venerdì 20 maggio 2011

Vita e morte del Vice Brigadiere Salvo D'Acquisto nel libro di Maria Grazia Fida

 


Giovedì 12 Maggio nella Sala Multimediale di San Michele è stato presentato il volume di Maria Grazia Fida dedicato alla figura ed all'eroico sacrificio del Vice Brigadiere dei Carabinieri Reali Salvo D'Acquisto, decorato Medaglia d'Oro al Valore Militare con la seguente motivazione: "Esempio luminoso di altruismo, spinto fino alla suprema rinunzia della vita, sul luogo stesso del supplizio, dove, per barbara rappresaglia, erano stati condotti dalle orde naziste 22 ostaggi civili del territorio della sua stazione, non esitava a dichiararsi unico responsabile d'un presunto attentato contro le forze armate tedesche. Affrontava così da solo, impavido, la morte imponendosi al rispetto dei suoi stessi carnefici e scrivendo una nuova pagina indelebile di purissimo eroismo nella storia gloriosa dell'Arma".
Mons. Gaetano Bonicelli, su invito del Vescovo di Fidenza Mons. Carlo Mazza, ha brevemente ripercorso le vicende storiche dell'Italia in quel tragico settembre 1943. Si è quindi soffermato sui fatti avvenuti a Torre di Palidoro dove poi si è consumato il sacrificio di Salvo d'Acquisto.
Ha poi ricordato che, il 23 settembre 1983, 40° anniversario della morte di Salvo D'Acquisto, nella omelia celebrativa del suo sacrificio, ebbe a dire tra l'altro:
"Salvo D'Acquisto ha fatto il suo dovere in grado eroico, ben oltre quello che il regolamento gli chiedeva. Ma perché lo ha fatto? Forse, in quel momento tragico, gli sono risuonate nel cuore le parole di Cristo. "non c'è amore più grande che dare la vita per chi si ama".
Giovanni Paolo II, l'anno successivo, dette inizio alla pratica di beatificazione insediandone la commissione. La pratica ebbe nuovo impulso nel 1989 per la determinazione di un cappellano militare, ma tutto è meglio raccontato nel libro di Maria Grazia Fida, presente alla presentazione.
E' la volta del Colonnello dell'Arma Paolo Cerruti che illustra il “percorso netto” di Salvo d'Acquisto fatto di virtù militare, familiare e cristiana che si materializza per lui nella morte.
Maria Grazia Fida brevemente accenna ai motivi che l'hanno portata a scrivere questo libro concludendo che la sua scelta è avvenuta quando si è resa conto che in Salvo d'acquisto c'era quello che si può definire il “bene assoluto”, quello che mons. Bonicelli aveva in altro modo espresso citando il Vangelo di San Giovanni cap. XV “"non c'è amore più grande che dare la vita per chi si ama"”.
Queste parole, tolte dalla prefazione al libro, del Generale C.A. Leonardo Gallitelli, Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri possono farci in altro modo capire l'importanza del lavoro di Maria Grazia Fida: “ ….. Per cogliere appieno la grandezza di un atto di eroismo, quindi, è necessario conoscere il carattere, le passioni, l’indole, l’educazione, i comportamenti quotidiani di quanti affrontano questa prova suprema. L’opera della dottoressa Maria Grazia Fida ci aiuta proprio in questo esame delle “radici”, proponendoci un nuovo viaggio nella vita del nostro Salvo D’Acquisto, raccontato con linearità e dovizia di tanti particolari momenti di quotidianità.”
Conclude il nostro Vescovo mons. Carlo Mazza che, rivolgendosi in modo particolare ai numerosi militari dell'Arma dei Carabinieri presenti in sala, ricorda l'importanza della loro missione che richiede continuamente una carica di umanità verso gli altri.
Ambrogio Ponzi 
Articolo pubblicato sul periodico Il Risveglio il 20 maggio 2011 

29 commenti:

  1. Complimenti per la presentazione del libro "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore" di Maria Grazia Fida...bene riuscita! Ho letto questo libro che è tutto Vangelo: "nel mese di gennaio, il piccolo veniva portato nella Chiese di San Gennaro, al cui fonte battesimale ne riceveva il Santo Battesimo...Così il bimbo era tratto in salvo dal pericolo di essere privato del Paradiso,se fosse morto prima del Sacramento".
    "L'eroico sacrificio di Salvo D'Acquisto,che offrì la propria vita per salvare dal massacro altre vite innocenti,è una della più alte espressioni della virtù umana davanti alla quale l'animo è colpito da ammmirazione e commozione profonde. Inchiniamoci reverenti dinanzi alla figura di quest'uomo umile e grande, il cui gesto suona condanna d'ogni atrocità e d'ogni darbarie,e la cui memoria non può perire".

    RispondiElimina
  2. L'Opera di Maria Grazia Fida è indubbiamente grandiosa sotto qualsiasi profilo la si voglia guardare.L'autrice potrebbe essere vista sotto la luce di persona munita di particolari ed eccezionali doti pedagogiche e religiose. Questopera "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore" merita di essere portata sui banchi di scuola,per far conoscere ai ragazzi la sublime bellezza del giovane Vice Brigadiere dei Carabinieri Salvo D'Acquisto. Nella premessa di Monsignor Carlo Mazza,Vescovo di Fidenza, leggiamo:"il raffronto tra il consueto comportamento umano e quello di Dio si presenta impari se non impossibile, per significare l'abissale divario di misura dell'amore. In tale prospettiva il sacrificio di Salvo D'Acquisto 'si illumina di immenso',direbbe il poeta Giuseppe Ungaretti. Egli diviene 'rivelazione' dell'intera sua esistenza,confermando un teorema,peraltro indimostrabile,del permanere di una sottile correlazione tra i valori e le forme di vita vissuta e la conseguente 'ragione' della propria morte. Proprio qui, a mio parere consiste il martirio e l'eroismo di Salvo D'Acquisto:come è vissuto così è morto.A tal riguardo scorre il filo rosso sul quale pende tutto il racconto di Maria Grazia Fida.L'abile scrittrice ha scelto, con lucida intenzione edificante, la 'logica' che sottende alla vicenda del Vice Brigadiere fucilato a Palidoro e ne ha fatto un 'martire' già visibile dai primi anni della sua vita,al tempo della scuola presso il Centro Don Bosco di Napoli. Così è narrata nel libro la storia di un'invincibile 'coerenza',direi l'apoteosi dell'altruismo, il segno del martirio quotidiano, scelto per essere vero discepolo del Signore,vera gratuità assoluta per chi è oltraggiato e per chi si trovi nel bisogno.
    La leggibilità del testo, pari alla bellezza fascinosa e seducente della figura di Salvo, rende il libro accattivante e altamente educativo per tutti coloro che coltivano uno spirito buono e generoso.Ma è soprattutto consigliabile ai giovani che,lungi da turlupinanti e ingannevoli fantasie di disimpegno,desiderano preporsi per la loro vita una via di dono,specchiandosi in un 'modello' di sicura imitazione sui sentieri della santità quotidiana,realmente possibile.
    Solo allora si può sperare di essere 'capaci dell'impossibile' agli occhi del mondo,ma non a quelli di Dio".

    RispondiElimina
  3. L'Opera di Maria Grazia Fida è indubiamente grandiosa sotto qualsiesi profilo la si voglia guardare. L'autrice potrebbe essere vista sotto la luce di persona munita di particolari ed eccezionali doti pedagoggici e religiosi. Quest'opera "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore" sarebbe di utilità inscussa portata sui banchi di scuola aim giovani.Nella Premessa al testo di Mon Signor Carlo Mazza legiamo:"La leggittimità del testo, pari alla bellezza fascinosa e seducente della figura di Salvo, rende il libro accattivante e altamente educativo per tutti coloro che coltivano uno spirito buono e generoso. ma è sopratutto consigliabile ai giovani che, lungi da turlupinanti e ingannevoli fantasie di disimpegno, desiderano preporsi per la loro vita una via di dono, specchiandosi in un "modello" di sicura imitazione sui sentieri della santità quotidiana, realmente possibile. Solo allora si può sperare di essere "capaci dell'impossibile" agli occhi del mondo, ma non a quelli di Dio.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  4. Ho letto questo bellissimo libro.
    Apprezzo la prospettiva da cui si pone per leggere in profondità la vita e la morte del Vice Brigadiere Salvo D'Acquisto, la scioltezza dello stile e la solidità della documentazione.Iddio benedica la sua vita e la sua bella missione: annunciare il Signore Gesù attraverso le pubblicazioni e la vita dei servi di Dio che hanno lasciato una traccia profonda nei solchi della storia e appartengono al patrimonio dell'umanità. Avanti ancora su questa strada!!

    Giovanni
    da Rosarno

    RispondiElimina
  5. Un libro quello di Maria Grazia Fida scritto davvero col cuore.
    Si legge tutto d'un fiato.

    Luca

    RispondiElimina
  6. Dal libro "Oltre la Storia.l'Eroe dell'Amore" di Maria grazia Fida emergono certi sentimenti che difficilmente erano stati colti in precedenti pubblicazioni su Salvo D'Acquisto. Trattasi di un'opera che merita una riflessione diversa dai semplici libri di storia che leggiamo su quel periodo. Non è un libro romanzato,poichè ricco di documentazione,note a margine,e fortemente si sente leggendolo il tratto di una penna femminile intensa per la fede e per la pedagogia.

    RispondiElimina
  7. "Fatti non foste a viver come bruti, ma per aver virtude e conoscenza", pensavo a questa drammatica affermazione del Divino Poeta, leggendo il libro "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore" di Maria Grazia Fida, e che mi ha aperto un barlume di luce sulle miserie e sulle avventure della vita!
    Salvo D'Acquisto: un uomo, che nel silenzio del suo dolore, lontano dalla sua famiglia, dal suo paese, ha sentito il richiamo della Fede e ad Essa si è aggrappato con virile coscenza, illuminato dalla speranza! Dice bene Mons.Carlo Mazza Vescovo di Fidenza:"Eppure, sì eppure, nel caso di Salvo D'Acquisto il male più ignominoso e insensato, produce un bene immenso, universale, si direbbe cosmico. E'un bene che vince il tempo, sorpassa la memoria, si dilata nell'intera umanita. E' un bene che ancora interroga le coscenze, suscita indignazione, sconvolge i pensieri, muove i cuori.Difronte al Vice Brigadiere, dal sentimento fine e divorato da un altruismo trasparente ed esemplare, sciolto da ogni calcolo anche legittimamente comprensibile, l'animo viene pervaso dall'ammirazione sconfinata perchè svela quella codardia che alligna in ogni uomo e fa la differenza rispetto ad un'esplosione di coraggio e di dedizione senza misura".

    Alessandro

    RispondiElimina
  8. Il nome dell'autrice appare come una "galleria di santità": c'è l'Incarnazione in Maria, c'è la Grazia del Figlio tra noi, c'è la fedeltà alla chiamata di Dio! Un bellissimo libro, "Oltre la Storia. L'Eroe dell'Amore" sul Vice Brigadiere Salvo D'Acquisto. Maria Grazia Fida ha compiuto una impresa ardua, con un limpido narrare. Compiacimenti!

    Matilde

    RispondiElimina
  9. Presentazione al libro di Maria Grazia Fida: "Il ricordo della figura eroica di Salvo D'Acquisto costituisce, al di là di ogni convenzione retorica, un omaggio a una figura di uomo esemplare, se non unica, ma anche un modo per riprendere contenuti fondamentali del convivere civile che oggi sono ampiamente smentiti da una diffusa pratica quotidiana molto lontana da quei valori che dovrebbero costituire i riferimenti essenziali per ogni comunità umana.
    Ancora una volta Maria Grazia Fida, grazie alla propria vocazione pedagogica, riesce a presentare ai suoi lettori un profilo biografico rigoroso, e per certi aspetti inedito, basato su materiale documentale, e contemporaniamente evidenzia lo spessore ideale e l'importanza formativa di una persona che, in coerenza con i propri valori, ha preferito sacrificare la propria vita pur di garantire la salvezza a potenziali vittime innocenti. L'attuale momento storico e la concomitanza con la ricorrenza dei 150 anni dell'Unità d'Italia rendono ulteriormente attuale il contenuto dell'opera, che diventa complemento ideale di un percorso più ampio di riscoperta e di adesione a imprescindibili valori civili e religiosi.

    Paolo Dosi
    L'editore

    RispondiElimina
  10. Il libro di Maria Grazia Fida benchè piccolo è intenso nel significato e nel farmi comprendere che comunque devo avere fiducia in Dio che non mi abbandona mai ed è al mio fianco in ogni momento della mia vita. Credo che Salvo D'Acquisto della sua vita ha fatto per tutti noi una vera lezione di Vita.

    Maurizio
    Reggio Calabria

    RispondiElimina
  11. Il lbro di Maria Grazia Fida, sulla vita del Carabiniere Salvo D'Acquisto, tra le altre cose ci indica la via per elevare lo spirito al di sopra delle brutture che il mondo contemporaneo ci impone.

    Maria
    da Parma

    RispondiElimina
  12. Carissimi amici che avete arricchito questo mio articolo dei vostri commenti vi ringrazio. Ho vissuto, bambino, quegli anni e so delle paure e delle lacerazioni che rimangono. Il sacrificio di Salvo D'Acquisto ci porta ad un'altra dimensione, ben espressa nei vostri commenti.

    RispondiElimina
  13. "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore". A mequesto titolo pare una bellezza.

    Antonella
    Rosarno

    RispondiElimina
  14. Tutto cio' che nasce dalla penna di Maria Grazia Fida fa sempre parlare di sè. Smuove nel mondo della letteratura, cori di opinioni e moltitudini di commenti.

    Filippo
    Scrittore
    Roma

    RispondiElimina
  15. Antonino da Rosarno4 gennaio 2012 08:50

    Quando io ero piccolo, ebbi la fortuna di conoscere la Dottoressa Maria Grazia Fida - mi pare di vederla ancora, semplice e familiare, seduta alla casa di sua nonna Teresa nella via Dogali a Rosarno,la sua terra e della sua innocente infanzia! Ho avuto l'onore di leggere la sua ultima opera (in un momento di forte depressione, era da poco in cui avevo perso mia Madre) "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore" vita e morte del Vice Brigadiere dei Carabinieri Salvo D'Acquisto, un libro di grande valore umano e che mi ha ridato la vita!

    RispondiElimina
  16. Per la presentazione a Rosarno del libro della Dottoressa Maria Grazia Fida "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore" Vita e Morte del Vicebrigadiere dei Carabinieri Salvo D'Acquisto, mi auguro che l'Amministrazione Comunale, e i cittadini di Rosarno, sappiano cogliere questa grande è irripetibile occasione come contributo per un mondo più giust.
    Da Nicotera Marina
    Nando Gangemi

    RispondiElimina
  17. Carissima dott.ssa Maria Grazia Fida, il mio sentito ringraziamento per avermi fatto conoscere l'opera "Oltre le Storia.L'Eroe dell'Amore". Gliene sono grato e mi congratulo per quest'opera sua tanto importante. un lavoro accurato e completo che rivela una passione quale suscita una figura così luminosa dell'Arma dei Carabinieri.

    Daniela
    Rosarno

    RispondiElimina
  18. Complimenti per il Suo bellissimo libro "Oltre la Storia.L'Eroe dell'Amore". Mentre invoco per Lei, cara Maria Grazia, l'abbondanza delle ricompense divine.

    Dalla Sua terra natia, con stima don Mario

    RispondiElimina
  19. Questo libro mi ha fatto pensare a quanti ancora oggi vivono l'idea del nazismo e fascismo e di quanto tutto questo sia assurdo. E' una cosa inaccettabile. Bisogna fare in modo che tutti conoscono questo libro per fare conoscere Salvo D'Acquisto e l'orrore di quei tempi.

    Luigi

    RispondiElimina
  20. Nel libro di Maria Grazia Fida, emergono certi sentimenti che difficilmente erano stati colti in precedenti pubblicazini su Salvo D'Acquisto. Trattasi di un'opera che merita una riflessione diversa dai semplici libri di Storia che leggiamo su quel periodo. Non è un libro romanzato, poiche ricco di documentazione note a margine, e fortemente si sente leggendolo il tratto di una penna femminile intensa per la fede e per la Pedagogia.

    RispondiElimina
  21. La solida formazione pedagogica di Maria Grazia Fida conosce, in quest'opera, una nuova interessante e stimolante tappa di un percosso senz'altro fondante per l'importanza dei punti di riferimento scelti. Nella sua precedente pubblicazione, "La Pedagogia dell'Anima" Vita di San Giovanni Bosco (Ed. Berti), L'Autrice approfondiva il contributo pedagogico da San Giovanni Bosco, rivolgendo in particolare lo sguardo al tema pedagogia personale e collettiva come segno distintivo dell'insegnamento del prete di Valdocco. Ora Maria Grazia Fida ferrma la propria attenzione su Salvo D'Acquisto. Anche qui ci troviamo di fronte ad uno studio ponderoso, molto documentato, ricco di rimandi e collegamenti, privo di orpelli o divagazioni, solido ed essenziale. Una sorta di biografia presentata attraverso il pensiero, che diventa strumento molto utile per chiunque intenda avvicinarsi o approfondire questa nobile figura del Vice Brigadiere dei Carabinieri Salvo D'Acquisto.

    RispondiElimina
  22. "Oltre la Storia. L'Eroe dell'Amore" di Maria Grazia Fida

    PREFAZIONE Del Gen. C.A. Leonardo Gallitelli
    Comandante Generale Dell'Arma Dei Carabinieri

    "L'atto di eroismo è sempre la sintesi sublime degli ideali, dei sentimenti e delle esperienze di chi lo compie. In altri parole, esso non è "semplicemente" un fatto sollecitato da drammatiche e contingenti situazioni di pericolo, ma una scelta consapevole che affonda le radici nel profondo sentire della persona e che determina il nostro agire con il corale coinvolgimento della mente e dell'animo.
    L'opera della dottoressa Maria Grazia Fida ci aiuta proprio in questo esame delle "radici", proponendoci un nuovo viaggio nella vita del nostro Salvo D'Acquisto, raccontato con linearità e dovizia di tanti particolari momenti di quotidianità: l'aiuto ai genitori nella cura dei fratelli minori, la preoccupazione per le condizioni di salute del padre, il contributo al sostentamento della famiglia, la dedizione agli studi tra mille difficoltà, l'entusiasmo con cui coltivava la sua formazione e le sue amicizie, così come tanti altri ragazzi della sua età.
    E' un giovane che cresce lungo un percorso ricco di luci che stupiscono ed emozionano per la spontaneità e per l'intensità. E' ancora poco più che fanciullo quando si dedica ai poveri ed ai malati o quando non esita a lanciarsi in una strada del centro di Napoli per salvare un uomo in procinto di essere travolto da un tram. Straordinariamente sorretto dai suoi sentimenti religiosi, decide quindi di realizzare il suo ideale di "dovere" quale "missione" arruolandosi, ancora ragazzo, nell'Arma dei Carabinieri.
    E' facile, allora, riconoscere le fonte di quelle emozioni che, all'alba del 23 settembre 1943, scossero l'animo del nostro Salvatore nella piana di Palidoro: il senso del dovere e i precetti della fede, l'affetto per i suoi cari e le responsabilità verso la "sua" popolazione, lo spirito di sacrificio ed il rifiuto delle ingiustizie.
    Testimone esemplare e quotidiano della fede di cristiano e dello spirito di servizio del Carabiniere, quel giovane Sottufficiale, che in quel giorno era anche Comandante della Stazione, visse in un attimo tutti i suoi 23 anni e donò la propria vita per salvare quella di 22 ostaggi innocenti, con un gesto che sintetizza mirabilmente l'eroismo laico e il martirio cristiano".

    RispondiElimina

  23. "OLTRE LA STORIA. L'EROE DELL'AMORE" DI MARIA GRAZIA FIDA

    PREMESSA:
    di Carlo Mazza, Vescovo di Fidenza

    "La grandezza di una persona si commisura al grado di carità che sa esprimere in uno slancio di dono di sè. Salvo D'Acquisto appar come un vero eroe della carità. E' davvero una felice sorpresa, scorrendo pagina per pagina questo eccellente libro di Maria Grazia Fida, ritrovarsi davanti una figura d'uomo che sembra uscire dalle leggende devote tramandate dalla pietà popolare tanto si rivela come un vero e ardente cavaliere dell'amore, immagine viva di un martire sacrificato per la vita di molti. Stupisce e commuove la storia, umile e semplice, di Salvo D'Acquisto.
    A ben riflettere, viene spontaneo la domanda se la sua tragica e orrenda fine sia da addebitare ad una mera casualità oppure ad un superiore disegno imperscrutabile. Forse è una domanda poco sagace e del tutto superflua. Sta il fatto della sua morte sacrificale, quale vittima designata ad espiare colpe non sue, ma di ignoti, pure insipienti essi stessi, ben sapendo i metodi nefandi dei nazisti.
    (...)
    Il raffronto tra il consueto comportamento umano e quello di Dio si presenta impari se non impossibile, per significare l'abissale divario di misura dell'amore. In tale prospettiva il sacrificio di Salvo D'Acquisto 'si illumina di immenso',direbbe il poeta Giuseppe Ungaretti. Egli diviene 'rivelazione' dell'intera sua esistenza,confermando un teorema,peraltro indimostrabile,del permanere di una sottile correlazione tra i valori e le forme di vita vissuta e la conseguente 'ragione' della propria morte. Proprio qui, a mio parere consiste il martirio e l'eroismo di Salvo D'Acquisto:come è vissuto così è morto.A tal riguardo scorre il filo rosso sul quale pende tutto il racconto di Maria Grazia Fida.
    L'abile scrittrice ha scelto, con lucida intenzione edificante, la 'logica' che sottende alla vicenda del Vice Brigadiere fucilato a Palidoro e ne ha fatto un 'martire' già visibile dai primi anni della sua vita,al tempo della scuola presso il Centro Don Bosco di Napoli. Così è narrata nel libro la storia di un'invincibile 'coerenza',direi l'apoteosi dell'altruismo, il segno del martirio quotidiano, scelto per essere vero discepolo del Signore,vera gratuità assoluta per chi è oltraggiato e per chi si trovi nel bisogno.
    La leggibilità del testo, pari alla bellezza fascinosa e seducente della figura di Salvo, rende il libro accattivante e altamente educativo per tutti coloro che coltivano uno spirito buono e generoso.Ma è soprattutto consigliabile ai giovani che,lungi da turlupinanti e ingannevoli fantasie di disimpegno,desiderano preporsi per la loro vita una via di dono,specchiandosi in un 'modello' di sicura imitazione sui sentieri della santità quotidiana,realmente possibile.
    Solo allora si può sperare di essere 'capaci dell'impossibile' agli occhi del mondo,ma non a quelli di Dio".

    RispondiElimina
  24. Le Fiamme d’argento VITAASSOCIATIVA
    RECENSIONI di Dario Benassi, al libro di Maria Grazia Fida: “Oltre la Storia. L’Eroe dell’Amore” Vita e Morte del Vice Brigadiere dei Carabinieri Salvo D’Acquisto.

    Azioni come quella che costò la vita a Salvo D’Acquisto avvengono d’impulso, decise in una frazione di secondo. Se ci si pensasse su, valutando pro e contro, probabilmente non accadrebbero. Ma per compierle di slancio, o si è incoscienti o, come nel suo caso, si è veramente forti d’animo, il che presuppone solidità morale, consapevolezza del proprio ruolo, senso di responsabilità, presenza di spirito e molta determinazione. Qualità, queste, che non s’improvvisano all’occorrenza, ma sono frutto di educazione ricevuta, di disciplina, di addestramento e di fede negli ideali che ci si è posti. Ed a sorreggere il giovanissimo Salvo nell’assumere quella decisione c’era tutto questo. Il libro di Maria Grazia Fida, che a prima vista potrebbe apparire come un ulteriore saggio che viene ad aggiungersi alla miriade di scritti e di lodi a colui che per l’Arma è divenuto “l’Eroe-simbolo” surclassando tutti gli altri che nello svolgimento del servizio hanno sacrificato la propria vita, non corre però il rischio di allontanarsi dalla realtà o di scivolare nel romanzesco. Si tratta in effetti di una attenta e documentata biografia che ripercorre le fasi della vita di un ragazzo, educato in famiglia a sani principi morali, orgoglioso di essere divenuto Vicebrigadiere dei Carabinieri ma non per questo diverso da tanti altri, il quale per puro caso si trovò un giorno a fare con slancio una azione tanto più grande di lui: sacrificare sé stesso per salvare la vita di altre persone innocenti. Ed era pronto a farlo. L’autrice, pedagogista ed affermata scrittrice in Salsomaggiore Terme, sviluppa una descrizione molto precisa e ricca di particolari, pervasa anche da frequenti richiami alla religiosità del protagonista, probabilmente finalizzati a contribuire alla causa della sua beatificazione. E’ un libro interessante, soprattutto sotto il profilo documentale, che pone il lettore di fronte ad aspetti anche inediti della vita di Salvo D’Acquisto e che si legge volentieri.
    Dario Benassi

    RispondiElimina
  25. L'eroico sacrificio del Vicebrigadiere dei Carabinieri Salvo D'Acquisto, che offrì deliberatamente la propria vita per salvare dal massacro altre vite innocenti, è una delle più alte della virtù umana davanti alla quale l'animo è colpito da ammirazione e commo...zione profonde. Inchiniamoci reverenti dinanzi alla figura di quest'uomo umile e grande, il cui gesto suona condanna d'ogni atrocità e d'ogni barbarie, e la cui memoria non può perire.

    RispondiElimina