sabato 2 marzo 2019

La Giornata dei Giusti dell’umanità. Il 6 marzo doppio appuntamento per la Direzione Didattica di Fidenza


La Giornata dei Giusti dell’umanità
Il 6 marzo doppio appuntamento per la Direzione Didattica di Fidenza

Il 6 marzo si celebrerà la Giornata dei Giusti dell’umanità che, dal 7 dicembre 2017 è diventata solennità civile in Italia.
Il nostro Paese, in particolare, è stato il primo ad aderire ufficialmente alla Giornata dei Giusti istituita il 10 maggio 2012 dal Parlamento Europeo.
Ecco il testo della Legge n. 212/2017:

                               Art. 1
   1. La Repubblica, in conformità alla dichiarazione scritta  n.3/2012 sul sostegno all'istituzione di una Giornata europea in memoria dei Giusti, approvata dal Parlamento europeo il 10  maggio 2012, riconosce il 6 marzo come «Giornata dei Giusti dell'umanità», dedicata a mantenere viva e rinnovare la memoria di quanti, in ogni tempo e in ogni luogo, hanno fatto del bene salvando vite umane, si sono battuti in favore dei diritti umani durante i genocidi e hanno difeso la dignità della persona rifiutando di piegarsi ai totalitarismi e alle discriminazioni tra esseri umani.
  2. La Giornata dei Giusti dell'umanità, di  cui  al  comma  1,  è considerata solennità civile ai sensi dell'articolo 3 della legge 27 maggio 1949, n. 260. Essa  non  determina  riduzioni  dell'orario  di lavoro negli uffici pubblici ne', qualora  cada  in  giorno  feriale, costituisce giorno di vacanza o comporta riduzione di orario  per  le scuole di ogni ordine e grado, ai sensi degli articoli 2  e  3  della legge 5 marzo 1977, n. 54.
  3. In  occasione  della  Giornata  dei  Giusti  dell'umanità,  gli istituti scolastici di  ogni ordine  e  grado  possono  organizzare, nell'ambito del normale orario scolastico, iniziative mirate  a  far conoscere ai giovani le storie di vita dei Giusti, a renderli consapevoli di come ogni persona debba ritenersi chiamata in  causa, in ogni tempo e in ogni luogo, contro l'ingiustizia, a  favore  della dignità e dei diritti umani, in difesa del valore della verità. Il Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca, con proprio decreto, da emanare entro tre mesi dalla data di entrata  in vigore della presente legge, stabilisce le modalità  di  attuazione della presente legge.
  4. In occasione della Giornata dei Giusti dell'umanità, nell'ambito delle proprie disponibilità di bilancio, le amministrazioni e gli enti pubblici  possono  promuovere  iniziative pubbliche presso i Giardini dei Giusti, ove già esistenti, ovvero la loro creazione, nonché  in  luoghi  di  richiamo  simbolico  per  la comunità per il loro carattere storico, architettonico, ambientale o paesaggistico, aperti al pubblico utilizzo. Tali spazi possono essere individuati anche in parchi e giardini già  esistenti  e  in alberi già piantumati, attraverso l'intitolazione ufficiale e la dedica pubblica. Le amministrazioni e gli enti di cui al primo periodo promuovono inoltre convegni, incontri e dibattiti, favoriscono  e patrocinano la realizzazione di studi sul tema.
  5. Dall'attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
  La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
    Data a Roma, addì 20 dicembre 2017

                             MATTARELLA
Gentiloni Silveri,Presidente del Consiglio dei ministri
Visto, il Guardasigilli: Orlando

Il doppio appuntamento per la Direzione Didattica di Fidenza

La Direzione Didattica di Fidenza, grazie ai progetti avviati in questi anni, ha avuto l’onore di essere invitata da Religions for Peace, a Parma, all’Auditorium Toscanini nel corso della Giornata dei Giusti 2019, che si terrà nel pomeriggio del 6 marzo, in un evento durante la quale verranno proiettati due video realizzati dalle classi: “Lo sguardo oltre” e “La famiglia Vigevani – Unascelta d’amore”, entrambi premiati con riconoscimenti a livello regionale e nazionale.

Sempre nella stessa giornata, ma al mattino, il Presidente di Religions for Peace, sezione europea, dottor Luigi De Salvia e la prof.ssa Maria Augusta Favali, Copresidente Onoraria di Religions for Peace /Sezione Italia, a nome dell’Associazione, doneranno alla scuola, per l’impegno profuso, una targa commemorativa e una pianta d’ulivo che verrà piantata nel giardino della scuola De Amicis.
Durante l’incontro verranno anche proiettati i due video e vi saranno letture a tema da parte degli alunni.
La cerimonia, oltre alla presenza di Religions for peace, vedrà la partecipazione del Dirigente Scolastico prof. Lorenza Pellegrini, dell’Assessore alla Cultura e Pubblica Istruzione del Comune di Fidenza, dott.ssa Maria Pia Bariggi, degli insegnanti  e degli alunni delle classi 2°A, 2°B, 5°A, 5°B e 5°F.
Per i ragazzi delle classi quinte, in particolare, questo appuntamento segnerà un momento significativo nel percorso che li sta conducendo a riflettere su alcuni degli avvenimenti più rilevanti che hanno caratterizzato la storia recente.
Come ogni anno, in occasione della Giornata della Memoria, gli insegnanti hanno proposto loro la visione di filmati, la lettura di testi, l’ascolto di canzoni a tema, in modo da tenere vivo il ricordo dello sterminio di milioni di Ebrei avvenuto durante la Seconda Guerra Mondiale.
Grazie a una proficua progettazione interdisciplinare, gli alunni hanno potuto riflettere su un così grave evento, cercando di trarne insegnamenti significativi per la loro crescita umana e di cittadini, per cominciare a disporre degli strumenti indispensabili per leggere la realtà in modo sempre più critico e consapevole.
In particolare, la classe 5^A si è soffermata sulla figura di Giorgio Perlasca, nominato Giusto tra le Nazione nel 1989, che, a rischio della vita, è riuscito a salvare migliaia di Ebrei ungheresi dalla deportazione nei campi di sterminio. Questa vicenda, che ha toccato profondamente i ragazzi, ha permesso di introdurre il significato della Giornata dei Giusti di tutta l’Umanità, istituita come da L. n. 212/2017 citata in premessa.
Questi temi, sempre più attuali nella società di oggi, hanno coinvolto anche gli alunni più piccoli di classe seconda, che in questo periodo sono impegnati in un progetto che li sta conducendo a scoprire le caratteristiche e il significato simbolico di alcuni tra alberi, fiori e piante presenti nella Bibbia.
Tutti hanno accolto con gioia la notizia che presso il giardino della scuola, durante la cerimonia del 6 marzo, avverrà la messa a dimora di una pianta di ulivo donata da Religions for Peace. 
È stato questo lo spunto per impegnarsi a scoprire le caratteristiche di questo albero, simbolo di pace in tante religioni, e per riflettere su come si possa costruire una convivenza armoniosa tra le persone, nel rispetto di tradizioni, culture e religioni diverse, andando oltre i pregiudizi di ogni genere.
Abituati fin dall’inizio del loro percorso scolastico a convivere con compagni di provenienza geografica differente, con la naturalezza che è tipica di quell'età, i bambini hanno letto in modo molto positivo la loro esperienza, considerando la diversità come un’opportunità di arricchimento reciproco.
La Scuola si augura che queste esperienze possano lasciare tracce significative nel vissuto degli alunni, perché già da ora, ma anche nel futuro, possano desiderare, progettare e mettere in atto tutte le azioni necessarie per la costruzione di una vera società di pace.


Gli ospiti

Ed ecco qualche notizia sugli ospiti della Direzione Didattica, membri di Religions for Peace:

Luigi De Salvia
Nato a San Severo (Foggia) e cresciuto a Roma, dove vive attualmente. Laureato in medicina e chirurgia, specializzato in Oftalmologia.
Carriera ospedaliera presso l’Ospedale Oftalmico di Roma, dove si è dedicato prevalentemente alla chirurgia vitreo-retinica ed alla traumatologia oculare.
Nel 2002 diploma in Cultura Teologica. Dal 2003 coinvolto in esperienze di dialogo interreligioso.
Segretario Generale dal 2007 della Sezione italiana dell’Associazione Religions for Peace/Italia e referente AMCI (Associazione Medici Cattolici Italiani) per il dialogo interreligioso presso il Vaticano.
Nel 2008 ha fondato con colleghi di varie tradizioni l’Associazione “Ascoltare le sofferenze” per la cooperazione interreligiosa in medicina. Nel Maggio 2010 ha svolto la funzione di coordinatore della Conferenza Internazionale “Religioni, Culture e diritti umani: un rapporto complesso in evoluzione”, che si è tenuto presso il Ministero degli Affari Esteri in Roma. Dal febbraio 2010 è impegnato in un progetto per l’accoglienza delle specificità religiose e culturali nelle strutture sanitarie, che si è concretizzato in una esperienza pilota presso l’ospedale Santo Spirito di Roma (ASL Roma E).
Dal gennaio 2011 docente presso il “Master di mediazione culturale e religiosa” istituito nell’ambito della facoltà di filosofia dell’Università Pontificia Salesiana di Roma. Nel 2014, 2015,2016, 2017 e 2018 ha tenuto lezioni sul Dialogo Interreligioso e sulle varie tradizioni cristiane per i Corsi di Studi superiori “Abu’l Fadl” presso il Centro di Studi Baha’i di Acuto (FR) ed è stato tutor di studenti nello svolgimento delle loro tesi.
Ha organizzato e guidato le delegazioni di RfP in viaggi su invito dalle rispettive associazioni in diversi Paesi (Israele, Palestina, India, Nepal, Cina, Myanmar) per promuovere il Dialogo Interreligioso.
Nel novembre 2014 il dott. De Salvia è stato riconfermato per acclamazione Segretario Generale della sezione italiana di Religions for Peace. Dall’Aprile del 2018 è anche Presidente di Religions for Peace /Europe

Maria Augusta Favali
Nata a Castelnovo di Sotto (R.E.). Maturità classica. Laurea in Fisica (indirizzo: Biofisica) presso Università di Parma. Professore Incaricato di Botanica, Università di Milano e Professore Ordinario presso le Università di Padova e di Parma. “Visiting Professor “presso Università delle Filippine. “Live Member of the Philippines Phytophatological Society”.
Membro attivo di numerose società scientifiche, autore di oltre 200 pubblicazioni su riviste scientifiche prevalentemente estere, co-autrice di testi universitari e divulgativi. Ricerche sulle malattie delle piante, sui danni causati dagli inquinanti e metalli pesanti su alghe, licheni e piante superiori.
Numerose attività nell’ambito del Dialogo Interreligioso come membro della Comunità Baha’i.
-Master in Mediazione e Comunicazione interreligiosa e interculturale. Università degli Studi Suor Orsola Benincasa – Napoli
 -Master in Mediazione Interculturale e Interreligiosa. Università Pontificia Salesiana - Facoltà di Filosofia. ASUS – Accademia di Scienze Umane e Sociali- Roma
-Copresidente Onoraria di Religions for Peace /Sezione Italia
-Membro dell’ European Women of Faith Network/Religions for Peace


1 commento:

  1. Franco Bifani3 marzo 2019 09:01

    Ci furono anche Palatucci, Carlo Angela, padre di Piero, e Gino Bartali. In Italia, i Giusti fra le Nazioni sono ben 682.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi