venerdì 5 dicembre 2014

Il multisala a Fidenza: 1.300 sederi in otto sale

Otto sale di proiezione formeranno il nucleo del megacinema multisala che sarà costruito a San Michele Campagna, vicino a Fidenza, a nord della tangenziale, verso l’Outlet, una zona che oggi è campagna. E' prevista una rotatoria lungo la strada provinciale per Soragna che pertanto tra la tangenziale di Fidenza e l'autostrada del Sole diventerà una collana ininterrotta di rotatorie. 

Si tratta di un terreno agricolo inserito nel caos urbanistico a nord di Fidenza anche se nessuna previsione urbanistica in tal senso è stata indicata nel PSC approvato la scorsa primavera ed in attesa di ulteriore passaggio in Consiglio Comunale. 
Si tratta comunque di una perdita netta di suolo che peraltro insiste in parte su terreni a tutela paesaggistica. L'accattivante immagine sopra è pura espressione grafica, colloca il multisala in un contesto che non sarà mai così.
Per il progetto, presentato dalla Snatt Real Estate srl, società immobiliare di Reggio Emilia, è iniziato il percorso di rilascio autorizzazione per conformità all'impatto ambientale.


Il nuovo cinema avrà 1.300 posti a sedere in otto sale. Nel complesso sarà inserito anche un grande ristorante di 1.100 metri su due piani. Attorno al cinema ci sarà un nuovo grande parcheggio con oltre 500 posti macchina, che occuperà un’area di 7.200 metri quadrati.



23 commenti:

  1. Dove lo farebbero dietro il Dealuna? In questo caso la classificazione esiste già da un pezzo in quanto un progetto analogo era stato presentato già nel 2010 dallo stesso proprietario che poi è vunuto improvvisamente a mancare qualche giorno prima della sua approvazione. Diversamente ci sarebbe bisogno di una variante urbanistica pre-PSC e non si capirebbe il motivo di farlo da un'altra parte quando esistono già aree classificate per un multisala. Personalmente lo preferirei in centro città nell'ex palazzetto dello Sport vicino a S.Pietro

    RispondiElimina
  2. Opplà...si ricomincia con le società immobiliari di Reggio Emilia!!!

    RispondiElimina
  3. Non c'è che dire, una bella colata di cemento. Ma non era Massari che in campagna elettorale parlava di consumo di suolo a "saldo zero"? Non c'erano altri posti già antropizzati e compremessi per fare una roba del genere? Come sempre si predica bene e poi si razzola male, in questo caso si è detta prima una cosa e poi si fa l'esatto contrario. Complimenti per la coerenza se la cosa è vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adottiamo un’area verde e urbana – 30 minuti di sosta gratis sulle righe blu per sostenere il commercio (preso dal sito web di Massari)
      tuttavia... la giunta Massari ha bocciato la mozione dei 5s che ha come oggetto: parcheggio gratuito con disco orario nel centro cittadino ogni sabato.

      Elimina
  4. Per una Fidenza tre o quattro sale bastano e avanzano considerato che già da tempo a Parma sia il Barilla Center che il Cinecity sono in forte sofferenza.
    A questo punto che fine farebbe l'unico cinema di Salsomaggiore?

    RispondiElimina
  5. Ho letto, prpoprio adesso, sul sito Nuovo Caporalato.it, che c'è stata una controversia tra STATT e la Cooperativa GDE, di Reggio Emilia, in quanto la STATT faceva lavorare per 50 ore settimanali facchini\ e extracomunitari, per 800\900€ al mese. La CGIL di Reggio e quella dell'Emilia-Romagna, avevano diramato un comunicato sul contrasto nel giugno del 2011, firmato da Mirto Bassoli e Antonio Mattioli, rispettivamente segretari del sindacato a Reggio e per la regione Emilia-Romagna. Speriamo che, nel frattempo, la ditta edile si sia messa in regola.

    RispondiElimina
  6. Finalmente la cittá smart prende corpo. I commercianti del centro offriranno il gelato gratis a quelli che partendo gratis dal casello e lavorando gratis per la di sconfitto arriveranno gratis all'obelisco e chiameranno gratis fidenza 2 la vendetta

    RispondiElimina
  7. Ho sentito che qualche creativo che vede lontano ha già dato il nome al ristorante pizzeria ecc. Atto secondo.

    RispondiElimina
  8. Considerato che i multisala a Parma non se la passano proprio benissimo, faccio fatica a pensare che questo palazzone funzioni meglio. Avremo altro cemento da guardare. Chissà se il terreno è ipotecato? E' forse quello dove doveva sorgere il centro acquatico sfumato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'idea del parco acquatico non era sempre dei DS? Tedeschi ?
      ahahhahahaha

      Elimina
  9. mal che vada...si trasformerà in un altro bingo ... mi ricorda qualcosa!

    RispondiElimina
  10. Guardando le immagini, si troverebbe all'uscita dalla tangenziale verso Soragna, di fronte al DeaLuna, tra la tangenziale stessa e il depuratore.
    Ma la riflessione da fare è la seguente: come mai nessun privato ha mai proposto finora di attrezzare un piccolo cinema in centro, ma solo iniziative di questo genere? Evidentemente il ragionamento commerciale è che ristrutturare l'Apollo o il centro don Bosco per un piccolo cinema rischierebbe il fallimento, invece un multisala enorme, anche se dovesse sopravvivere solo 5 o 10 anni, sembra sia in grado di garantire degli utili. Questo è il criterio per il quale oggi esistono società che investono in queste mega-strutture. Ormai le piccole sale in centro campano solo con contributi pubblici (vedi Parma), da noi quindi si dovrebbero trovare privati finanziatori che investano in una simile impresa, insieme al sostegno finanziario del comune. Due ipotesi purtroppo abbastanza lunari.

    RispondiElimina
  11. Un cinema a fianco di un depuratore??? Non c'è proprio altro posto??

    RispondiElimina
  12. Viva il cemento...ma sarà cemento verde e arcobaleno. Consumo di suolo??? Ma dai, sarà tutto galleggiante e trasportabile ovunque con trasporti eccezionali

    RispondiElimina
  13. Se è per questo anche l'hotel è adiacente al depuratore ma nessuno se ne lamenta.

    RispondiElimina
  14. Essendo di fianco al depuratore, se anche proiettassero films di m..., non ci dovrebbero essere lamentele. Con il Dealuna a fianco, prima o dopo lo spettacolo, ci si potrebbe consolare nel motel, in altro modo. L'idea del multisala non è nemmeno disprezzabile, dato che servirebbe un bacino d'utenza non solo di Fidenza, ma anche di Salsomaggiore, Soragna, Busseto, Fontanellato, Fontevivo, Alseno, CaSTELNUOVO FOGLIANI, COmpRESO CARDUCCIO PARiZZI, E CASTIONE MARCHESI, CON IL SUO SiNDACO GERMANO MELEtTI.

    RispondiElimina
  15. Quale hotel è di fianco al depuratore?

    RispondiElimina
  16. bhe se avete un altro posto valido per il multisala, potete sempre provare a chiedere a massari...sperando che non vi blocchi su facebook!!!!!!!!!!!!
    eh questi democratici!

    RispondiElimina
  17. Otto sale cinematografiche che bello!!!!!!!!! ma a che servono visto che a Fidenza i cinema sono tutti chiusi ? e se hanno chiuso un perché ci sarà ve lo siete chiesto?

    RispondiElimina
  18. Secondo me vogliono lasciare ai posteri un ' altra struttura a futura memoria
    Ai posteri l onere di abbattere u po come lo scheletro di fronte alla Bellaria...

    RispondiElimina
  19. Che fine ha fatto il progetto? Ma farlo dove c'era l'ospedale?? Logicamente con un parcheggio inserito nella progettazione, altrimenti sarebbe un caos

    RispondiElimina
  20. Non è che queste cose le decide l'ente pubblico così a capocchia, individuando un posto sulla cartina come si fa col Monopoli!
    Occorre innanzitutto che un investitore prenda l'iniziativa altrimenti non parte nulla.

    RispondiElimina