferiamo anticipare i tempi e dire come stanno già oggi. Nonostante quanto dice l’amministrazione, non è vero che le tariffe della TARI sono diminuite anzi è l’esatto contrario e i numeri, impietosi e incontrovertibili, lo dimostrano. 
Si sta solo gettando fumo negli occhi ai fidentini, sfruttando la confusione generata da IMU-TARES-TARI-TASI. Se si raffrontano gli importi pagati nel 2013 rispetto a ciò che si pagherà nel 2014, considerando la “sola” raccolta rifiuti e non i valori assoluti (cioè totale Tares 2013 - 30 cent./mq versati allo stato e che nel 2014 saranno sostituiti dalla TASI, quindi da non considerarsi nel confronto attuale con la TARI) gli aumenti ci saranno eccome.

Per quanto riguarda le famiglie saranno penalizzate in particolare le fasce A e B (1-2 componenti per famiglia) con aumenti del 22% e la fascia C (3 componenti per famiglia) con aumenti del 12%, mentre per le attività segnaliamo aumenti per case di cura e riposo +33%, ospedali +23%, banchi di mercato beni durevoli +15%, ipermercato e supermercati-macellerie-panifici-generi alimentari-salumerie e formaggi +20%, banche +300%. 
Altro tema delicato sono la cancellazione di alcune esenzioni per agricoltori ed allevatori e la totale cancellazione per tutte le scuole private e paritarie
Per importanti realtà del nostro territorio questo imprevisto aggravio di costi rischia fortemente di ricadere sulle rette pagate dalle famiglie che si rivolgeranno a queste strutture per l’istruzione dei propri figli. 
Oggi è così, anche se il sindaco Massari ha detto in consiglio, dopo aver spiegato il contrario la sera prima, che sulle scuole paritarie è stata una "semplice dimenticanza", e per questo chiediamo che nel prossimo consiglio comunale venga inserita un'apposita delibera per ripristinare anche questa "esenzione dimenticata" per le scuole paritarie.
Qualcuno dirà che non è così, quindi chiediamo a Massari se si sente di confermare alla città fin da ora che la somma della TARI e della TASI, che i fidentini e le attività pagheranno entro la fine del 2014, sarà uguale o inferiore a quello che pagavano di sola TARES nel 2013. Secondo noi non è difficile prevedere che invece sarà un salasso, almeno il 50 % in più di spesa per famiglie e molte attività commerciali, se si considera che già oggi la sola TARI vale come l’ intera TARES del 2013. 
Tuttavia, speriamo vivamente di sbagliarci e ne saremmo felici, perché ciò vorrebbe dire che la TASI, da approvare in consiglio comunale entro settembre, sarà proposta dalla giunta pari a zero.

Anche per loro non scatta l'esenzione


4 commenti:

  1. Quindi Tanzi, visto che è così preparato, quanto pagherò di TASI se ho un immobile con una rendita di 900 euro e in famiglia siamo in tre?

    RispondiElimina
  2. Stefano Tanzi4 agosto 2014 22:16

    Gentile anonimo, prima di tutto la ringrazio della fiducia.
    Ovviamente non ho la sfera di cristallo, dipenderà solo dalle aliquote che stabilirà in settembre l'amministrazione Massari e in subordine da eventuali detrazioni o esenzioni. In linea di massima le posso comunque dare un ordine di grandezza minimo e massimo, a prescindere dal fatto che siate in tre, perchè la composizione del nucleo familiare conta solo per le fasce della TARI mentre per la TASI conta solo la base imponibile. Bene, veniamo ai numeri essendo un mero conto matematico:
    Rendita di 900 euro x moltiplicatore 160 (abitazione privata) x moltiplicatore 1,05= 151.200 euro
    TASI aliquota 1x1000 = 151,20 euro meno eventuali detrazioni
    TASI aliquota 2x1000 = 302,40 euro meno eventuali detrazioni
    TASI aliquota 3x1000 = 453,60 euro meno eventuali detrazioni
    Eventuali aliquote differenti con dei decimali determinano dei valori direttamente proporzionali

    Personalmente, visto che la TASI la pagano anche i possessori di prima casa, la considero una IMU mascherata per i possessori della abitazione principale, la prima casa, considerato che era stata precedentemente abolita nel 2013.

    Spero di esserle stato di aiuto, non credo di conforto. Cordiali saluti

    RispondiElimina
  3. Però, bella mazzata! Prima tolgono l'IMU e adesso si riprendono tutto con gli interessi. Bravo Renzi, altro che 80 euro ci vogliono.

    RispondiElimina
  4. Franco Bifani5 agosto 2014 16:32

    INVECE DI MANE, TECHEL, PHARES, QUI A BORGO, uNA MANO MISTERIOSA HA TRACCIATO, SUI MuRI DELLO STUDIO DI BALDASSARE MASSARI, RE DI FIDENZA, LE PAROLE Tares, Tari, Tasi: pesato, contato, diviso. I soggetti dell'operazione siamo noi, poveri servi della gleba e sudditi di Borgo, gli operatori i nostri feudatari comunali.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi