venerdì 24 novembre 2017

Il momento politico fidentino in un commento di Giovanna Galli


Ritengo vergognoso quello che sta succedendo in questi giorni a Fidenza. Un teatrino della politica che non fa onore a nessuno. Un sindaco che anziché discutere, dibattere per sostenere con chiarezza le proprie idee prende in giro i rappresentanti dell'opposizione facendoli così diventare gli eroi vittime delle ingiustizie. 

Un'opposizione che per protesta abbandona il consiglio comunale a metà seduta evitando di parlare di temi importanti. Un teatrino che non accenna a finire: grandi proclami sui media a cui fanno eco i post di un sindaco che evidenzia le cose approvate specificando "senza l'apporto della minoranza". Scusate ma mi sembra tutto assurdo. 
I nostri politici sono stati eletti per rappresentare i problemi dei cittadini e non per parlare dei loro partiti in questa continua e insopportabile campagna elettorale. 
Rischiamo una guerra nucleare, viviamo in un ambiente inquinato con un'aria spesso appestata (tanto che l'inquinamento è una delle cause più rilevanti dei decessi), è diminuita fortemente la prevenzione e noi sentiamo discutere sul nulla. 
Addirittura c'è chi ha tirato fuori il fatto che la banda sotto Cantini non ha suonato "Bella ciao". 
Per favore smettetela di essere autoreferenziali e pensate al bene della società.
Giovanna Galli

22 commenti:

  1. Sig. Ambrogio,
    è sbagliato il nome nel titolo dell'articolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'entra con l'argomento, ma vorrei proporre una discussione.
      A Fidenza, sono passato allo sportello pubblico per ritirare un referto di analisi del mio genitore,anziano, con delega che pensavo compilata correttamente,ma mi è stato contestato che ci voleva anche il numero e la fotocopia del documento di identità del genitore, oltre ai miei, che avevo. Quindi ho avuto il rifiuto della consegna del documento che ero venuto a ritirare. Questo in omaggio alla legge della "privacy".
      Ora, a parte che la privacy è spesso aggirata da molte grandi aziende, in modo del tutto legale, quando cercano di venderci qualcosa, trovo insensato e odioso questo accanimento burocratico, che poi viene a danno proprio di una categoria più debole ,come quella degli anziani.
      Ho sentito infatti vari anziani lamentarsi di questo sistema dove trionfa solo la burocrazia e sono negati i diritti veri.
      Oltre a tutto a Fidenza vediamo che c'è chi se ne infischia quotidianamente del bene pubblico, rompendo,rubando, sporcando,mancando di rispetto agli altri, usando i luoghi pubblici come proprio gabinetto. Chi paga le tasse e cerca di rispettare le leggi (la maggioranza dei cittadini) marita maggiore rispetto.

      Elimina
    2. Siccome conosco il problema, cercherò di esporle le motivazioni che hanno portato a questo stato di cose.
      A causa di un errore da parte dell'addetto alla distribuzione dei referti, nello specifico un caso di omonimia con la sola differenza della data di nascita, l'utente interessato è andato all'ospedale minacciando denunce a destra e a manca, obbligando di fatto l'Azienda ad adottare in modo scrupoloso la corretta metodologia di distribuzione.
      Nel foglio di delega, se gli utenti si degnassero di leggerlo bene, sono riportate tutte le istruzioni necessarie ad evitare possibili disguidi come appunto il diniego al ritiro del referto.
      Detto questo, credo che lei voglia solo polemizzare accampando dei diritti di comodo al di fuori della legge.

      Elimina
    3. Bene allora avanti con questa burocrazia cieca,che non tiene conto dei bisogni elementari delle persone deboli. Certo che voglio polemizzare, è un rigore inutile,alla rovescia ,che non fa nulla solo per chi non rispetta le regole principali. Le lascio credere di essere nel giusto,forse non hai mai visto gli anziani di Fidenza andare via indignati dallo sportello dei referti.La mia indignazione rimane.

      Elimina
    4. A parte che siamo fuori argomento e chiedo scusa per questo, vorrei solo dirle, visto che forse non ne è al corrente, che i suoi amati anziani sono in gran parte dei maleducati pretenziosi che insultano pesantemente gli addetti allo sportello che non fanno altro che eseguire gli ordini dei superiori.
      Gli indignati dovrebbero essere i dipendenti, le sue sono fandonie.

      Elimina
    5. Io prima di tutto non chiedo scusa per essere fuori argomento, perchè non sapevo come iniziare una nuova discussione in questo blog, che stimo.
      Con le mie "fandonie", come le chiama lei , sono andato a interessare il SERVIZIO PER I DIRITTI DEL MALATO, perchè sopportare qualunque cosa e stare solo zitti non fa per me. Le dico solo che siamo nel 2017, che si sta facendo di tutto in Italia paer damaterializzare i documenti, cioè eliminare la carta. Pensate che per poter rititare un referto con delega occorre la fotocopia della carta di indentità di quello che da la delega!! Ma non basta il codice della carta?? Quanta inutile burocrazia dobbiamo ancora beccarci dai burocrati pubblici? E' necessario fare valere i diritti dei cittadini.
      Le fandonie ce le vuol far bere lei.

      Elimina
  2. Grazie Signora Giovanna sono pienamente d'accordo con lei: anch'io trovo avvilente il ridicolo teatrino mediatico a cui stiamo assistendo: e come fidentina non mi sento affatto rappresentata da nessuno di questi politici tanto impegnati a giocare su feisbuc! I cittadini di Fidenza hanno bisogno di spiegazioni, di risposte non di leggere chi la spara più grossa!

    RispondiElimina
  3. Cara Giovanna, se non ci fosse da piangere, dovremmo sorridere alle fanciullesche ripicche dei componenti il nostro Consiglio Comunale. A volte, rimango per lungo tempo assente da facebook, proprio per non leggerli.

    RispondiElimina
  4. Mi verrebbe da dire dilettanti allo sbaraglio, ma allo sbaraglio siamo noi, ahimè!

    RispondiElimina
  5. Concordo Sig.ra Giovanna, davvero vergognoso!!!

    RispondiElimina
  6. Lamentarsi dei politici è comprensibile, ma dire che non ci si sente rappresentati da nessuno dei politici eletti per il comune di Fidenza,non porta a niente di utile. Ragionando così, alle prossime elezioni comunali forse si andrà a ingrossare il gruppo di chi non va a votare, facendo in modo magari che sia eletto qualcuno che non avremmo mai voluto che entrasse nel municipio.
    E' necessario invece scegliere le persone che riteniamo utili e capaci e mandare a casa tutti quelli che ci hanno deluso o che hanno dimostrato di essere incapaci, di qualunque partito siano. Comunque sia, per migliorare le cose bisogna impegnarsi personalmente e andare a votare.

    RispondiElimina
  7. Io non andrò a votare

    RispondiElimina
  8. Io andrò a votare. Per ora questo diritto non ci è stato tolto.

    RispondiElimina
  9. il bello è che chi si lamenta di più sono proprio quelli che non vanno a votare.......

    RispondiElimina
  10. Chi non va a votare lo fa perché non sa per chi votare, non avendo stima di nessuno, quindi uno vale l'altro, ossia nessuno vale qualcosa.

    RispondiElimina
  11. Chi non va a votare di sua volontà è dannoso per la società,perché non vuole far niente per migliorarla .Con il suo non-voto dice una cosa molto chiara:"non mi fido di nessuno al di fuori di me e mi sta bene che venga eletto chiunque,anche il peggiore dei delinquenti. Mi sta bene così,ho la coscienza a posto. E il bene degli altri della mia società non mi riguarda."

    RispondiElimina
  12. Può voler anche dire che non si accontentano dei quaraquaqà, che promettono, promettono, rubano, rubano. Il non voto signifiica appunto che mettono tutti quelli che ci rappresentano sullo stasso piano, perché, anche scegliendone uno piuttosto che un altro (con il voto), il risultato è sempre lo stesso.
    Al punto di corruzione e di abbandono a cui siamo arrivati, le persone perbene, quelle che ci potrebbero governare, non si presentano nemmeno, perché sanno che ormai la discesa per la china del disastro è inarrestabile e non vogliono mettersi in gioco. Buon per chi va a votare e spera di sceglieree la persona giusta che raddrizzi la baracca!

    RispondiElimina
  13. Sono del tutto d'accordo con Anonimo delle 18,44. Mi rifiuto di andare a votare per dei bugiardi, ladri,fancazzisti, mangiasoldi a tradimento, tutti, di destra, centro e sinistra. Fanno finta di combattersi, sono tutti in combutta e ci fanno il gesto del salame, quotidianamente, sghignazzando.

    RispondiElimina
  14. Ho appena letto che Castellani si è dimesso d vicesindaco, per motivi di lavoro. Mio Dio, ed ora, quali sciagure possono rovesciarsi su Fidenza, come potrà Massari continuare nel suo duro lavoro di sindaco, senza il suo vice?

    RispondiElimina
  15. La giunta attuale ormai è quasi a fine corsa, ha preso decisioni e anche causato conseguenze negative per qualcuno che non lo meritava , in base alla sua capacità, e per questo dovrebbe essere giudicata da chi voterà alle prossime elezioni comunali. Inutile polemizzare, cosa avremmo fatto noi al suo posto?. Invece penso che quando si andrà a votare sarà bene non dimenticare tutte le decisioni che non hanno fatto bene ai cittadini di Fidenza. Già adesso comunque è necessario pensare e decidere quali persone scegliere per amministrare il comune nei prossimi anni,pensando di sostituire le persone della attuale amministrazione comunale.

    RispondiElimina
  16. Un buon inizio futuro sarebbe non riconfermare più nessuno dell'attuale consiglio comunale ed evitare eventualmente anche che possano andare a fare danni politici in Regione o a Roma.

    RispondiElimina