sabato 8 gennaio 2022

Ex-ospedale di via Borghesi: la tempistica nella sistemazione dell'area

Immagine N° 1

Con deliberazione della Giunta Comunale numero 276 del 16 dicembre 2021 avente per oggetto "PSC SCHEDA DI COMPARTO N.25, COMPARTI VIGENTI, “AREA EX OSPEDALE DI VIA BORGHESI“. PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA. APPROVAZIONE E DISPOSIZIONI CONSEGUENTI" fornisce indicazioni circa la tempistica essenziale di attuazione del comparto urbanistico n° 25 per quanto riguarda l'area del vecchio ospedale di via Borghesi. 

Nelle righe seguenti, stralciate dal testo della delibera, così come pubblicata nell'Albo Pretorio, diamo quei passaggi che riteniamo rilevanti per la comprensione della tempistica  dell'intera opera premettendo, sempre da delibera, le date essenziali di un iter urbanistico rilevante e di cui tutti, oggi, attendiamo la conclusione perlomeno nei tempi definiti in delibera. 

Immagine N° 2

Le illustrazioni, che corredano questo post e che sono allegate agli atti, ci danno anche una idea complessiva delle costruzioni.
Nel testo si parla di "fabbricato storico vincolato ex d.lgs. n.42/2004 "Collegio dell'Angelo", quasi che l'operazione includesse un recupero del fabbricato storico originale. Ebbene questo è la più lontana delle ipotesi se guardiano questa storica foto e la compariamo con l'Immagine N° 1.

Il Collegio dell'Angelo nel novecento

Stralcio dall'atto di deliberazione numero 276 G.C.
(Le evidenziazioni in grassetto sono nostre)


"Nel 2003 venne sottoscritto un accordo di programma da parte di Comune di Fidenza, Ausl e Provincia di Parma, in variante al P.R.G., funzionale alla variazione dello strumento urbanistico generale e in cui si definivano i contenuti del comparto, approvato con decreto del Presidente della Giunta provinciale il 17 dicembre 2003.

A seguito di asta pubblica il compendio venne aggiudicato alla ditta Pacchiosi Drill s.p.a. che nell'aprile del 2009 presentò richiesta di valutazione preventiva relativa ad una proposta di variante al piano particolareggiato

Nel frattempo con Pdc 26/2009 in attuazione di quanto previsto nell'accordo di programma la soc. Pacchiosi, procedette alla demolizione parziale degli edifici costituenti il complesso ex ospedale ad eccezione del fabbricato storico vincolato ex d.lgs. n.42/2004 "Collegio dell'Angelo" e del fabbricato ex sede del distretto AUSL di via Berenini.

Nel dicembre 2017, con l'approvazione degli strumenti urbanistici tra gli altri, piano strutturale comunale (PSC) e regolamento urbanistico ed edilizio (RUE), il Consiglio Comunale ha approvato, quale comparto vigente, la scheda di comparto n.25 di PSC, che, richiamando i limiti quantitativi dell'accordo di programma originario, adeguava la scheda ai nuovi parametri urbanistici

Oggi preso atto delle successive integrazioni avvenute, -omissis.- è possibile approvare variante al piano, -omissis.- per dare concreta attuazione alle previsioni di PSC.

Si specifica che la convenzione definisce le modalità e i tempi degli stralci funzionali secondo le seguenti tempistiche:
a) Permesso di costruire delle opere di urbanizzazione primaria entro 1 anno comprensivo del computo delle opere di urbanizzazione secondaria;
b) Permesso di costruire del primo stralcio, comprendente come da tavole di PUA sia il recupero del Collegio dell'Angelo che una delle quattro palazzine residenziali di nuova costruzione entro 18 mesi. -omissis.-.
c) Permesso di costruire della eventuale parte rimanente del primo stralcio (vedi sopra) al massimo entro 3 anni;
d) Permesso di costruire per l'intervento di ristrutturazione edilizia della palazzina ex uffici amministrativi dell'AUSL -omissis.- entro e non oltre 6 anni;
e) Permesso a costruire delle rimanenti palazzine al massimo entro rispettivamente a 4,6,8 anni sempre dalla firma della convenzione; definendo quale tempo limite di validità i 10 anni dalla firma della convenzione. -omissis.-
Il Piano prende atto, infine, della già intervenuta realizzazione dello svincolo in rotatoria lungo l'asse storico della Via Emilia"


Immagine N° 3


Vedi anche;


9 commenti:

  1. io ero rimasto che il progetto prevedeva tre palazzine in fila lungo viale primo maggio, da immagine 2 ne hanno ammucchiate quattro nell'angolo ?!
    nell'immagine 3 l'uomo che esce dal percorso pedonale assomiglia all'architetto capo, un po sfocato ma sembra lui :)

    RispondiElimina
  2. Roberta Taccagni9 gennaio 2022 08:29

    Se ho capito bene, ci sono voluti 13 anni per approvare il progetto di Pacchiosi, giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non si tratta solo di burocrazia. Probabilmente c'erano altre obiettive perplessità imprenditoriali.

      Elimina
  3. Mirella Capretti9 gennaio 2022 23:42

    Bello, per me 'Il Collegio dell'Angelo nel Novecento' della foto. Vi trovo movimento, equilibrio, armonia di volumi, di pieni e di vuoti, che mi riportano ad architetture antiche, secondo me inserite meglio nel paesaggio.

    RispondiElimina
  4. Il fabbricato storico originale è bellissimo. La ristrutturazione stravolge tutta l'armonia della costruzione primitiva. Vista così non si salva proprio nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. E' come temere il caro estinto in frigorifero

      Elimina
  5. La rocca distrutta, palazzo Arzaghi in agonia (già coperto dal lenzuolo), piazzale della stazione ferroviaria mostruosamente sfregiato, Il convento dell'Angelo, se ristrutturato in tal modo, diventerà un fabbricato anonimo senza alcun valore nè storico, nè artistico, resta ancora qualcosa da cancellare della nostra storia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna fare attenzione al Teatro!!!! Fidenza sempre più brutta!! Ma perché?? Perché?

      Elimina
  6. Marisa Guidorzi15 gennaio 2022 10:41

    La Storia...questa sconosciuta, l'Humanitas...questa ignorata.
    Se non si parte da queste ogni restauro è la loro negazione, è la perdita di tracce del cammino di una Comunità fatta di anime, di intelligenze, di sentimenti, di vite, di tempo.

    RispondiElimina