venerdì 4 ottobre 2019

Francesco nel Duomo di Fidenza nel giorno della sua festa



Oggi 4 ottobre è il giorno dedicato a San Francesco, patrono d'Italia dal 1939 con Caterina da Siena, lo ricordiamo con questa immagine affrescata nell'abside del nostro duomo.

Francesco morì tra il 3 e il 4 ottobre 1226 e da quel momento iniziò la corsa ad appropriarsi non solo delle sue spoglie ma anche delle sue parole, troppo intriganti queste per la cristianità e iniziò lo stravolgimento del suo messaggio e della sua immagine.
Noi in duomo abbiamo una preziosa immagine. Della sua importanza ce ne ha parlato sabato 15 dicembre 2012 alle ore 17.00 al Ridotto del Teatro Magnani, Hisashi Yakou, docente di arte europea all'Università di Sapporo, con la relazione “La presenza di San Francesco nel Duomo di Fidenza” da me immediatamente ed integralmente pubblicata, ma nessuna seria ricerca è stata poi portata avanti. 
Ne ha anche parlato ieri, 3 ottobre, Franco Cardini, ma più come opinionista che da storico e quindi senza costrutto alcuno.


Dall'articolo pubblicato pubblicato sul settimanale "il Risveglio" n° 45/2012 nel dicembre 2012 riporto:
sabato 15 dicembre 2012: alle ore 17.00 al Ridotto del Teatro Magnani,  con “La presenza di San Francesco nel Duomo di Fidenza” Hisashi Yakou, docente di arte europea all'Università di Sapporo, ha illustrato “La presenza di San Francesco nel Duomo di Fidenza”. Chi credeva di ascoltare una riedizione delle storie o leggende del passaggio di San Francesco a Borgo San Donnino e delle sue gesta in loco nei passati tempi, si è presto dovuto ricredere. San Francesco “é” oggi a Fidenza, anzi “al pari un apostolo” trova spazio nel Giudizio Finale dipinto bel catino dell'abside, il alto, sulla destra. E da qui si snoda il discorso Hisashi, che tocca l'essenza anche teologica della costruzione del nostro Duomo. Lo studioso ci parla di un altro fidentino di un certo Fra Gherardo o Gerardo che scrisse l' "Introduzione al Vangelo eterno" nel 1254, e l'anno dopo è stato subito condannato dalla commissione pontificale per il sospetto di eresia” ma che probabilmente lasciò traccia delle sue idee nel nostro Duomo. 
Ambrogio Ponzi

2 commenti:

  1. Bravo Ambrogio.
    Auguri a tutti i Francesco e le Francesca. Nome bellissimo, santo eccezionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrice, secondo me, pensaci bene anche tu, è l’unico santo degno di tale onore.

      Elimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi