mercoledì 22 luglio 2020

Don Rino: "..Il sorriso dei ragazzi come fiori del mio giardino"



Ecco il trailer del DOCU-FILM che ripercorre la vita e l' opera di DON RINO DAVIGHI negli oltre trent'anni di Apostolato come Parroco della Cattedrale di Fidenza dal 1960 al 1992, dal titolo che riprende le parole e l’indole Salesiana del Sacerdote, ancora molto presente nella memoria di tantissimi fidentini: in Lui infatti si identificheranno generazioni di ragazzi e bambini di quel tempo irripetibile ed indimenticabile.



Il Consiglio Comunale Fidenza, con delibera numero 181 del 3 ottobre 2013 decideva di denominare la tratta della ex via Emilia ovest dal ponte dello Stirone sino allo svincolo della tangenziale a Monsignor Ottorino Davighi, "don Rino" per i fidentini. La motivazione espressa nella delibera è stata da noi ripresa nell'articolo che, a suo tempo, abbiamo dedicato all'evento.Al ricordo di questa notissima figura Germano Boschesi ha dedicato un video o, meglio, il docufilm "..Il sorriso dei ragazzi come fiori del mio giardino" che viene proposto dall'Associazione Fidenza Cultura sabato 25 luglio alle ore 21.30 nel cortile delle Orsoline nell'ambito della rassegna “Si muove la città” curata dal servizio cultura del Comune di Fidenza .

********************
A Fidenza nei primi anni del dopoguerra, prima di diventare nel 1950 par roco della bassa a Polesine, Don Rino è stato animatore di iniziative sempre rivolte all'educazione morale e religiosa della gioventù.
Qui sotto lo troviamo in una foto del 1946 in cui quella gioventù, uscita dalla guerra, era raccolta nel cortile del vecchio vescovado, un angolo "normale" in quel contesto di macerie e mura pericolanti cui eravamo "abituati". 

Don Rino è il primo a destra, molti fidentini oggi 
ultraottantenni, possono ritrovarsi nella foto.

Don Rino parroco a Polesine dal 1950 al 1960, era tra i sacerdoti a cui lo scrittore Giovannino Guareschi faceva periodicamente visita. Tratti del suo carattere e forse alcuni episodi sono confluiti nella narrazione del ciclo di racconti che Giovannino ha costruito attorno alla figura di Don Camillo. A Polesine Don Rino fu vicino ai suoi parrocchiani nei giorni della Grande Alluvione del 1951. 

1 commento:

  1. Germano Boschesi22 luglio 2020 23:18

    Il docu-film che vedremo sabato 25 luglio alle ore 21:30 presso il cortile delle Orsoline, e' un documento inedito e non la replica della serata del 6 dicembre 2016. In quella occasione furono proiettate in sequenza una serie di foto, mentre sabato potremo rivivere le opere di don Rino raccontate dalla sua viva voce, tra video e foto inediti che fanno parte della raccolta di oltre 2500 immagini e circa 8 ore di video in pellicole 8 mm.

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi