sabato 23 marzo 2013

Free bar o free drink: nel nome del denaro tutto è lecito?



Questa lettera (vedi sotto) pubblicata sulla Gazzetta di Parma di giovedì 21 marzo, primo giorno di primavera, è una coraggiosa e necessaria denuncia di una incresciosa situazione che si è venuta a creare nel nostro territorio. L'estensore è Don Stefano Bianchi, responsabile dell'Associazione di Promozione Sociale "Progetto Link" e del Centro Giovani nonché parroco della parrocchia del Duomo in Fidenza.

Conosco don Stefano, so del suo impegno verso i giovani in età post-adolescenziale, so che questo suo impegno non si esaurisce nei locali della parrocchia o del centro giovanile Don Bosco, ma si esprime anche in strutture non certo abituali per un prete. Da qui possiamo partire per leggere la sua nota che suona come un segnale d'allarme: e lo è! 
Forse la sua denuncia sarà scomoda per molti, ma credo che sia a questi e a molti altri nota. Come è possibile ancora far finta di non sapere?





Egregio
Dr. Giuliano Molossi
Direttore
Gazzetta di Parma

Fidenza, lì 16 marzo 2013

Gentile Direttore,
Ci è facile metterci nei sentimenti di chi proverà a leggere le prime righe questa nostra lettera, che ha la cortesia di ospitare. “I soliti cattolici bacchettoni e perbenisti che ci fanno la morale”. Ci spiace deludere alcuni dei suoi lettori anche autorevoli ma non è proprio così. Siamo uomini di mondo e sappiamo bene che, soprattutto in periodo di crisi come questa, il profitto viene prima di tutto e che un locale pubblico come qualsiasi azienda per sopravvivere se le deve inventare proprio tutte, in molti casi è questione di sopravvivenza. Così come sappiamo che una “bevuta” nel week end viene addirittura considerata come un dovere civico per sfogare una pesante settimana. Come ci sentiamo vicini ai tanti che considerano fuori dal mondo, chi ritiene l’alcool l’ultima delle droghe legali nel nostro paese.

Non bisogna a nostro parere scomodare l’apostolo Giovanni per sentirsi nel mondo ma non del mondo. Basta mantenere alto oltre ai sopracitati sentimenti patrimonio comune della nostra società anche un altro sentimento, che preso in dosi moderate riesce a non mandare il cervello al definitivo ammasso, la sana indignazione. Allora chiediamo a lei e ai suoi lettori se non ci si debba indignare di fronte a locali del territorio fidentino, che somministrano liberamente alcoolici a tredicenni contravvenendo non solo a norme di legge in vigore ma anche a comuni regole di buon senso. Non ci si deve indignare di fronte a tecniche di marketing antiche ma passate come nuove come free bar o free drink. Si paga una quota e poi si beve finché si vuole e quindi vince chi beve di più poco importa se è sotto i 18 anni. Non era molto simile a chi tempo fa offriva lo spinello gratis fuori dalla scuola per avviare ad un percorso che spesso sfociava nell'eroina.
Se permette noi ci indigniamo a vedere ogni venerdì e sabato sera ragazzi uscire da questi locali distrutti, se va bene dopo aver abbondantemente vomitato. Non crediamo che il volto pulito dei nostri giovani si possa sporcare in questo modo rubandogli dignità e futuro. Certo c’è chi non si indigna e ritiene tutto questo normale, salvo poi piangere lacrime di coccodrillo al primo incidente mortale frutto ovviamente del caso o della crudele fatalità. Siamo bacchettoni se riusciamo ad indignarci prima che questo accada? Se è così, lo ammettiamo vogliamo annegare nel nostro essere retrogradi e antiquati, perché il bene della vita per noi rimane ancora oggi nel 2013 il più importante.

Perché siamo noi i soliti cattolici ben pensanti ad alzare il polverone, perché non si indignano le istituzioni, le forze di polizia, la scuola e le famiglie. Onestamente è una domanda che ci facciamo anche noi. Crediamo che ci siano persone capaci e consapevoli in tutte le categorie elencate, con molte di esse abbiamo collaborato in diversi progetti ma su questo tema sembra che tutti alzino bandiera bianca. Certo non per cattiva volontà solamente forse per mancanza di risorse o più semplicemente perché ritengono il problema più grande di loro. Noi ci siamo e siamo pronti a collaborare con tutti. Conosciamo i locali e i ragazzi che li frequentano. Sappiamo come finiscono spesso i week end e pensiamo che qualcosa si possa fare.

Le crociate sono un errore come cattolici ne sappiamo qualcosa, per questo non riteniamo i gestori dei locali degli “orchi” ma degli imprenditori che cercano, con più o meno etica, di portare avanti la loro impresa a cui spesso sono legati posti di lavoro e quindi futuro delle famiglie. Per questo vorremmo iniziare con loro un dialogo e vedere insieme se questo è l’unico modo di fare impresa sulla pelle dei giovani. Per questo invitiamo loro, le istituzioni, le forze di polizia, la scuola e le famiglie ad iniziare un dialogo senza chiudere gli occhi su quanto accade nella nostra città o nella prima periferia. Tutti gli strumenti sono validi e noi siamo a disposizione magari già a partire dalle colonne del suo giornale che ha usato la cortesia di ospitarci.

Cordiali Saluti
Don Stefano Bianchi
Presidente di Progetto Link A.p.S.

********************


Su questo stesso blog abbiamo dedicato due post alle tematiche connesse alla condizione giovanile a Fidenza:

“Condizione giovanile nel territorio di Fidenza 1”
“Condizione giovanile nel territorio di Fidenza 2”

3 commenti:

  1. pelle dei giovani??? ma io mi domando se stai male, hai il vomito, diventi verde, ma cosa continui a bere??? se ti metto un fiammifero vicino ad un dito lo sposti. Se stai male smetti. A nessuno mettono l'imbuto per bere.....

    RispondiElimina
  2. Sì è vero perchè siamo adulti e capiamo in pieno. Stiamo parlando di minorenni quindi l'intervento ed il progetto sono utili per far capire che prendere una basa al sabato sera non deve essere la normalità. Potrei elencarti il perchè lo fanno (disinibirsi e fare amicizie ecc) ma è ovvio che lo sai anche tu.
    Il ragionamento del fiammifero, a mio avviso, non è azzeccato: il fiammifero lo senti subito che fa male, l'alcool no... e non tutti i minorenni sanno contenersi. Vedi tutta la cronaca degli ultimi 8000000 anni

    RispondiElimina
  3. Franco Bifani25 marzo 2013 09:49

    Don Stefano ha tutte le ragioni di questo mondo ed anche dell'Altro; anzi, è stato anche troppo leggero, nel commentare i comportamenti di certi giovani e dei gestori e proprietari di bar e discoteche. Innanzitutto, non sono solo i cattolici, bene o male pensanti,a sollevare la questione dei week-end di beceri e decerebrati bamboccioni, a base di alcoolici e pasticche varie, ma tutte le persone di buon senso e di buona volontà, di qualsiasi ceto, censo e fede politica e religiosa. Detto, ciò, io non riesco a capire perché, per socializzare, certi tremebondi ragazzotti e troppe sciacquettine debbano trangugiare alcool e droghe, leggere o pesanti, fino a darsi un aiutino, i maschiettini, con pillole di vasodilatatori:come se l'amore fosse tutto riducibile e riconducibile alle prestazioni genitali! Ma come, non sei capace, a 20 anni o giù di lì, di trascorrere un fine settimana, che sia poi stato lieve o pesante, in compagnia di amici e coetanei, ridendo, scherzando, ascoltando o raccontando avventure e disavventure esistenziali? Hai bisogno di ottenebrare la mente, l'emotività, gli affetti, le sensazioni? Io non sopporto la visione di questi falsi maschioni machi, tutti con la bottiglia di birra,levataed ostentata in alto,a tracannarnea litri, fra l'altro con effetti spiacevoli di meteorismi e flatulenze. E poi, come accadde con le becere e buzzurre movide, via ad orinare, defecare e vomitare contro i portoni delle case altrui! Perché avvilirsi e degradarsi a questi abominevoli livelli? L'alccol ed il fumo sono tra le prime cause di morte, davanti alle droghe più pesanti; e chi continua a servire alcoolici a giovani, in evidente stato di ebbrezza, è complice infame di quanto poi essi perpetreranno, una volta fuori; ci deve essere un limite a tutto, essi sono ben peggio che orchi e la legge del profitto è anticristiana ed antiumana. O servi Dio, o servi Mammona! I giovani che ricorrono a queste modalità per socializzare e comunicare, mi fanno una gran pena,sono dei poveri polli d'allevamento,coccolati,viziati dalle famiglie, tenuti sotto vetro, nella bambagia, incapaci di reagire positivamente al minimo soffio di vento contrario e di sorpassare il più infimo degli ostacoli. Tra le agenzie educative, chiamate in causa da don Stefano, non vedo nominata, però, la Chiesa. Essa potrebbe, invece,istituire od incoraggiare, nei modi e nei tempi debiti, dei corsi di educazione sessuale, intesa come avvio alla conocenza reciproca tra maschi e femmine, all'Amore, al rispetto ed alla stima vicendevoli; e non soltanto, come si crede da più parti, come semplice conoscenza delle varie anatomie genitali e di come farne uso, proprio od improprio. Anche questo sarebbe un contributo alla mutua conoscenza tra gli adolescenti ed i giovani, le cui modalità d'approccio, sono invece, oggi, affidate ai siti porno sul web ed al passaparola, da caserma e da osteria, fra coetane malinformati e disinformati.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi