martedì 29 marzo 2016

Scrivere il Medioevo: Buragh San Dunén


La scuola media Zani e Borgo San Donnino
"Presentazione di uno studio di carattere storico sul Basso Medioevo, legato al territorio di provenienza (paese, regione o nazione). Tale studio potrà prendere in considerazione vari aspetti della realtà locale: reperti storici, arte, usi , costumi, tradizioni e altro".
Questo l’oggetto del bando del Concorso Europeo “Scrivere il Medioevo” ed 2015, promosso dal Comitato Antica Fiera di Santa Lucia di Piave e diretto  agli alunni di tutte le scuole d’Europa di ogni ordine e grado, fatta eccezione dei corsi universitari.

L'obiettivo didattico era quello di incentivare la conoscenza del proprio territorio di appartenenza, far emergere la microstoria del territorio Europeo, riscoprendo le radici tardo medioevali delle realtà locali.

Non poteva non partecipare la Scuola media fidentina Zani e questa volta ci ha pensato la prof. Mara Dallospedale a mettere al lavoro gli studenti della classe IIA (anno 2014/2015).
Questa volta, però,  il premio è stato appannaggio di altri istituti; Mara Dallospedale così commenta:
"rimane la soddisfazione di aver partecipato e di aver coinvolto i ragazzi in una ricerca delle proprie ‘origini’  nella convinzione che intrecciare tempi e luoghi nel riconoscimento delle proprie radici serva a riappropriarsi  della propria eredità storica e culturale e a rinsaldare il senso di appartenenza ad una comunità."
L’elaborato presenta uno studio di carattere storico-artistico-linguistico su Borgo San Donnino nel Basso Medioevo. Prende in considerazione la storia del Borgo dalla caduta dell’Impero romano d’occidente fino alla dominazione dei Visconti.




Alcune parti sono riportate in dialetto per valorizzarne la ‘lingua madre’, il cui studio è stato proposto alla classe, grazie alla collaborazione di Claretta Ferrarini. Le rappresentazioni pittoriche sono di un maestro locale, il prof Ettore Ponzi e di Girolamo Magnani, scenografo fidentino.
Lo studio è ampiamente illustrato da immagini di sculture e bassorilievi della Cattedrale che possono considerarsi una ‘summa’ della storia della città, un’enciclopedia di  pietra, oltre che una Bibbia dei poveri, per i tanti personaggi storici e biblici rappresentati.
Il titolo è la forma dialettale di Borgo San Donnino che, ricordiamo, compare per la prima volta nella storia nel 923. Con regio decreto del 9 giugno 1927, Borgo San Donnino divenne Fidenza.
Situata sulla via Francigena, il 12 giugno scorso la città ha ospitato il 1° summit dei Sindaci Francigeni per sostenere la candidatura della via Francigena e della cattedrale di Fidenza a Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.
I ragazzi hanno visitato con gli insegnanti i luoghi più significativi della città, realizzato i disegni, studiato la storia locale, cercato gli allacci con la storia europea, scelto le immagini e le musiche con il sostegno dei docenti, prof Ezio Bianchi (arte) e Giovanni Chiapponi (musica), che hanno poi collaborato alla realizzazione del prodotto finale. 


Visionato l'elaborato in video del lavoro della Zani, mi è parsa buona cosa pubblicarlo, lo merita anche se enfatizza un poco il mio contributo in realtà del tutto marginale.

Qui sotto troviamo il video, per ragioni tecniche per la parte del filmato che riporta una intervista televisiva a Mons. Amos Aimi rinvio al post del 4 ottobre 2011. Per lo stesso motivo anche la musiche di sottofondo non sono quelle del filmato originale.
Più avanti alcune altre immagini tratte dal filmato.






Un pezzo di storia in dialetto borghigiano
tratta da un volumetto di Germano Boschesi




Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi