mercoledì 6 marzo 2013

Gli eccidi del 10 e 11 marzo 1945

Eccidi Carzole e Via Baracca

"Gli automezzi alle 22 circa arrivano a Fidenza, si fermano e ai prigionieri viene dato l'ordine di scendere. Il viaggio notturno non insospettisce i patrioti, quasi tutti piacentini. I prigionieri camminano verso Coduro, due per due in mezzo alla strada, mentre i tedeschi procedono in fila indiana da una parte e dall'altra.
Una squadra del Barabaschi, comandata da Full, si trovava nel campo sportivo di Fidenza, era scesa per ispezionare la via Emilia. Alcuni partigiani si trovavano sul tetto della biglietteria; Full stava proprio sulla biglietteria verso la Fidenza Vetraria. I partigiani vedono passare i tedeschi con in mezzo i prigionieri. Non comprendono affatto che i prigionieri sono condotti alla morte. I partigiani non attaccano ........... "
La ricostruzione di quegli eventi (con alcune lacune ed incertezze) 


FIDENZA COMMEMORA I CADUTI DEGLI ECCIDI DEL 10 E 11 MARZO 1945
Le celebrazioni si terranno domenica 10 marzo a partire dalle ore 9.45

Fidenza, 6 marzo 2013Domenica 10 marzo saranno solennemente commemorate le vittime degli eccidi di via Baracca e di Carzole di Coduro, cadute 68 anni fa sotto il piombo dei nazifascisti.
Ricordare il passato è impegnarsi tutti insieme, soprattutto i giovani, per un futuro di pace: questo anniversario è un’occasione per non dimenticare.

PROGRAMMA

Ore 9.45 - Funzione religiosa di suffragio nella chiesa di Coduro;
Ore 10.15 – Saluto del sindaco di Fidenza, Mario Cantini. Intervento del partigiano Renato
Frati, presidente della sezione locale Anpi, e di Mario Cravedi, presidente dell’Anpi
di Piacenza.
Ore 10.45 – Deposizione corona di alloro al Monumento Caduti di Carzole;
Ore 11.15 – Deposizione corona di alloro al Cippo ricordo di via Baracca.

La cerimonia sarà accompagnata dalla banda “Città di Fidenza”.

Presenzieranno alla cerimonia i rappresentanti e i gonfaloni dei Comuni di Piacenza e Fontanellato, della Regione Emilia Romagna, delle Province e dell’Anpi di Parma e Piacenza.


Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi