giovedì 16 aprile 2015

Il sottopasso di Via Mascagni



A saldare il vecchio centro e la nuova urbanizzazione oltre la ferrovia è previsto un sottopasso della ferrovia che unirà Via Mascagni e Via Crocerossa che alla fine penalizzerà il centro senza alcuna contropartita.

L'individuazione di Via Mascagni viene da lontano e fin dall'inizio è stata osteggiata dagli abitanti del vicino quartiere residenziale che hanno organizzato una raccolta di firme. La protesta aveva trovato appoggio politico in Stefano Tanzi allora consigliere di minoranza in quota centrodestra poi Vicesindaco nell'Amministrazione Cantini.
Via Mascagni ripresa da Via Mazzini
La scelta di Via Mascagni fa parte del pacchetto di opere che le varie amministrazioni di centrosinistra hanno progettato e che era stata acriticamente sposata dall'amministrazione di centrodestra. 
Apparentemente il sottopasso dovrebbe permettere la semplificazione del traffico che attualmente trova nel sottopasso ferroviario di Via Mazzini uno storico collo di bottiglia. 
Questa rotatoria sarà il nodo 
principale  delle viabilità fidentina.
In verità il tunnel, che richiamerà altre opere stradali quali il raccordo con lo svincolo intermedio della tangenziale e con l'outlet e le altre vicine strutture commerciali, ha la funzione di favorire l'urbanizzazione di Via Marconi e di Via Crocerossa sino al guado della Granella.
Esistono già i progetti ed altri ne verranno di conseguenza promossi.
A questo punto se qualcosa rimasse di agricolo tra ferrovia e tangenziale, apparirà anacronistico e verrà rapidamente spazzato via in quanto non "eco compatibile" con il restante territorio intensamente urbanizzato. 
Avevamo inutilmente segnalato da tempo la necessità di ripensare questa soluzione prima della redazione del PSC ricercando altre soluzioni ma gli estensori, diretti o per interposta persona, hanno sposato il sottopasso di Via Mascagni. 
L'errore quindi del nuovo PSC è quello di aver pensato alle aree di espansione urbana senza considerazioni circa la viabilità sia del centro che della periferia ed i problemi di oggi saranno quelli di domani.

L'ex passaggio di livello della provinciale per Busseto resta
probabilmente il luogo migliore per un possibile sottopasso.

11 commenti:

  1. Quello che hai scritto è perfetto, coglie il segno e dice la verità sulla scelta di Via Mascagni. Sarà un cantiere con una durata che batterà " i Terragli" Far finta di cambiare TUTTO, con PARTECIPAZIONE, per NON CAMBIARE NIENTE. PROPRIO NIENTE . Fa tristezza a vedere che nessuno muove un dito.

    RispondiElimina
  2. La scelta del passaggio a livello della provinciale per Busseto, in effetti resterebbe la soluzione migliore, togliendo lo scempio di qua e di là del passaggio a livello degradando l'area posta all'interno. La realizzazione di un sottopasso è estremamente costosa, mi pare questi non siano i tempi per allestire cantieri di cui non è certa la fine e l'ammontare. Di più. E' un luogo vicinissimo all'unica zona turistica di pregio che ha Fidenza e recentemente candidata a divenire patrimonio dell'umanità. Vi si legge grande sprovvedutezza amministrativa.

    RispondiElimina
  3. So che era stato pensato anche una soluzione che poteva nascere in via Carducci contro al foro boario.
    Rimane un fatto ineluttabile.
    Dopo tanti anni e tante amministrazioni il problema rimane ahimè gravemente non risolto e chi si trova a percorrere spesso questa direttrice comprende la gravità della cosa per tutti. Pedoni, ciclisti, automobilisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questa è l soluzione maggiormente percorribile e con il vantaggio di spazi per realizzare sottopasso sia con innesto in via marconi, sia con la larga sede stradale di Via Carducci. Inoltre dopo l'acquisto del Comune dalla ferrovia dello scalo merci vi sono ancora maggiori spazi. I difetti, sono che non si andrebbero ad inglobare le aree come descritto sopra nel blog e l'altro ancora peggiore, che si andrebbe a creare dei PROBLEMI ALLA COOPERATIVA CHE INTERVERRA' all' ex Foro Boario. Basta guardare il progetto e sarà tutto ben comprensibile.

      Elimina
    2. Cittadino curioso17 aprile 2015 15:20

      Ma da via Carducci lo spazio è sufficiente per la rampa di discesa verso il tunnel? Poi, il sottopassaggio andrebbe fatto all'altezza dell'incrocio con il nuovo oratorio di San Michele, dove è possibile dall'altra parte collegarsi con via Marconi (non in corrispondenza del foro boario). In ogni caso, la lunghezza del tunnel da via Carducci è sensibilmente maggiore rispetto a via Mascagni perché il fascio di binari qui è più largo.

      Elimina
  4. L'importanza di un nuovo sottopasso è legata alla possibilità di legare la zona centrale di Fidenza con la zona di via Marconi e SP per Soragna, che da anni ormai si è configurata come asse a valenza industriale / commerciale / servizi di grande importanza.
    Crearlo sul luogo del vecchio passaggio a livello per Busseto, e quindi non intercettando via Marconi, perderebbe le caratteristiche che ho appena elencato e l'utilità si limiterebbe ad un collegamento più snello con Castione e Busseto, ma senza favorire il traffico ben più importante verso il casello autostradale e la zona commerciale outlet + shopping + cinema ecc..
    Probabilmente i luoghi più adatti restano via Mascagni o via Carducci. Mi sembra che la soluzione Mascagni abbia anche un avallo (e forse anche uno stanziamento) da parte delle ferrovie, rimetterla in discussione significherebbe perdere definitivamente il "treno". Inoltre realizzare il sottopasso in centro permetterebbe di regolare meglio quello esistente ("voltone") ad esempio mettendolo a senso unico.

    RispondiElimina
  5. cabassa andrea17 aprile 2015 21:51

    sicuramente da via carducci il sottopasso sarebbe più lungo, non di molto considerando che tutti i binari dello scalo merci vanno rimossi, però lo ritengo più strategico considerando che è più vicino agli insediamenti artigianali.
    oltretutto il prolungamento della strada oltre via marconi si andrebbe a raccordare con l'innesto della tangenziale dietro al cimitero.
    per il finanziamento delle ffss mi sembrava di aver capito che loro mettono una cifra, logico che se l'opera costa di più ce li deve mettere il comune, credo comunque che un opera del genere va valutata con molta attenzione, meglio spendere qualcosa in più se ci sono vantaggi evidenti.
    magari il sindaco riesce a farsi dare qualche soldino dal suo amico renzi, sempre che non abbia già speso tutto il tesoretto per andare a recuperare naufraghi e cadaveri in giro per il mondo.
    150.000 persone a 1000 euro al mese, detenuti che ci costano oltre 130 € al giorno, quanti tunnel e ponti sullo stirone salterebbero fuori proteggendo le coste e facendo lavorare i carcerati, badile e piccone.............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia un post disgustoso

      Elimina
  6. cabassa andrea19 aprile 2015 11:36

    vedere gente con telefoni da 4/500 € che non fanno una cippa tutto il giorno, clandestini che spacciano per le strade, delinquenti dell'est che massacrano anziani per rubargli 4 soldi, venditori ambulanti senza licenza totalmente abusivi che fanno quello che vogliono mentre a me lo stato chiede le tasse con un anno di anticipo senza sapere se lo guadagnerò o meno, carcerati che si lamentano perchè il trattamento non è da grand hotel, case popolari occupate abusivamente (succede anche a fidenza), rifiuti lanciati dalle auto come fosse riso agli sposi, non pagare rette trasporti pubblici o bollette, anziani che devono sopravvivere con 500 € al mese mentre spendiamo il doppio per un clandestino, questo lo trovo molto più disgustoso.
    a chiunque dispiace per un morte, ma non mi sento in colpa, hanno scelto volontariamente di tentare il viaggio, se solo avessimo delle regole più rigide come in tutti i paesi che si affacciano sul mediterraneo sarebbero disincentivati a provarci e non rischierebbero più la vita.
    è ora di piantarla di pensare che 60.000.000 di italiani possano salvare 7.000.000.000 di persone.
    andate a controllare l'aumento di suicidi dovuti alla crisi economica, nessuno ha mosso un dito, anzi hanno inasprito la tassazione sulle piccole imprese unico motore di questo paese allo sfascio.
    d'altronde renzi vede la rispresa e l'istat lo smentisce il giorno dopo, renzi dichiara che conosciamo a fondo la libia e il giorno dopo chiede all'egitto un aiuto per il controllo della libia, sono 2 anni che dice che c'è la ripresa economica e stiamo sprofondando sempre più.
    le preoccupazioni quali sono ??
    fare la giornata dell'orgoglio rom, la giornata degli immigrati, a quando la giornata di sto caz.. ??!!

    RispondiElimina
  7. discorso politico fin che si vuole, ma sicuramente fotografa lo stato attuale delle cose, senza bistecche agli occhi.

    RispondiElimina
  8. cabassa andrea20 aprile 2015 22:55

    forse in questo blog non lo avevo ancora scritto, il mio non era un discorso politico ma la mia personale visione delle cose.
    non penso così perchè milito nella Lega ma milito nella Lega perchè mi riconosco nei suoi ideali.
    questo a differenza di qualcuno che parlandoci la pensa come me ma poi vota a sx.
    curioso che oggi anche la mogherini abbia detto che bisogna fermare le partenze, dove era lo scorso anno quando ne sono arrivati 180.000 ?? quando lo dice un Leghista è il solito razzista, vedremo i titoli dei giornali di domani.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi