mercoledì 11 marzo 2015

Centrale di cogenerazione: un fiore all'occhiello pagato caro

Riportiamo sotto il comunicato, oggi sul sito del Comune e domani sulla Gazzetta. E' una di quelle notizie che non possono essere smentite se non dai fatti, come siamo da tempo abituati. Ma è lecito chiedere e pretendere di sapere quanto ci è costato tutto questo.

Solo tre annotazioni circa il contenuto:
  • il progetto "innovativo" è stato da tempo abbandonato passando, per fortuna, è il caso di dirlo, dal "cippato" al gas metano, come per le normali caldaie di casa,
  • il premio Urbanpromo che è stato assegnato al progetto era a tariffa e non già a qualità del progetto,
  • l'eventuale risparmio energetico è già stato abbondantemente prelevato dalle tasche dei fidentini, forse se ci sarà pensate che ci siano rimborsi? 
RUSH FINALE PER LA CENTRALE DI COGENERAZIONE DEL QUARTIERE EUROPA
I lavori sono in dirittura d'arrivo

Fidenza, 11 marzo 2015 – Sono in dirittura d'arrivo i lavori per la realizzazione della centrale di cogenerazione a ciclo geotermico del quartiere Europa: l'atteso completamento di un progetto residenziale che fa del nuovo quartiere un fiore all'occhiello in termini di risparmio energetico, sostenibilità ambientale e qualità della vita. Si completa così, finalmente, una parte del disegno urbano di un'area residenziale talmente innovativa da vincere il premio del pubblico a Urbanpromo nel 2008 e rimasta poi incompiuta.
A partire da domani, giovedì 12 marzo, San Donnino Multiservizi inizierà i lavori di completamento delle opere impiantistiche per la realizzazione della centrale, consistenti nell'esecuzione di due pozzi per la reimmissione delle acque in falda e di una condotta per l'adduzione dell'acqua che collega il sistema dei pozzi.

9 commenti:

  1. controllate se è vero che occorre passare (per collegare la cabina elettrica agli impianti) per un terreno della Di Vittorio e che questa storia dura da tempo.Era talmente innovativa che ci è già costata un mucchio di soldi e....basta.

    RispondiElimina
  2. cabassa andrea12 marzo 2015 21:35

    non capisco il fatto dei pozzi, a meno che non ci sia abbinata una pompa di calore acqua/acqua.........mah.
    certo che vantarsi di una situazione che è nata palesemente sbagliata come la gestione di tutto il quartiere (diverse tipologie impiantistiche nei vari condomini) mi sembra fuori luogo.
    a proposito quando i parlamentari si muoveranno per far rispettare a enel il contratto per l'interramento della linea ad alta tensione ?
    se come dice colombini bisogna attraversare un campo di vittorio cosa costerà l'attraversamento ? non sarà mica una necessità per incamerare soldi ?

    RispondiElimina
  3. Gentile Cabassa, come Le avevo anticipato nel post del 06 marzo, ora la Geotermia che Lei ha giudicato superata, è andata in sposa alla San Donnino che invece ci crede molto. L'unica cosa certa è che NOI PAGHIAMO, PURTROPPO!

    RispondiElimina
  4. cabassa andrea14 marzo 2015 07:32

    non intendevo superata, non vorrei fosse un sistema integrato, tipo le ibride domestiche, fra cogenerazione a gas metano e pompa di calore.
    come tutte gli impianti vanno valutati i costi (iniziali) e i risparmi (futuri) senza dimenticare la spesa per la manutenzione necessaria ai diversi sistemi.

    RispondiElimina
  5. Ci sono passato di fianco l'altro giorno. Fa schifo è un mostro nero inguardabile. Da lontano sembra una enorme punta di formaggio andata a male.

    RispondiElimina
  6. Per fortuna che è stato profumatamente pagato un professionista esterno per il controllo della qualità architettonica

    RispondiElimina
  7. Che se non sbaglio è lo stesso professonista che l'ha progettata, in pratica è il controllore di sè stesso.

    RispondiElimina
  8. Almeno il sindaco ringrazi chi ha deciso prima di lui di cambiare l'iniziale progettp della centrale da cippato a metano e geotermico. Meno male, chapeau.

    RispondiElimina
  9. Per quanto riguarda il professionista pagato per controllare la qualità architettonica del progetto, se è vero che è lo stessa persona che prima progetta poi controlla sè stesso, meglio stendere un pietoso velo. Ma possibile che la legge italiana permetta tutto questo??? È assolutamente illogico ed eticamente inopportuno! Ma come si fa...!!!

    RispondiElimina

Ädèssa a vüätar . Adesso a voi