martedì 4 novembre 2014

La scuola Zani ancora al massimo: musica, dialetto e storia


Mai così presente come in questi anni la scuola media Zani nel panorama fidentino degli eventi, e lo fa come la sua missione di scuola lo chiede: con l'educazione alla cultura che è poi il miglior modo di fare Cultura. 
E' questo un momento in cui si parla molto di promozione della città attraverso la cultura e della valenza del dialetto come fattore di cultura, ma la Zani e anche altre realtà scolastiche non si accontentano di sole parole e tanto meno di indugiarvi.


L'evento di cui parliamo si è tenuto il 30 ottobre presso ex macello ed aveva un duplice titolo: "Immagini Sonore" a significare i protagonisti, i ragazzi della 3° B del corso musicale, "Burägh nel tempo" ad indicare la vicinanza e l'appartenenza con la città in un rapporto che dura ormai da novant'anni

Gli insegnanti coinvolti più direttamente sono i professori del musicale Bertolani Francesca, Bonetti Roberta, Vincenzo Torricella e Rossi Michele e la professoressa Mara Dallospedale per i "lettori" della 2° A. 
Il Prof Chiapponi Giovanni in cabina regia il delicato compito per la proiezione dei filmati!

E' di Mara Dallospedale il saluto d'apertura: "L’occasione che ci ha portato qui questa sera è l’ottobre fidentino, quel momento dell’anno in cui siamo invitati a festeggiare, con il nostro Santo Patrono, anche la nostra città. Poiché questa nostra città è ricca di storia, ci è sembrato bello proporvi, assieme alla buona musica che ci offriranno i ragazzi della sezione musicale, anche immagini di Fidenza, soprattutto della ‘vecchia’ Fidenza, che forse molti di voi non hanno conosciuto e che qualcuno, speriamo, rivedrà invece con piacere e, magari, con un po’ di nostalgia…
Questo perché pensiamo che intrecciare tempi e luoghi nel riconoscimento delle proprie radici serva a riappropriarsi  della propria eredità storica e culturale e a  rinsaldare il senso di appartenenza ad una comunità.
A questo proposito, approfittiamo del contributo che ci è stato offerto proprio in questi giorni dal prof. Ambrogio Ponzi. Commentando il rapporto dell’Istat, che registra un calo notevolissimo dell’uso del dialetto, Ponzi propone di fare ‘ogni sforzo per consolidare quelle conoscenze che tuttora abbiamo sul nostro dialetto al fine di renderle patrimonio della comunità fidentina’.
E per dare il nostro, se pur piccolo, contributo, a parlare di radici, anzi, di räviši, stasera, è qui con noi un poeta fidentino, tanto fidentino che si esprimerà nella nostra lingua madre, il dialetto borghigiano.
E’ una persona molto conosciuta nella nostra città, ci ha regalato ben due raccolte di poesie dialettali… salutiamo Franco Giordani."

IMMAGINI SONORE BURÄGH NEL TEMPO è stato uno spettacolo inserito nelle manifestazioni organizzate in occasione della Gran Fiera di Borgo San Donnino che ha visto l'esecuzione di brani musicali di diversi autori, da Bach a Beethoven, Mozart, Charpentier, Bayly, Sanz, Piovani e altri grandi eseguiti dai ragazzi della classe 3°B della sezione musicale. 
Le esibizioni di ensemble e orchestra hanno accompagnato la lettura di brevi notizie storiche presentate dalla classe 2°A e poesie in dialetto borghigiano e due poesie scritte da Noa, una ex allieva. 
Spettacolare anche il  sottofondo rappresentato da circa 500 immagini di Fidenza dalla preistoria ad oggi: monumenti (primo fra tutti il Duomo), ma anche il vecchio  assetto  delle  vie e delle piazze, che sicuramente molti presenti non conoscevano, personaggi della storia  e della cultura borghigiana, il re Vittorio Emanuele presso il Monumento ai Caduti, caricature di Fidentini ‘illustri’ immortalati nelle varie edizioni del ‘Numero unico’. Presente anche  il re Vittorio Emanuele presso il Monumento ai Caduti, il grande campione Bartali in visita alla città, l’inaugurazione della ‘Piscina Dux’, le prime locomotive, il Pozzone e altri ‘luoghi’ scomparsi o trasformati dalla modernità, costruzioni da salvaguardare, come Palazzo Arzaghi o il vecchio oratorio Don Bosco. Non è mancata una nota di profonda tristezza: immagini di Fidenza distrutta dal bombardamento del maggio 1944.
Ospite illustre il nostro Vescovo che si è complimentato con insegnanti e ragazzi. Non abbiamo notato alcuna altra "autorità" cittadina.
Alla fine i ringraziamenti finali della scuola agli alunni ed al pubblico da parte della vice preside, prof.   Gloriana Lipia, presenza instancabile di ogni evento della scuola. Alla prof. Gloriana Lipia questa volta anche il compito di portare il saluto della "Preside" Lorenza Pellegrini impossibilitata ad intervenire.

Da parte mia ringrazio la prof. Mara Dallospedale della citazione in apertura e di avermi aiutato, largamente aiutato, nel comporre questo scritto, sue anche le fotografie.

1 commento:

  1. mirella capretti6 novembre 2014 19:30

    Sapevo della Manifestazione, ed ero molto interessata, soprattutto alle immagini di Fidenza nel tempo...
    Purtroppo non ho potuto essere presente e mi dispiace veramente tanto.
    Mi complimento coi Docenti che sanno trascinare gli alunni in eventi così importanti e significativi!
    Un saluto a tutti
    Mirella Capretti

    RispondiElimina