sabato 3 maggio 2014

Mercoledì 7 maggio il primo incontro/confronto tra i candidati Sindaco del Comune di Fidenza



Mercoledì  7 maggio alle 20.30 presso la sala polivalente della parrocchia di San Michele in Via Carducci il avremo il primo incontro/confronto tra i candidati Sindaco del comune di Fidenza
Ad introdurre il giornalista moderatore GianLuigi Negri quindi avremo una breve auto-presentazione di ogni candidato Sindaco. 
A seguire l'intervento del Presidente CNA delegazione Fidenza, Roberto Rubini che darà poi spazio ai candidati Sindaco per la trattazione dei temi proposti.

Il Presidente APLA Confartigianato delegazione Fidenza, Roberto Sassi, il Presidente ASCOM Confcommercio delegazione Fidenza, Stefano Calza, ed il Presidente Confesercenti delegazione Fidenza, Giorgio Vernazza, introdurranno alcune tematiche di discussione per dare poi spazio ai candidati Sindaco per trattazione dei temi proposti.

Le associazioni hanno redatto un documento congiunto di cui riportiamo sotto la prefazione.

DOCUMENTO CONGIUNTO A CURA DI RETE IMPRESE ITALIA DI PARMA, IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 25 MAGGIO 2014.

PREFAZIONE
Le Elezioni comunali, per un territorio, sono sempre un appuntamento importante, qualunque sia la sensibilità politica e amministrativa dei cittadini chiamati a votare.
Inoltre, l’introduzione dell’elezione diretta del Sindaco e del Consiglio comunale da parte dei cittadini, entrambe istituite nell’ormai lontani 1993, ha prodotto, nell’attivazione del meccanismo politico degli Enti territoriali, in primo luogo nei Comuni, una maggiore responsabilità in capo agli elettori medesimi, i quali devono farsi carico di scegliere la figura del Sindaco autonomamente, senza il filtro dei Partiti.
Ovviamente, tale accresciuta responsabilità riguarda tutti i potenziali cittadini elettori e, da questo punto di vista, impone alle Associazioni imprenditoriali, che, nel nostro caso, compongono Rete Imprese Italia, una grande attenzione rispetto ai Programmi amministrativi che, doverosamente, ogni candidato Sindaco, insieme
alla sua Lista, propone alla sua comunità, in vista delle elezioni.
Rete Imprese Italia, anche nella sua compagine parmense, formata da Confartigianato-Apla; Cna; Gia; Ascom-Confcommercio e Confesercenti, rappresenta, in concreto, la diffusa presenza, nella nostra provincia, delle Piccole e Medie imprese manifatturiere e del Commercio.
Dunque, nei fatti, la realtà imprenditoriale che, attraverso una presenza reticolare, anima il nostro territorio, rendendolo vivo e dinamico con un’attività economica e produttiva fortemente intrecciata con il nostro tessuto socio-economico.
Le Associazioni che rappresentano Rete Imprese Italia, dunque, sono l’espressione storica più viva e genuina delle nostre realtà municipali, in termini di offerta occupazionale e di ricchezza prodotta a disposizione delle comunità del territorio parmense.
E’ per tali ragioni che, consapevoli della grande responsabilità che comporta ogni appuntamento elettorale, in termini di scelta civica e amministrativa al tempo
stesso, sentiamo il dovere di sottoporre, ai potenziali, futuri Sindaci dei 33 Comuni che andranno al voto nella provincia di Parma, il prossimo 25 maggio, alcuni punti
e contenuti programmatici, che consentano alle piccole e medie imprese di superare la drammatica crisi che già tanti danni ha prodotto, in termini di cessazioni d’impresa e perdita di posti di lavoro, e di produrre, anche per il nostro futuro, prosperità e benessere diffuso, com’è nella tradizione sociale ricca e generosa della nostra provincia.


2 commenti:

  1. Franco Bifani4 maggio 2014 10:32

    Spero solo di non dover assaggiare, per sei volte sei, la solita melassa, a base di promesse , impegni, giuramenti e spergiuri, tutti regolarmente delusi dopo la famigerata votazione.

    RispondiElimina
  2. Si sono visti i professionisti della politica. Freddi padroni di sè e della platea. La Gambarini prometteva mare e montim, tutto gratis. La Galli se l'è cavata bene ma il programma non è granchè. Gli altri due uomini Nardella e Rigoni nella sufficienza. Poi c'erano i5 stelle...

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi