martedì 12 aprile 2016

Con la scuola media Zani camminiamo nella memoria


Doppia partenza oggi per i luoghi della Memoria nell'ambito del progetto della sezione fidentina dell'ANPI "Memoria in cammino". Un viaggio che vede protagonisti gli alunni delle scuole secondarie di 2° grado IPSAA “Solari” e ITIS “Berenini” ai campi di concentramento di Auschwitz – Birkenau, al quartiere ebraico di Kazimierz e di Cracovia e alla fabbrica di Schindler a Cracovia, ed un viaggio più breve, ma non meno intenso di dra mmatici ricordi, a Monte Sole e Marzabotto che vede la partecipazione degli alunni della scuola media fidentina Zani accompagnati dai loro insegnanti Maria Corradi, Claudia Bertuzzi e Mara Dallospedale

Seguiremo oggi quest'ultimo viaggio o, se vogliamo, pellegrinaggio attraverso le foto e le annotazioni che via via riceveremo grazie alla collaborazione di Mara e di Renata Sutti fin d'ora ringraziamo.



Le prime immagini sono eloquenti di un inizio regolare del viaggio al sacrario di Marzabotto e al Parco di Monte Sole, teatro dell’eccidio del 1944.


Ore 10

Con le ricercatrici Ilaria La Fata Michela Cerocchi del
Centro studi e movimenti parmensi al Centro visite
del parco "Il Poggiolo" - 10.30
Località San Martino - 11.00
Caprara di Sopra - 11.45
Caprara di Sopra - 12.00
Chiesa di Casaglia 12.20
Casaglia 12.20

Tomba di Don Dossetti 12.50

Pausa pranzo 13.15
Sacrario di Marzabotto 15.00

16.30

2 commenti:

  1. Con uno splendido sole, tra la cornice di verdi e fiorite colline è trascorsa una giornata all'insegna del ricordo. Ricordo sconvolgente che si è fatto commovente e toccante nella descrizione degli eventi da parte delle ragazze del Centro Studi Movimenti di Parma Ilaria e Michela che i hanno accompagnato nel cammino di Monte Sole e nei racconti della guida locale al Sacrario di Marzabotto.
    Nel silenzio dei luoghi che lasciano percepire l'orrore della strage i ragazzi, accompagnati dalle insegnanti Mara, Claudia e Maria, hanno preso coscienza della brutalità degli eventi dimostrando maturità e consapevolezza.
    Come rappresentante dell' ANPI di Fidenza, promotrice dell'evento, mi auguro che l'uscita didattica sia servita loro per farli riflettere, condannare la violenza e apprezzare i valori di resistenza e libertà.
    Renata Sutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signora Sutti, dopo l'evento rievocatore, di 70 anni orsono, metttiamoci tutti, però, di buona lena, per rendere attuali i valori della Resistenza, altrimenti, tutto diviene un ricordo che svanisce nel nulla, contraddetto dalla prassi attuale di tanti partiti, ideologie e dal comportamento quotidiano di chi si proietta nel passato e si scorda del presente, predica bene e razzola malissimo. Non riduciamo la rievocazione del 25 aprile ad uno stanco rito ripetitivo.

      Elimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi