mercoledì 29 aprile 2015

Rotatoria di via Gramsci al bivio… tra vecchia e nuova amministrazione

17 commenti:
Rotatoria di via Gramsci al bivio… tra vecchia e nuova amministrazione

Rete Civica presenterà al prossimo consiglio interpellanza urgente sulla fine dei lavori alla rotatoria grande di via Gramsci, il vecchio Bivio. Possiamo stare certi che il sindaco risponderà affermando che è tutta colpa dell'amministrazione precedente. Ma noi ci proviamo ugualmente. Il sindaco, dopo lo sprint dell'ottobre scorso (dopo elezioni), dove pareva tutto potesse iniziare (e finire) subito, si è di nuovo bloccato con i lavori; forse aspettando l'estate o forse per prendere le dovute distanze temporali dalla precedente amministrazione, e poter dire, poi, che il progetto è “farina del suo sacco “ Così come è stato fatto ultimamente su altri interventi, vedi il palazzo San Giovanni, fu infatti la precedente amministrazione a dare a questi immobili una connotazione tecnologica utile a persone non autosufficienti. Venendo al punto, fu sempre l’Amministrazione Cantini che reperì le risorse e finanziò il nuovo assetto urbano compresa la rotatoria di Via Gramsci all’intersezione tra Salso, Piacenza e Tabiano. Lo fece Cantini con delibera 215 del Novembre 2013. L'intervento è previsto nel programma Opere Pubbliche 2013-2015 - Elenco annuale 2013 - per l'importo complessivo di € 540.000. Sappiamo bene che i progetti si realizzano: nei tempi, nei modi e nelle forme che la burocrazia amministrativa detta ed è per questo che tanti progetti passati hanno subito ritardi significativi, ma noi vorremmo capire i motivi di un ulteriore rallentamento del progetto a tutt’oggi e conoscere i tempi dell'intervento definitivo.

martedì 28 aprile 2015

Il Comune non sa dove mettere i soldi ma li preleva ugualmente

2 commenti:
Giunta Comunale in azione

Al punto 7 dell'Ordine del Giorno del Consiglio Comunale di giovedì 30 aprile   Troviamo "Rendiconto esercizio 2014. Approvazione. (relatore Sindaco)".

Possiamo anticipare che il risultato finanziario della gestione comunale 2014 presenterà un avanzo pari 2.469.266 euro. 

lunedì 27 aprile 2015

La Bormioli snobba Fidenza e riduce l'indotto locale

8 commenti:

Manifestazione sindacale domani dei dipendenti della ditta Rigoni Sas con conseguente astensione dal lavoro e presidio davanti all'ingresso di Bormioli Rocco 
La notizia trova conferma in questo volantino della Federazione Italiana Trasporti Emilia Romagna, analoghe manifestazioni sono state preannunciate per i giorni seguenti.

La Piazza dei Miracoli resta congelata?

5 commenti:

Con deliberazione della Giunta Comunale numero 215 del 21 Novembre 2013, veniva approvata la "REALIZZAZIONE DI NUOVA PIAZZA GRAMSCI NEL CAPOLUOGO" .

domenica 26 aprile 2015

La "Colonna della Libertà 2015" nelle immagini di Marisa Guidorzi

1 commento:


La colonna della Libertà 2015. 


Oggi a Parma il corteo di 170 mezzi militari della 2a Guerra Mondiale e di 500 figuranti che hanno sostato da Strada Repubblica a via Mazzini. 
Le foto sono di Marisa Guidorzi il cui nipote nipote, Simone Guidorzi, è Presidente del Museo della IIa Guerra Mondiale di Felonica Po e coorganizzatore de"La colonna della Libertá"che oltre a Parma ha toccato altre città e paesi.
A.P.

venerdì 24 aprile 2015

La storia del "Castello che non c'è" raccontata da Roberto Mancuso

Nessun commento:
Questo "piccolo" racconto è di Roberto Mancuso che ama questi luoghi e ne conosce la storia ed i segreti. Del racconto trascrivo una parte dell'introduzione del libro riprendendo ed aggiornando un post di un anno fa.
Vi invito quindi ad una buona lettura e visione ricordando che il libro è reperibile alla Libreria Mondadori di Salsomaggiore Terme:
A.P.

IL CASTELLO DELLA GALLINELLA

Il Castello che non c'è più
             di Roberto Mancuso


Il piccolo racconto che segue, pur essendo basato su una nutrita bibliografia ed un’attenta ricerca ,non ha alcuna pretesa di essere un saggio storico ,ma solamente un divertimento per chi lo ha scritto e, mi auguro anche per chi lo leggerà .

La Resistenza e gli Internati Militari Italiani

1 commento:
Copertina della rivista dell'ANPI del 1996 in cui
troviamo riprodotto un quadro di Ettore Ponzi
La verità non si insegna; bisogna scoprirla, conquistarla. Pensare, farsi una coscienza. Non cercare uno che pensi per voi, che vi insegni come dovete essere liberi. Qui si vedono gli effetti: dagli effetti risalire alle cause, individuare il male. Strapparsi dalla massa, dal pensiero collettivo, come una pietra dall’acciottolato, ritrovare in se stessi l’individuo, la coscienza personale. Impostare il problema morale. Domani, appena toccherete col piede la vostra terra, troverete uno che vi insegnerà la verità, poi un secondo che vorrà insegnarvela, poi un quarto, un quinto che vorranno tutti insegnarvi la verità in termini diversi, spesso contrastanti. Bisogna prepararsi qui, ‘liberarsi’ qui in prigionia, per non rimanere prigionieri del primo che v’aspetta alla stazione, o del secondo o del terzo. Ma passare ogni parola loro al vaglio della propria coscienza e, dalle individuate falsità d’ognuno, scoprire la verità” G. Guareschi, Diario clandestino, 158-159

Mappa interattiva di Borgo San Donnino (Fidenza)

Nessun commento:


I luoghi e i principali monumenti del Centro Storico di Borgo San Donnino nell'ottocento e primo novecento nella mappa interattiva

La Parrocchia di San Giuseppe Lavoratore compie 50 anni

3 commenti:
Mons. Mario Zanchin, Vescovo
Con questa spolverata di santità si apriva l'anno 1964 che inaugurava un periodo di esplosione pastorale nella Diocesi ed a Fidenza in particolare. L'anno successivo vedremo l'elevazione del quartiere Corea a Parrocchia ma anche tante altre iniziative o progetti che hanno poi coinvolto nuove e vecchie generazioni.
Sembra passato un secolo ma in realtà ne è passata solo la metà, ancor meno è durata la spinta che il motore Diocesi imprimeva alla città già negli anni '90 l'appiattimento degli entusiasmi avrebbe condotto alla situazione attuale di disarmo di significative realtà.

martedì 21 aprile 2015

“Trieste se sempre Trieste, ciò” parola di Gino Narseti

Nessun commento:

Gita a Trieste aperta a tutti

Per gli amanti dell'arte e della storia la Sezione di Fidenza dell'Associazione Combattenti e Reduci organizza una gita a Trieste nei giorni di sabato 23 e domenica 24 maggio con partenza ed arrivo a Fidenza al parcheggio pulman di Via Malpeli.

lunedì 20 aprile 2015

L'appoggio ufficiale della Regione Emilia-Romagna

2 commenti:

La progettualità di Fidenza ha l'appoggio ufficiale della Regione Emilia-Romagna. In una mattinata densa di appuntamenti, il presidente della Regione Stefano Bonaccini, in visita alla città accompagnato dal sindaco Andrea Massari, ha ribadito l'interesse e l'appoggio ufficiale della Regione sui temi importanti per la città: le bonifiche e il riuso del Sin ex Cip-Carbochimica.

domenica 19 aprile 2015

Candidatura della Via Francigena e della Cattedrale di Fidenza all'Unesco

7 commenti:
Frontone del portale di sinistra. A sinistra è raffigurato l’Imperatore Carlo Magno,
 con scettro e globo. Al centro il Papa Adriano II (867-872) porge  all’Arciprete di
 S. Donnino la mitria ed il pastorale, simboli episcopali. Dietro il Papa, uVescovo
 che regge la Bibbia aperta alla pagina «Vidi civitatem sanctam Ierusalem».

sabato 18 aprile 2015

“25 Aprile” Liberazione ….ma siamo sicuri??: una riflessione di Domenico Muollo

3 commenti:
Questa riflessione di Domenico è di estrema attualità. L'innegabile involuzione della democrazia in Italia, sempre meno "diretta" e sempre più "oligarchica", come dice Muollo, può non preoccupare i partiti, ma certamente interroga i cittadini di destra o di sinistra che siano.
Legare questa riflessione al 25 aprile, per chi ha vissuto quei tempi, da una parte o dall'altra, non deve suonare blasfemo, nessuna svolta di Salerno è necessaria. 


25 Aprile” Liberazione ….ma siamo sicuri??

venerdì 17 aprile 2015

La Nuova Primavera di Fausto Maria Pico

Nessun commento:

Ieri sera, giovedì 16 aprile 2015, presso la Caffetteria Letteraria "Pagina99" in Via Berenini 99/A, serata letteraria "Una Nuova Resistenza" dove son di scena le "Suggestioni culturali e politiche nella poesia" di Fausto Maria Pico e le riflessioni critiche di Gabriella Mannelli. L'incontro è inserito nel calendario degli eventi che la sezione locale dell'ANPI ha promosso in occasione della ricorrenza del settantennale della primavera di Liberazione. 
Cristiano Squarza della sezione ANPI introduce l'incontro.

giovedì 16 aprile 2015

Il sottopasso di Via Mascagni

13 commenti:


A saldare il vecchio centro e la nuova urbanizzazione oltre la ferrovia è previsto un sottopasso della ferrovia che unirà Via Mascagni e Via Crocerossa che alla fine penalizzerà il centro senza alcuna contropartita.

FIT CISL PARMA su "cooperative sul territorio di Fidenza"

Nessun commento:


IL MONDO DELLE COOPERATIVE SUL TERRITORIO DI FIDENZA
COMUNICATO STAMPA

Per il codice civile italiano, una società cooperativa è una società costituita per gestire in comune un'impresa che si prefigge lo scopo di fornire innanzitutto agli stessi soci (scopo mutualistico) quei beni o servizi per il conseguimento dei quali la cooperativa è sorta.
I capisaldi del sistema cooperativo sono, quindi i principi di mutualità, solidarietà, democrazia.
Le cronache recenti nazionali e locali, ci hanno invece fatto conoscere un mondo della cooperazione completamente diverso da quello che dovrebbe essere.
Come FIT CISL, in questi anni abbiamo denunciato la presenza, anche sul nostro territorio, di cooperative, in particolare nel mondo della logistica, cosiddette “spurie” che sfruttano i lavoratori, cambiano nome ormai mediamente ogni sei mesi, non rispettano la contrattazione nazionale e soprattutto mettono in difficoltà quelle cooperative che storicamente sul nostro territorio hanno svolto un ruolo importante per la nostra economia.
L’atteggiamento di alcuni committenti locali, anche sul territorio di Fidenza, contribuiscono in modo significativo, all'impoverimento dei principi fondanti della cooperazione.
La committenza è connivente, sa quello che accade, ma accetta per risparmiare sulla manodopera. Tutto questo per la FIT CISL è inaccettabile
Segreteria FIT CISL PARMA
Franco Michele

mercoledì 15 aprile 2015

Fausto Maria Pico, Marco Cavallini e Gabriella Manelli precettati

Nessun commento:
Particolarmente ricco di iniziative questo mese di aprile 2015. 
Abbiamo già dato notizia del Cineforum organizzato dalla locale sezione dell'ANPI che sta riscuotendo un buon successo con un'incremento costante di pubblico. Sabato 18 e sabato 25 gli ultimi due film in programma. Delle altre iniziative dell'ANPI locale abbiamo dato notizia in un post del 10 aprile scorso.


Ricordiamo i prossimi appuntamenti.

martedì 14 aprile 2015

Il Guado è fatto ora facciamo i divieti: parola di Dirigente

5 commenti:
Attraversamento abusivo prima dell'Ordinanza
Progettato ed eseguito nel peggiore dei modi il guado non sarà agibile al traffico veicolare e dubbi permangono circa le condizioni di sicurezza dell'opera anche per l'uso "pedonale e ciclabile".

lunedì 13 aprile 2015

Lettera dalla Lubianka

5 commenti:
MANCANO POCHI GIORNI AL 25 APRILE, FESTA DELLA LIBERAZIONE, CHE CI VIENE ETICHETTATA COME UNA FESTA DELLA RAGGIUNTA LIBERTA' NEL 1945. 
MANCA PERO' ANCORA OGGI L'ONESTA' INTELLETTUALE DI DIRCI COSA VERAMENTE E' SUCCESSO AI NOSTRI MILITARI DISPERSI IN RUSSIA E QUALE RUOLO HANNO AVUTO I COMUNISTI ITALIANI, ALLORA ASSOGGETTATI AL REGIME DI STALIN, AL PUNTO DA DIVENTARE CITTADINI SOVIETICI, COME TOGLIATTI. 

venerdì 10 aprile 2015

Sprechi

10 commenti:

A poco più di due anni dal rifacimento dei rivestimenti (operazione durata quattro mesi) la fontana è nuovamente presa di mira da solerti manutentori che vi hanno speso il loro prezioso tempo per due settimane. 

70° Anniversario della Resistenza e della Liberazione

6 commenti:
La sezione fidentina dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia (Anpi) ha elaborato un  ricco programma di iniziative per la ricorrenza del 70° anniversario della Liberazione che cade appunto in questo mese di aprile 2015.

Il rebus di Via Romagnosi

5 commenti:

Le finestre da cui ci si può affacciare anche dall'esterno sono una realtà, come l'asino che vola. 
Ecco cosa viene in mente ad un profano nel vedere la nuova costruzione di Via Romagnosi. 

giovedì 9 aprile 2015

Il ritrovamento di Via Frate Gherardo

1 commento:
Mino Ponzi
Sulla Gazzetta di Parma troviamo oggi in prima pagina l'articolo di Alessandro Merlini sul ritrovamento di Via Frate Gherardo. La notizia del ritrovamento era stata da noi riportata sabato 4 Aprile con un articolo del prof. Guglielmo (Mino) Ponzi per il caratteri de "il Risveglio".

sabato 4 aprile 2015

In una casa dei Terragli il ritrovamento di un'antica decorazione

Nessun commento:

Nel corso di lavori di ristrutturazione all'interno di una casa situata nei Terragli di via Romagnosi e via Frate Gherardo, sono emerse, sotto vecchi strati di intonaco, le tracce di una antica decorazione a fresco. 
Si tratta di frammenti molto lacunosi, riconducibili a finti tendaggi, festoni, targhe e scudi pendenti, nastri, scritte e un fregio di lussureggiante verzura con un tondo su cui spicca il volto di una giovane donna ritratta di profilo a destra, un’immagine in parte mancante ma che colpisce per la sua tenerezza e eleganza.

Un indizio importante per risalire all'origine dei dipinti, databili verso la fine del Quattrocento, è dato da uno stemma araldico, dipinto sulla parete ovest e ancora perfettamente conservato.
Lo scudo, dalla forma mistilinea tipicamente rinascimentale “a testa di cavallo” come la definiscono gli esperti di araldica, è diviso in due campi di rosso e di verde, troncati da una fascia orizzontale bianca: nella parte superiore su fondo rosso si profila con andamento da destra a sinistra un luccio e in quella inferiore, su fondo verde, lo stesso animale è orientato in senso contrario. 
Potrebbe trattarsi dell’insegna della famiglia del committente dei dipinti. In assenza di una più precisa documentazione araldica, il luccio come animale simbolico farebbe pensare ad un ramo della nobile famiglia comasca dei Lucini o Lucino, il cui stemma esibisce due lucci allineati su campo azzurro.
Un Bartolomeo Lucino è in effetti ricordato come podestà di Borgo nell’anno 1388. (G.Laurini, “S.Donnino e la sua città”, 1924, p. 98). 
Un’altra ipotesi rimanda invece agli Olgiati, che hanno come emblema un luccio in campo rosso.
A lato dello stemma nobiliare, una tabella della stessa forma dello scudo, ma contornata da una cornice con listelli annodati a giglio, è di difficile interpretazione, per le estese parti mancanti e la complessità del soggetto sviluppato: forse una mano che regge un’alabarda e una seconda mano reggente uno stendardo.
Sulla parete opposta della sala, a filo del fregio e in corrispondenza del tondo con il ritratto di dama, compare un cartiglio con una scritta in caratteri romani, sorretto da una mano con la figura assente. 
La breve frase, di incerta lettura, forse un motto araldico, può essere ricostruita in questi termini : DICITE ET BENE FACITE (“Parlate e agite correttamente” ). Per il latinista Fausto Cremona si tratta di espressioni che ricorrono, anche se disgiunte, nella letteratura classica e nelle sacre scritture, in particolare nei Vangeli di Luca e Giovanni.
A Fidenza non si conoscono altre pitture a carattere profano così antiche. Qualcosa di simile sembra tuttavia riemergere dal passato, grazie ai rilievi eseguiti a metà Ottocento da Angelo Riccardi all'interno della Posta Vecchia, un antico edificio situato lungo l’attuale via Abate Zani e di cui oggi rimane solo qualche traccia; da notare in particolare un cartiglio svolazzante con la scritta e una palma stilizzata che, sia pur vagamente, ricordano i dipinti tardo-quattrocenteschi. 
Interessante è anche la descrizione che accompagna i disegni conservati presso le raccolte del Museo del Duomo: “ La predetta camera è stata guasta dal Tempo e per quanto si può scorgere essa è tutta all'intorno cinta da una gran fascia di fiori e frutta, groteschi ed arabeschi, in una parte di muro poi veggonsi tre figure l’una delle quali è una donna e l’altre due non sono bene distinte” (cfr.: Riccardi “Iscrizioni varie, ms. sec. XIX, in “Borgo San Donnino 1802”, tav.31).
Ma torniamo ai nostri affreschi. Come ci suggerisce l’ingegnere Savino Faroldi, cui va riconosciuto il merito dell’eccezionale ritrovamento, il soggetto della decorazione e le caratteristiche architettoniche della stanza (3x13x3,90) con loggiato adiacente possono far pensare alla sala di rappresentanza di una casa torre eretta a ridosso delle mura medioevali. 
Forse la dimora di un capitano delle milizie preposte alla vigilanza e alla difesa della cinta muraria di Borgo San Donnino. Da altre tracce di colore, con motivi geometrici (rombi, rettangoli e tondi come quelli affiorati recentemente in Duomo presso l’altare del Consorzio, fine XV–inizi XVI sec.) non è da escludere, sempre secondo Faroldi, l’esistenza di decorazioni affrescate anche sulla antica facciata esterna.

Nel 1575 c. con la costruzione delle nuova mura farnesiane, l’area già occupata dai terrapieni e dalle mura medioevali venne riutilizzata per nuovi insediamenti abitativi, come evidenziano le mappe dell’epoca (G.Pederzani, 1986 ). 
Terragli verso la Chiesa di San Pietro
 A questa seconda fase edilizia risale la caratteristica conformazione a schiera dei terragli o traj, che, come attestano le carte catastali, hanno conservato quasi intatto l’ impianto originario a lotto gotico, inglobando inoltre parte degli edifici preesistenti e, molto probabilmente, anche alcuni tratti delle vecchie mura. 
Il ritrovamento delle preziose pitture tardo-quattrocentesche, per ora genericamente riferibili all'ambito padano-lombardo, restituisce a Fidenza non solo una rara testimonianza artistica ma anche un inedito frammento della storia urbana di Borgo San Donnino, tra Medioevo e Rinascimento. 
Prof. Guglielmo (Mino) Ponzi 

Articolo pubblicato da "il Risveglio" N. 13 del 3 aprile 2015


venerdì 3 aprile 2015

Scultura lignea del Cristo Morto esposta nel Duomo di Fidenza

Nessun commento:

L'immagine di intensa drammaticità è relativa alla scultura lignea del Cristo Morto esposta nel Duomo di Fidenza in occasione del Venerdì Santo nella seconda cappella di destra. La scultura apparteneva all'oratorio della Madonna del Pilastro di Fidenza distrutto dalle bombe nel 1944. 

Pasqua: è inizio di vita nuova

1 commento:
Alla ricorrenza della Santa Pasqua "il Risveglio" dedica  questa settimana un numero speciale. L'editoriale è il Messaggio del Vescovo, un richiamo alla santità del momento ed un augurio di speranza, che qui riproponiamo.

Messaggio del Vescovo per la Pasqua: è inizio di vita nuova 

mercoledì 1 aprile 2015

Dedicato a Vittorio Chiapponi il Mese del Dialetto

1 commento:

Approvato con voto unanime il punto 10 dell' Ordine del giorno avente ad oggetto: ”Salvaguardia e valorizzazione dei dialetti”.
Approvata anche la proposta/emendamento di Alessandra Narseti, già anticipata ieri ai Consiglieri, che prevede la dedica a Vittorio Chiapponi di tale manifestazione che avrà cadenza annuale.

Una serie impressionante di foto ..... (immagini forti)

5 commenti:

Una serie impressionante di foto documenta la pronta reazione scatenata dalle forze comunali per ripristinare l'ordine nella complessa vicenda di Piazza Grandi e del suoi prugni. 
Approfittando della splendida giornata di sole che ci regala Aprile in questo suo primo giorno già all'alba si è dato inizio alla rimozione delle piante clinicamente morte e, in questo momento, si procede alla "piantumazione" di altre piante della stessa specie.
I cittadini della zona ringraziano.