martedì 16 agosto 2016

CP lascia Rete Civica e convola con "La Marianna"?

Carduccio Parizzi in una immagine di repertorio
CP non è un metalmeccanico ma il politico più puro che mai sia nato sull'argine dello Stirone, non lo Stirone delle cascatelle o dei ponti di Fidenza, ma quello che scansa Soragna girando alla sua destra. 
Ora, mentre la Gazza esce con pagine preconfezionate inneggianti alla buona amministrazione dell'attuale Giunta Massari, CP non cade nella trappola in cui cade con regolarità spaventosa l'opposizione tutta che gioca unicamente di rimessa.
CP non ci sta ed ecco che pubblica con tanto di firma questo post sul suo "blogfidentino" nella rubrica "un dito nell'occhio". 

Ecco il pezzo citato che proponiamo integralmente, chi poi, intelligentemente, volesse sapere qualcosa di più sulla Marianna clicchi qui:

"Discutendone tra amici di varia estrazione politica, s'è cercato, in questa notte di ferragosto vuota d'altro, di capire il perché a sinistra nel PD ci si nutre di solenni fanfaronate al servizio delle solite paranoie anti qualcosa o contro qualcuno.
Certo, la sinistra  è inconcludente, non sa che dire e nemmeno che fare: il tutto l'hanno dato in appalto alla casta dei dirigenti, anche delle aziende partecipate dal Comune: tutti intoccabili con stipendi da favola...ad esempio, nel 2015 il Direttore generale di Emilia Ambiente, ha percepito un compenso annuo lordo pari a euro 140.074,84 (leggasi: centoquarantamilaeuro/e passa), di cui euro 31.500,00/anno a titolo di premio di risultato... Capperi! se penso che a  Roma in questi giorni c'è polemica proprio sui compensi dei dirigenti, mentre qui  tutti zitti ...
No, questo blog non sta zitto. Il resto? Imballata Rete Civica, per non parlare dei grillini che si fan la guerra tra di loro mentre la Gambarini tira a campare nutrendosi di un comunicato al giornoAltro? In questo mondo a rovescio, per farla breve non rimane che volare alto con La Marianna,  scheggia luminosa di saggezza e buon senso.A farla breve.(cp)"

2 commenti:

  1. La Gazzetta pubblica continuamente pezzi "dettati" dall'attuale amministrazione. La Gazzetta è nei guai fino al collo e trovarsi spazi riempiti gratuitamente è tanta manna. Per altri versi non se la passa bene neppure la nostra amministrazione comunale e il trovarsi la possibilità di dire tutto ciò che si vuole gratuitamente e senza contraddittorio, occupando gli spazi della Gazzetta, con soddisfazione reciproca, è tutto dire. Ma se un giorno, tutti d'accordo, decidessimo per uno "sciopero della Gazzetta" non acquistandola, potremmo ottenere un'informazione più seria e non fuorviante e collusa, per reciproci interessi, come quella attuale?

    RispondiElimina
  2. Carduccio non farlo. Lo so che se prendi una decisione (specie se ponderata e sofferta come la tua) nessuno te la potrà togliere dalla testa, ma non puoi orbare della tua preziosa collaborazione e della tua esperienza chi sbarbatla in mezzo metro d'acqua. Inoltre, le schegge luminose, sono in grado di ferire gli occhi più di un dito e ogni tipo di luce è esauribile. Anche il sole ci lascia all'ombra durante la notte. Ti ammiro e ti rispetto moltissimo.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi