martedì 10 luglio 2012

Terremoto: entriamo nella Rocca di San Felice sul Panaro


Per prima volta entriamo nella Rocca di San Felice sul Panaro, vi entriamo grazie al servizio di Luca Ponzi diffuso oggi 10 luglio da RAI1 nel telegiornale delle 20.00.

Luca non può ricordare la nostra rocca colpita dai bombardamenti del 1944 e poi rasa al suolo nel dopoguerra. Era la Rocca dove aveva studiato il nonno, il pittore Ettore Ponzi, ed era familiare a tanti altri borghigiani della sua generazione e delle precedenti. Alcune parti della nostra Rocca erano simili a quella di San Felice anche se nei secoli la stratificazione delle aggiunte ed i rifacimenti hanno seguito strade diverse.

 LaRocca di San Felice sul Panaro prima e dopo lo sisma 


"A dir poco desolante è la situazione che si registra per il patrimonio artistico di San Felice sul Panaro, dove è diroccata la celebre Rocca Estense quadrilatera con torri angolari, eretta dal marchese Obizzo III d'Este nel 1340 e fortiticata un secolo dopo dal più famoso costruttore di fortezze del Quattrocento padano che si chiamava Bartolino da Novara. La Rocca aveva già subito seri danni con il sisma del 20 maggio: ieri (29 maggio) è arrivato il colpo di grazia. La scossa ha fatto crollare anche la Torre dell'Orologio, costruita nel 1594 e da allora punto di riferimento per tutti gli abitanti del paese. La torre era appena stata restaurata."
di Marco Carminati - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/NS8vO



Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi