domenica 15 aprile 2012

Quartiere Europa: imputato alzatevi! Anzi, stai al tuo posto

video

Il filmato di pochi secondi sintetizza le due o tre ore del dibattito consiliare che aveva per oggetto l'affossamento del progetto iniziale del quartiere Europa, concepito da amministratori e tecnici ambiziosi ed, oggi, verrebbe da dire  impreparati. Nel filmato oltre alle espressioni facciali si vede come e da chi l'emendamento finale, utile a rabbonire l'opposizione, è stata corretto e validato e quindi inserito nella delibera. Di fatto con questa correzione si è stabilito che il Consiglio Comunale avrebbe avuto un'altra occasione per tornare sull'argomento entro il 2013, prima del bando per la ricerca di gestore della centrale di teleriscaldamento. 

Anche questo secondo emendamento è un segno del clima di incertezza presente anche nei banchi della maggioranza. Perplessità che si potevano anche cogliere nelle parole del presidente di San Donnino, Gianarturo Leoni, che aveva anche il difficile onere di smarcarsi dall'architetto senza farlo apparire, il suo contributo è stato comunque apprezzato. 
Smarcarsi dall'architetto probabilmente era quanto di meglio l'architetto stesso avrebbe desiderato fare. I cosiddetti dettagli tecnici  la cui illustrazione che in altre occasioni incantava i consiglieri, questa volta potevano essere evitati, l'assemblea sarebbe stata certamente meno "surreale" come l'amico Carduccio, a caldo, ha ritenuto di definirla.

Venezia 2008: il progetto del Quartiere Europa e della Centrale di cogenerazione ottiene

 un prestigioso riconoscimento (a pagamento). Ecco un momento della cerimonia.

Alta tensione non solo in Consiglio 
Comunale ma anche nel quartiere

video
L'introduzione del Sindaco Mario Cantini, 
come al solito, breve ma completa  

Poche le alternative possibili per il Sindaco e l'Amministrazione se non quella di limitare i danni di un progetto in cui nessuno oggi crede. In realtà non si può cancellare un quartiere che ha ormai cementificato la parte più pregiata della campagna attorno alla città, il danno è irreversibile e riguarda tutti anche se a pagarne il conto per primi sono le circa sessanta famiglie che si sono incautamente stabilite nel quartiere. Famiglie che hanno costituito un comitato per far sentire la loro voce, alcuni rappresentati del comitato erano presenti tra il pubblico, almeno così dicono. 
Quello che già abbiamo detto in passato circa la questo quartiere e della sua centrale è risuonato ora in bocca dell'uno ora in bocca dell'altro come possiamo vedere dai filmati sul sito del Comune cui rimando, per ora.

La materia prima per il cippato nell'area della centrale di Cogenerazione
(foto repertorio gennaio 2011)


P.S.:

Nessun commento:

Posta un commento

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi