sabato 30 luglio 2022

Villanella alla napoletana

Nessun commento:

MERCOLEDÌ 3 AGOSTO
Piazza Duomo Ore 21

VILLANELLA ALLA NAPOLETANA
Con Renata Fusco e Massimo Lonardi
A.P.S. "I parchi della musica"
Ingresso gratuito

La "Villanella" piaceva davvero a tutti  perché era popolare, rustica, contadina e  oltretutto, essendo di origine napoletana,  venne chiamata proprio "Villanella alla napoletana", anche quando i suoi versi non erano in napoletano, ma in italiano, in francese o in tedesco.

domenica 24 luglio 2022

Fidenza, 25 luglio 1943. L'ampia foto del Duce

Nessun commento:

 Nella notte tra il 24 e il 25 luglio il Gran Consiglio del Fascismo approva con 19 voti favorevoli, 7 contrari e 1 astenuto, l'ordine del giorno presentato da Dino Grandi che esautora Mussolini dalle funzioni di capo del governo. Poche ore dopo l'ormai ex duce è fatto arrestare e imprigionare dal re Vittorio Emanuele III. Il 25 luglio segna dunque la data della fine del fascismo come forma istituzionale e regime legittimo.

A Fidenza il 25 luglio 1943
L'ampia foto del Duce

Ci furono a Fidenza, come in tutta la provincia, manifestazioni di giubilo. Si inneggia al re, a Badoglio, artefici della "liquidazione". Non ci furono incidenti particolari, ma tutto si ridusse alla distruzione degli emblemi del partito nella Federazione e nelle varie sedi. A Fidenza, nella casa del Fascio, è addirittura un ex segretario fascista a staccare un'ampia foto del Duce e a mandarla in frantumi, calpestandola. Gesto emblematico. (da Fidenza nella Resistenza di Aimi e Copelli)

A Fidenza il 25 luglio 2022 (domani)

sabato 23 luglio 2022

Le chiese nascoste. A Roma con Nino Secchi

1 commento:
Le chiese di Roma sono più di 900, un dato che ne fa la città con più chiese al mondo; la loro storia accompagna quella della città da diciassette secoli, segnandone l’evoluzione religiosa, sociale ed artistica. Ce ne sono gigantesche, antiche, importantissime, ma ce n’è una, non meno importante delle altre, che è anche il più piccolo luogo di culto di Roma.

Un sito particolare, che non tutti conoscono, persino moltissimi Romani.  Di solito, in arte e non solo, si usa dire che “piccolo è bello”. Nessuna definizione è più adatta e confacente di questa per descrivere il fascino della cappella di Santa Maria dell’Archetto, nascosta e pressoché sconosciuta tra le vie del più frequentato e affollato centro storico di Roma.

SANTA MARIA DELL'ARCHETTO

La storia narra che in un vicolo della zona (siamo nei pressi della Chiesa dei Santi XII Apostoli e di Palazzo Odescalchi) fu esposta un’immagine della Madonna, dipinta alla fine del Seicento – 1690 – dal bolognese Domenico Muratori. Poco dopo essere stata sistemata nel suo angolino, come era d’uso per le varie “Madonnelle” che si incontrano per le vie di Roma, il ritratto della Vergine mosse miracolosamente gli occhi, creando – com’è da immaginarsi – grande emozione e anche scompiglio tra i fedeli. 

giovedì 21 luglio 2022

mercoledì 20 luglio 2022

Mercoledì 27 luglio in Consiglio Comunale si parlerà anche di Autovelox

11 commenti:

L'effetto dissuasivo che il Comune affida alla tecnologia degli Autovelox per evitare comportamenti in danno alla sicurezza stradale, hanno recentemente ingenerato malumore tra i cittadini. Le lamentele, che talvolta hanno trovato spazio nella stampa locale, non sono mancate ed ora una Mozione presentata dai consiglieri Luca Pollastri e Gian Franco Uni approda in Consiglio Comunale includendo nel testo, opportunamente, il tema della sicurezza stradale.  

martedì 19 luglio 2022

"SI MUOVE LA CITTÀ 2022"

Nessun commento:
Durante questa settimana, compresa fra lunedì 18 e domenica 24 luglio, "SI MUOVE LA CITTÀ 2022" presenta due appuntamenti ad ingresso gratuito.


Mercoledì 20 luglio
Piazza Garibaldi, ore 21:00
"Note sotto le stelle"
Banda Città di Fidenza

Come ogni anno, la banda "Città di Fidenza" ci propone un concerto a cielo aperto, all'insegna di note e di stelle, che si intrecceranno in un connubio tanto naturale quanto emozionante.
In caso di maltempo, la manifestazione non si svolgerà.

PROGRAMMA
Birdland
Eighties flashback
Sing, sing, sing
The lion King
Nuovo cinema paradiso
Here's to you
#Tutti insieme
W Verdi
A fifth
Mi ritorni in mente
The best of Zucchero
The Blues Brothers revue

La Banda di "Città di Fidenza" gode di una lunga storia interrottasi negli anni '80 che dal 1998 è stata riscritta grazie al lavoro  del direttivo dell'Associazione "G. Baroni" -  sostenuta dall' indimenticato consigliere Gioacchino Varani -  alla conduzione scolastica del M° Gian Luca Campanini che dopo 9 anni di direzione musicale (insieme al fratello Gabriele) ha lasciato il posto al nuovo maestro Saverio Settembrino, giovane dalle grandi capacità che ha accompagnato la rinnovata banda verso numerosi successi.

Da febbraio 2012 la Banda Città di Fidenza è diretta con passione e maestria dal M° Luigi Rizzi, diplomato in pianoforte, composizione e direzione d'orchestra, che contribuisce ad ampliarne la notorietà inserendo brani di vario genere, dai classici ai moderni, di forte attrattiva per strumentisti di tutte le età a partire dai giovanissimi.
MP

mercoledì 13 luglio 2022

"Andavamo al cine": giovedì 14 e domenica 17 luglio al Cortile delle Orsoline

1 commento:


"ANDAVAMO AL CINE"
 Giovedì 14 e Domenica 17 luglio, 
ore 21:30
Cortile delle Orsoline
Ingresso gratuito 

Corrado Castagnola ricorda quando la coda per entrare al cinema Cristallo iniziava alla trattoria Bellaria. Il film era «Per qualche dollaro in più». 
Lucio Cavallini rievoca il trionfo del film «La donna più bella del mondo» con Gina Lollobrigida, al Corso: gli spettatori furono milleduecento. 
Succedeva negli anni Cinquanta e Sessanta. 
A rievocare quei lontani fasti di una città che aveva ben tre cinema (il terzo era l’Italia, in piazza Pontida) e poi ebbe il quarto, l’Apollo, sono proprio loro, i due gestori, scomparsi ormai da diversi anni, ma testimoni vivi di quell’epoca nel film «Andavamo al cine» del giornalista Ivano Sartori. 

sabato 9 luglio 2022

Il Protocollo d'Intesa Via Francigena per il riconoscimento UNESCO

2 commenti:

Oriola di Fidenza: murales di via Conforti

Conseguire il pieno riconoscimento Unesco del percorso della Via Francigena nel 2025 è l'obiettivo che sta alla base del protocollo di durata triennale  firmato nei giorni scorsi a Firenze  i rappresentanti delle sette regioni che, coordinate  dalla Regione Toscana, sono attraversate dal tratto di Sigerico della Via Francigena e dei ministeri Beni Culturali ed Esteri.

giovedì 7 luglio 2022

Il Duomo dei nostri nonni

Nessun commento:

 
Non si conosce il nome di questo bravo fotografo che ha fissato, utilizzando la tecnica insuperata della fotografia alla gelatina bromuro d'argento, bellissimi scorci del nostro Duomo.
Le fotografie sono conservate nell'archivio delle Raccolte Grafiche e Fotografiche del Castello Sforzesco. Civico Archivio Fotografico, fondo Raccolta Iconografica, a Milano.
Risalgono al secondo ventennio del secolo scorso, quando il David della facciata aveva ancora il naso e il leone destro della torre del Trabucco poteva spalancare le fauci terrorizzando i pellegrini, ora la criniera è rimasta senza muso.

La mostra dell'artista Paolo Capitelli "Respiro Natura"

Nessun commento:

 

Da domenica 10 a domenica 31 luglio, con inaugurazione venerdì 8 luglio, è possibile visitare la Mostra dell'artista Paolo Capitelli al castello di San Pietro in Cerro (PC).
 le opere si raccolgono sotto il titolo

 Respiro Natura

 La mostra è curata da Roberta Castellani e Carlo Francou,

Palazzo Arzaghi svelato

Nessun commento:

Palazzo Arzaghi si trova nelle immediate adiacenze del Duomo di Fidenza, vale a dire nel nucleo più antico della città. Storicamente è la più importante struttura civile della città, unica di una certa importanza. Versa in stato di abbandono ormai quarantennale.

Nel sec. XVI la famiglia Arzaghi è già proprietaria del palazzo, ed è già una famiglia potente e conosciuta. Anche lo storico G. Laurini nel testo "San Donnino e la sua città" annovera la famiglia Arzaghi tra "le famiglie considerevoli di Borgo".

Nel 1842. In questo anno il palazzo passa da Arzaghi Angelo a Rusca Giovanni, in seguito viene assegnato agli eredi di quest'ultimo e nel 1854 passa a Frignani Giovanna. E' probabile quindi che la famiglia Arzaghi si sia estinta nel 1842.

domenica 3 luglio 2022

Antonello da Lugo, castellano della Rocca di Borgo San Donnino

2 commenti:


Alla metà del XV secolo la Rocca di Fidenza era un complesso fortificato che si ergeva su un dosso, pure fortificato, rivolto verso la pianura che guardava verso il letto abbandonato del torrente Stirone. 
Da pochi anni Francesco Sforza aveva firmato un accordo con i maggiorenti di Borgo San Donnino, la trattativa aveva posto fine a due anni turbolenti di contese dalle quali il nostro Comune  uscì, retto a repubblica, aveva dato prova di determinazione e valore rintuzzando le pretese di sanguinari capitani di ventura che intendevano impossessarsi di territori del ducato milanese dei Visconti.